Mostra e conferenza “PER VITTORIO GRANCHI. A trenta anni dalla scomparsa”

Mostra e conferenza

PER VITTORIO GRANCHI
A trenta anni dalla scomparsa

30 novembre 2022

Salone delle Adunanze – Palazzo dei Beccai – ore 16.30
Presentazione del volume
VITTORIO GRANCHI. LEZIONI DI RESTAURO
a cura di Giorgio Bonsanti, Andrea Granchi, Giacomo Granchi
(Edifr, 2022)

Saluti
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Maria Federica Giusti, Assessore del Comune di Firenze
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno
Intervengono
Marco Ciatti, già Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure
Simona Rinaldi, Università della Tuscia

 

Salone della Biblioteca Palazzo dei Beccai – ore 18.00
Esposizione: 30 novembre – 11 dicembre su appuntamento
VITTORIO GRANCHI. OPERE INEDITE E RITROVATE
a cura di Andrea e Giacomo Granchi

Saranno presenti i curatori

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione della mostra “RIGATO. verso ogni dove”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

RIGATO verso ogni dove

 

sabato 3 dicembre 2022 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia

Giovanna Giusti
Curatrice della mostra

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

 

La mostra resterà aperta dal 3 al 29 dicembre 2022
orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00
chiuso Lunedì

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

XXXV edizione ARTOUR-O e il Rispetto è un MUST

Da  Firenze nel Mondo
Arte, Rispetto e Committenza
Si brinda al 18° anno
XXXV edizione ARTOUR-O
e il Rispetto è un MUST

Maria Donata Spadolini Madrina della XXXV edizione e Tiziana Leopizzi
sono liete di invitare la S.V.

insieme a Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno,

sabato 19 novembre – ore 10.30
Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4 – Firenze

con le Testimonianze del Rispetto degli Accademici
e il Rispetto dei Bambini di Asunciôn, Firenze e Genova

Si ringrazia il grande Amico di ARTOUR-O
Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana,
e tutti gli Artisti, i Committenti, i Giurati, i Relatori e i Bambini e tutti gli Amici
di ARTOUR-O

È gradita la conferma, R.S.V.P. +39 348 3358530

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

“CESARE FANTACCHIOTTI Scultore” Giornate di studio promosse in occasione del centenario della morte dello scultore 1922-2022

CESARE
FANTACCHIOTTI
Scultore

Giornata di studio promosse in occasione
del centenario della morte dello scultore 1922-2022

 

17 novembre 2022 – ore 15.30

Accademia di Belle Arti – Sala Ghiberti, via Ricasoli 66

Coordina Francesca Petrucci e Francesca Fiorelli Malesci
Saluti del presidente Carlo Sisi
Saluti del direttore Claudio Rocca

  • Lia BerniniCesare Fantacchiotti scultore, la vita e le opere
  • Cristina FrulliL’educazione in Accademia di Cesare Fantacchiotti; fra antichi insegnamenti e la Riforma didattica del 1859
  • Silvestra BietolettiIl rapporto di Cesare Fantacchiotti con la pittura della Firenze del secondo Ottocento e il suo dilettarsi coi pennelli
  • Susanna RagionieriCesare e la corte siamese: artisti fiorentini per la corte siamese, Cesare Fantacchiotti, Galileo Chini e Corrado Feroci, Donatello Gabbrielli
  • Valentino Moradei GabbrielliIl ritratto di King Rama V di Cesare Fantacchiotti. La Bottega Fantacchiotti Gabbrielli per il Siam

Visita ai progetti del Corso di allestimento mostre esposti in Biblioteca

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 ___________________________

18 novembre 2022 – ore 10.00

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

Coordina Francesca Petrucci e Francesca Fiorelli Malesci
Saluti della presidente Cristina Acidini

  • Giulia CocoL’impegno in Accademia di Cesare Fantacchiotti
  • Sergio CaspriniL’adesione ai valori risorgimentali nell’opera di Cesare Fantacchiotti: dal monumento a Giuseppe Giusti ai busti per Garibaldi e Vittorio Emanuele II
  • Enrico SartoniCesare Fantacchiotti e il gruppo demo-sociale all’origine dell’Ufficio Belle Arti del Comune di Firenze
  • Marco Di MauroCesare Fantacchiotti: all’asta un capolavoro perduto
  • Marco Riccomini“La vanesia” a Tashkent
  • Marco Di MauroIl monumento a Giuseppe Giusti a Monsummano Terme

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 ___________________________

18 novembre 2022 – ore 15.30

Opera di Santa Maria del Fiore, Sala dell’Antica Canonica
Piazza San Giovanni, 7 – Firenze

Coordina Francesca Petrucci e Francesca Fiorelli Malesci
Saluti del Consigliere Antonio Natali

  • Rita FilardiCesare Fantacchiotti scultore. La facciata di Santa Maria del Fiore
  • Benedetta MatucciCesare Fantacchiotti nella Chiesa Anglicana di Holy Trinity
  • Stefano Landi Recupero dei sacri marmi bianchi della torre valdese e del busto di Pa¬olina Mugnaini al Cimitero delle Porte Sante di San Miniato
  • Valentino Moradei Gabbrielli La scultura nell’era digitale
  • Grazia Gobbi SicaCesare Fantacchiotti amico degli inglesi
  • Alberto CascianiIl restauro del monumento Spence nel Cimitero agli Allori

Visita al Museo dell’Opera del Duomo

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

IL GRANDE CRETTO CON BURRI A GIBELLINA – Rappresentazione scenica del testo

IL GRANDE CRETTO
CON BURRI A GIBELLINA

Rappresentazione scenica del testo

 

5 novembre 2022 – ore 17.00

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

Interviene
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Letture
Paolo NesiGiacomo BardiGiuseppe Golisano

Voce solista
Mimma Melani

Chitarra
Massimo Romiti

Composizione musicale
Paolo Zampini – per “La Sirena profumo del mare”
Carlo Enrico Maticheccia – per “La chanson de Roland”

Foto
Martina Chiti

Regia
Paolo Nesi

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Prolegomeni all’età di Cosimo II. Una presentazione

Prolegomeni all’età di Cosimo II

Una presentazione

ABSTRACT

 

Rispetto ai fondatori del Principato, si ritiene tuttora Cosimo II personalità minore tra i dinasti granducali, complice il tranciante giudizio dell’illuminista Riguccio Galluzzi che lo vorrebbe prodromo della decadenza medicea, sebbene moderni studi ne abbiano rivalutato la complessa dimensione intellettuale (ex multis cfr.: Gabriele Capecchi, Cosimo II e le arti di Boboli. Committenza, iconografia e scultura, Firenze, Leo S. Olschki, 2008). Commissionato a Thomas Dempster nel 1616 (ma in stampa oltre un secolo dopo), De Hetruria regali configura il raffinato pensiero politico per situare il principe quale arbitro nell’inquieta Europa del primo Seicento – in merito si consideri la strategia di alleanze ‘matrimoniali’ (il successo diplomatico per le nozze di Luigi XIII e l’Infanta Ana María), altresì protagoniste principesse toscane (Eleonora/Felipe III, Caterina/il principe di Galles), frustrate rispettivamente dall’interferenza di Maria de’Medici e la precoce scomparsa di Henry Stuart) – a pari dignità tra le potenze del tempo, suggerendo una piena simmetria con Lorenzo il Magnifico. Dal personaggio si voleva mediare la statura di doctior vir coinvolgendo scienziati (Galileo Galilei e lo ‘Studio’ pisano), letterati (Michelangelo Buonarroti il giovane, come pure poeti e autori teatrali), artisti (i fratelli Pieratti e gli altri ‘scultorini’), al fine di crearsi quell’afflato di ‘regalità’, estraneo anche al ramo principale della famiglia, sia pure al prezzo delle attività mercantili.
Stimabile intorno a 25-30 milioni di scudi, il patrimonio personale favorirà opere per la sicurezza  dello Stato – il ‘Molo Novo’ livornese, quanto il naviglio militare innovato (emblematico Dell’Arcano del mare e l’opera di Robert Dudley) – insieme a costruzioni civili, o comunque d’interesse dinastico: peculiare nel programma cosimiano è il rinnovamento della reggia fiorentina, al contempo funzionale e didascalico, commisurato cioè a una dignitas astratta. Se le previste ai del palazzo accoglieranno i nuovi usi cerimoniali ma soprattutto le ampie raccolte pittoriche (Cosimo II diviene un collezionista compulsivo), è la costruzione di Boboli – intrapresa il 23 giugno 1611 – a soddisfare, unificandosi all’impianto cinquecentesco, l’onirico progetto della committenza, dove l’idea neoplatonica si fonde all’ambito naturale, rimodellato plasticamente (l’originario ‘Labirinto grande’ simulava nel 1618 le orbite dei ‘pianeti medicei’, rivelati dalle osservazioni galileiane). Figurando i valori dell’Afrodite Uranía (spirituale, entro cui si configurava il rispetto verso l’ordinamento olimpico e di riflesso il governo del principe), l’apparato decorativo era sovrapposto all’originario Orto dei Pitti fino all’area acrocora detta ‘del Cavaliere’, tramite apparati botanici (i ‘giardinetti’ di Madama, di Maria Maddalena d’Austria e di bulbose), o murari (la ‘Grotticina di Vulcano’ e l’Anfiteatro progettato, in realtà degli anni 1630-1634). L’opposto estremo fisico e metafisico si sviluppava in ossequio ad Afrodite Pandemos (eminentemente profana, preposta alla fecondazione e alla vita sessuale), il cui baricentro compositivo era strutturato intorno all’Isola – evocativa di Citera – e al padiglione di Venere afrodite (statua di Giovanni Caccini, oggi a Pisa, Museo S. Matteo) con il
corteo di Eroti intorno e interni alla fontana, originando un ciclo di opere riconducibili al mito (Saturno [Gherardo Silvani], Vulcano [Chiarissimo Fancelli]), come a tale fenomenologia (il Pentimento d’amore[Bartolomeo Rossi], la Frode [Giovan Francesco Susini]). Necessario ambito di mediazione è il ‘Viottolone’, il percorso rettilineo dove si alternano in ideale contrasto sculture dedicate ai vizi e alle virtù – richiamo verosimile il mito di ‘Ercole al bivio’ (lungo il percorso era posto in origine Ercole con il cane Plutone), altresì la Psychomachia di Prudenzio sotto il profilo etico – con riferimento particolare ai rapporti con gli umani (esemplare in tal senso la ‘gioiosa’ Proserpina nel restauro di Giovan Simone Cioli).
L’orizzonte terreno di Cosimo II non può che concludersi nella disamina delle sue fatali patologie, secondo un’interpretazione scientificamente più corretta rispetto agli storici scritti di Gaetano Pieraccini, quanto nei riflessi sulla committenza e si vedano in particolare le tele ispirate ai cosiddetti ‘Santi guaritori’ (San Carlo Borromeo, San Luigi dei Francesi risana gli infermi), rispetto alle opere di forma devozionale

 

La nuova definizione di museo di ICOM Prospettive e declinazioni

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza

La nuova definizione di museo di ICOM
Prospettive e declinazioni

L’incontro sarà dedicato alla memoria del prof. arch. Adolfo Natalini

26 ottobre 2022 – ore 17.00

Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele 4, Firenze

INTERVIENE
Claudio Rosati

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura

CONCLUSIONI
David Palterer
Vice-Presidente della Classe di Architettura

Nel corso della conferenza sarà disponibile presso l’Accademia il volume di Claudio Rosati
“Musei in Toscana. Dentro e fuori la cornice” Pistoia 2022

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Testimonianze e riflessioni sulla pittura nella Firenze novecentesca

Testimonianze e riflessioni sulla pittura nella Firenze novecentesca,
al margine della mostra di Enzo Faraoni

Un evento a cura di
Accademia delle Arti del Disegno
in collaborazione con
Accademia di Belle Arti di Firenze

27 ottobre 2022 – ore 17.00
Sala Mostre Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, 50123 Firenze

INTERVENGONO
Adriano Bimbi
Marco Fagioli
Susanna Ragionieri

nell’occasione
Selene Loia e Lucrezia Moccia
illustrano il lavoro di indagine e catalogazione
dell’Archivio dei dipinti di Enzo Faraoni

COORDINA
Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia

SARA’ PRESENTE
Mirella Branca, curatrice della mostra
ENZO FARAONI (1920-2017) Dipinti dalla Casa-Studio dell’Impruneta

Testimonianze e riflessioni sulla pittura nella Firenze novecentesca, al margine della mostra di Enzo Faraoni

Testimonianze e riflessioni sulla pittura nella Firenze novecentesca, al margine della mostra di Enzo Faraoni

27 ottobre 2022 – ore 17.00

Sala Mostre Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, Firenze

Intervengono
Adriano Bimbi
Marco Fagioli
Susanna Ragionieri

Nell’ occasione
Selene Loia e Lucrezia Moccia
illustrano il lavoro di indagine e catalogazione dell’Archivio dei dipinti di Enzo Faraoni

Coordina
Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Il Granduca danza. Gusto, stile e avvenimenti musicali alla corte di Cosimo II

Il Granduca danza

Gusto, stile e avvenimenti musicali alla corte di Cosimo II (1609-1621)

Federico Maria Sardelli e Samuele Lastrucci

ABSTRACT
“Di trastulli non ci sono gran cose; fannosi in palazzo alcuni balli e mascherate” così, nel febbraio 1615, il drammaturgo Gabriello Chiabrera licenziava la scena teatrale fiorentina in una lettera inviata al pittore Bernardo Castello. Dopo l’“invenzione” della tragedia greca (tutta cantata) ad opera della Camerata di Giovanni de’ Bardi, e delle sue prime messe in scena, il genere subisce un arresto: è il momento del balletto. Nei dodici anni del granducato di Cosimo II “veglie”, “festini del ballare” e “barriere” dominano gli spettacoli della corte fiorentina e da quella si riflettono – come era accaduto per l’opera – sulla corte ferrarese e soprattutto su quella mantovana, è il caso del Ballo delle Ingrate (1608) e del Combattimento di Tancredi e Clorinda (1624) di Claudio Monteverdi. Il breve granducato segna dunque uno spartiacque tra due grandi stagioni dello stile recitativo. Da una parte le Dafne di Corsi-Peri-Caccini e Gagliano (1597, 1599, 1604, 1608), le Euridice di Peri e Caccini (1600, 1602), l’Arianna e l’Orfeo di Monteverdi (1608, 1609) e dall’altra La Regina Sant’Orsola e la Flora di Gagliano (1624, 1628) e la Liberazione di Ruggero dall’Isola di Alcina di Francesca Caccini (1625).

Rileggendo Cosimo II. Tra storiografia e iconologia: fortuna e sfortuna del IV° granduca

Rileggendo Cosimo II

Tra storiografia e iconologia: fortuna e sfortuna del IV° granduca

Enrico Sartoni

ABSTRACT

 

Quando Eric Cochrane fu eletto Accademico delle Arti del Disegno nel 1978, da pochi anni aveva dato alle stampe il suo famoso “Florence in the forgotten century” dopo decenni trascorsi a studiare l’evoluzione del granducato dalla fine del Rinascimento. Una nuova luce si rivolse negli studi storici a quel periodo che dal punto di vista dell’arte aveva già goduto di una rivalutazione da parte di Roberto Longhi e che generalmente non aveva attratto interesse in precedenza se non per mostrarne aspetti negativi (ad esempio i giudizi di George Frederick Young). In queste valutazioni storico-critiche aveva pesato i giudizi Settecenteschi, specie del regio storiografo Riguccio Galluzzi, sulla dinastia e l’idea di un progressivo declino rispetto ad momento glorioso incentrato sui primi appartenenti alla dinastia. Cosimo II, il granduca che per meno tempo, appena 12 anni, regnò sulla Toscana, fu così obliato, sebbene un’aurea di interesse attorno alla sua figura fosse legata indissolubilmente al suo rapporto con Galileo Galilei e le matematiche. Questo rapporto interessò, specie nel secondo Ottocento, alcuni pittori dediti alle scene di storia e fu riprodotto in numerose incisioni. Cosimo II fu tuttavia “letto” come una sorta di comprimario rispetto al ruolo principale riconosciuto allo scienziato che occupava il palcoscenico della Storia. Del resto gli interessi matemtici e scientifici di Cosimo II interessarono anche quella parte di studi dedita alla ricostruzione delle teorie alchemiche nel secondo Novecento e, avvicinandosi ai nostri anni, occorre segnalare la corretta rivalutazione di Cosimo, pur avvenuta attraverso il rapporto con Galileo. Eppure Cosimo II fu molto altro come, a rebour, testimoniano i cicli di affreschi eseguiti, in bilico tra la sincera affezione al giovane granduca e le necessità di corte e lignaggio nel Casino buontalentiano (voluto dal fratello Cardinale Carlo) e nella Villa di Poggio Imperiale (promosso dalla coreggente e vedova Maddalena). Entrambi collocabili nel periodo della morte e appena successivo (tra gli anni venti e trenta del Seicento)ricordano le imprese dell’uomo che con cercò di imprimere un carattere al regno sia politico, che culturale. Fu Cosimo a volere che lo scozzese Thomas Dempster potesse applicarsi nella realizzazione del De Etruria Regali, opera rimasta manoscritta e pubblicata solo un secolo più tardi da Thomas Coke e Filippo Buonarroti con dedica a Cosimo III. La volontà di Cosimo II, non pienamente espressa nell’opera, fu prepotentemente proposta negli studi di Giovanni Cipriani ridonando prospettive storiche oggettivamente ponderate al quarto granduca di Toscana e recuperando all’interesse di varie discipline le committenze come dimostrano gli studi sul giardino di Boboli ai tempi di Cosimo II. E’ quindi con una nuova consapevolezza derivante dal lungo percorso storico-critico che ha investito la costruzione e la “decostruzione” del granduca che oggi possiamo avvicinarsi con strumenti critici più solidi ai documenti e alla lettura di quel periodo che ancora, a distanza di quattrocento anni, ci rivela sorprese più o meno fortuite, come la riscoperta, nel 2021, di un grande affresco di Cosimo II nelle stanze degli Uffizi obliato, come la storia del personaggio raffigurato, e infine riemerso.

Cosimo II e Maria Maddalena stelle del firmamento spettacolare mediceo

Cosimo II e Maria Maddalena

stelle del firmamento spettacolare mediceo

 Sara Mamone

     ABSTRACT

 

Dopo le travolgenti sperimentazioni  della Pellegrina per gli eventi delle nozze del granduca Ferdinando con Cristina di Lorena   (1589) e la magniloquente replica per le nozze di Maria con Enrico IV di Francia  (1600), il regno di Cosimo II pare meno scintillante da un punto di vista dello  spettacolo. Forse perché ciò che a livello europeo è sperimentale, a Firenze è acquisito: il primato riconosciuto rende forse più interessante lo studio della diaspora dei fiorentini artefici della meraviglia che non l’indagine sulle repliche in terra di Toscana. La brevità del regno del quarto granduca è invece densa di vita spettacolare. Sono gli anni più fecondi dell’attività di Giulio Parigi che con Il giudizio di Paride  (1608) per le nozze di Cosimo con Maria Maddalena d’Austria  inaugura il suo servizio effettivo per la coppia che salirà al soglio granducale due anni dopo. Il decennio successivo sarà ricco di spettacoli che alterneranno la fastosa intermittenza degli allestimenti di corte ai più regolari spettacoli nelle stanze del principe.  Basta scorrere un approssimativo catalogo degli eventi del decennio per accorgersi del ruolo che lo spettacolo ebbe nella vita di corte di Cosimo  e della consorte che continuerà poi nella Reggenza le buone pratiche autocelebrative del decennio coniugale.  Per rendersi conto della ricchezza dell’universo che ruotava attorno ai due sovrani basta una lista, non certo esaustiva, degli architetti apparatori  granducali che in quegli anni fonderanno la fortuna del modello fiorentino in Europa: Cosimo Lotti, Baccio del Bianco, Costantino de’ Servi, Giulio Parigi e la sua scuola che in quegli anni  vide  le tappe di formazione di Inigo Jones e Joseph Furttenbach. Basta pensare alla presenza di Jacques Callot che, arrivato alla corte per volere di Cristina di Lorena,  lascerà Firenze solo dopo la morte di Cosimo. E che dire dei festeggiamenti e dell’ospitalità sontuosa all’emiro Faccardino e della lunga scia di pacifico esotismo che solcherà a lungo i mari, almeno quelli metaforici della scena?

La scultura nel giardino di Boboli dalle origini al Settecento

La scultura nel giardino di Boboli dalle origini al Settecento

Alessandro Cecchi

ABSTRACT

 

Dal suo acquisto, alla metà del Cinquecento, con il palazzo de’Pitti, da parte della duchessa Eleonora di Toledo, il giardino di Boboli è sempre stato oggetto delle cure dei vari sovrani succedutisi sul trono di Toscana che ne hanno cambiato l’aspetto secondo il gusto del loro tempo, intervenendo sulla vegetazione, sugli edifici e sul ricco patrimonio scultoreo.

Quest’ultimo consiste di quasi trecento sculture, inventariate soltanto in tempi moderni, fra il 2006 e il 2007, a differenza di quelle nei palazzi e, in particolare, negli Uffizi, da sempre considerate parte delle collezioni dinastiche. Sono invece opere, importanti, per l’autore come per il soggetto, in un vasto arco temporale che va dall’antichità all’Ottocento, collocate in prospettive e scorci che si aprono nelle architetture vegetali. Non a caso l’editore Chiari del repertorio illustrato del Vascellini, scriveva nel Settecento:

«E non è forse oggetto di maraviglia, che la maggior parte di esse [le sculture di Boboli] esposte si vedano all’inclemenza dell’aria, quando degne sarebbero di riempire le più nobili Gallerie, e i più magnifici Edifizi?»

Il giardino di Boboli che è giunto fino a noi è anche  il frutto di trasformazioni e decurtazioni intervenute nel corso dei secoli, a partire dalla Grotticina di Madama, con la fontana della capra Amaltea e un previsto arredo scultoreo, testimonianza dei gusti della prima proprietaria, per continuare con gli interventi voluti da Cosimo I de’Medici, rimasto vedovo nel 1562 e committente del Ninfeo poi trasformato nella Grotta del Buontalenti, di cui si è fornita una ricostruzione grafica sulla scorta dei documenti da parte di Gabriele Capecchi.

Se nella Grotta, commissionata da Francesco I e ultimata da suo fratello, il cardinale poi granduca Ferdinando, furono reimpiegate sculture di vari autori, da Bandinelli a Vincenzo de’Rossi, da Michelangelo a Giambologna, altre statue come i Nani Morgante e Barbino di Valerio Cioli, popolarono il giardino nella seconda metà del secolo.

Colui che conferì al Giardino il suo aspetto scenografico fu il granduca Cosimo II, minato dalla tubercolosi, con la realizzazione del Viottolone e del Tempietto di Venere, al centro della Vasca dell’Isola, già smantellato dal suo immediato successore Ferdinando II per eccessi di rigorismo religioso, disperso, in parte reimpiegato e sostituito con la Fontana dell’Oceano del Giambologna, in origine al centro dell’Anfiteatro di Pitti.

La diaspora doveva continuare sotto Pietro Leopoldo quando sculture di Boboli furono trasferite dapprima nel Parco di San Rossore e poi a Pisa, nel Museo di San Matteo, dove sono state rintracciate, e nel periodo sabaudo, quando non si esitò a disfarsi di figure di Animali e Cacciatori, nonchè della seconda Fontana dei Mostaccini passati in mani private.

 

Cosimo II e il ‘Risveglio della Pittura’: committenza e collezionismo 

Cosimo II e il “risveglio della Pittura”

committenza e collezionismo

Maria Cecilia Fabbri

ABSTRACT

 

A differenza del padre Ferdinando I de’ Medici, suo predecessore nel governo della Toscana, il granduca Cosimo II non legò il proprio nome a vaste campagne di decorazione murale e l’unica commissione ad affresco a lui riconducibile con sicurezza nell’arco dei dodici anni di regno (1609-1621) è la perduta Allegoria di Firenze in piazza della Calza, risalente al 1616, che segnò la prima affermazione pubblica di Giovanni da San Giovanni. Benché circoscritto ai dipinti da cavalletto sia nel grande che nel piccolo formato, il contributo offerto da Cosimo II nel campo della pittura apparve determinante già agli occhi dei contemporanei per la molteplicità d’interessi e l’apertura ad altre scuole e alle più aggiornate forme di espressione figurativa; tant’è che a poco più di un anno dalla sua prematura scomparsa nel 1621 il cardinale Carlo de’ Medici volle dedicare al fratello defunto una sala del Casino di San Marco volta a celebrarne in chiave allegorica il ruolo di patrono delle arti e fautore della rinascita dell’Architettura e della Scultura al pari della Pittura. Il presente intervento – che prende spunto nel titolo dalla lunetta con Cosimo II risveglia la Pittura affrescata da Fabrizio Boschi su richiesta del porporato (1623) – intende fornire una panoramica a tutto tondo del collezionismo cosimiano nel campo della pittura: dalle opere commissionate in ambito locale a quelle eseguite da pittori non fiorentini stabilitisi a corte su invito del granduca; dagli acquisti presso raccolte private a quelli effettuati a Roma tramite agenti di fiducia. Da qui il focus dedicato a uno degli aspetti più rilevanti del collezionismo cosimiano, ovvero il precoce arrivo alla corte medicea di pitture d’indirizzo caravaggesco: dalle tele eseguite da Battistello Caracciolo e da Artemisia Gentileschi durante la loro permanenza a Firenze a quelle reperite sul mercato romano sotto i nomi di Bartolomeo Manfredi, Bartolomeo Cavarozzi e Gerrit Honthost.

Il giardino di Boboli tra committenza privata e apologia di governo (1611-1636)

Il giardino di Boboli

tra committenza privata e apologia di governo (1611-1636)

Gabriele Capecchi

ABSTRACT

 

Avviato intorno al 23 giugno 1611, il Giardino di Boboli riassume in chiave iconografica il disegno autocelebrativo di Cosimo II, anticipando anzi De Hetruria Regali quale manifesto di una rinnovata Ideologia del Principato. Ascrivibile a Michelangelo Buonarroti il giovane – autorevole letterato di corte e autore teatrale – con Giulio Parigi (scenografo e ingegnere, asceso in fretta ai vertici della cerchia medicea), il programma si sviluppa secondo schemi narrativi contrapposti, d’impronta neoplatonica, in una successione di ‘quinte’ polimateriche – edifici e/o strutture decorative, elementi di ‘verzura’, statuaria – divise in tre cicli principali. In sovrapposizione all’Orto de’ Pitti, forma stilistica ormai superata dalle nuove influenze (riconoscibili suggestioni da Saint-Germain-en-Laye), il ‘tema di Afrodite Uranía’ è forse quello più eloquente in termini di autocrazia granducale: alter ego del principe, il Giove fulminante di Felice Palma ne occupa il vertice compositivo per digradare, tramite una complessa platea di fiori, al progettato anfiteatro in muratura (concluso in realtà nel 1630-1634 con il simbolismo del potere cosimiano [la ricca serie di Mastini, Bracchi e Ghepardi]), quindi alla Grotticina di Vulcano, per saldarsi al Palazzo (ampliato anch’esso in ossequio alla ‘regalità’ del committente). Nell’addizione seicentesca si colloca il ‘tema di Afrodite Pandemia’ che, dai molteplici fenomeni d’amore (il Tempo, la Bellezza, il Tradimento, il Segreto, solo per citarne alcuni), si riscontra in analoghi episodi scultorei tramite l’epicentro del bacino artificiale (l’Isola di Citera), topos ideale per il Tempietto di Venere e gli Eroti (qui graficamente ricostruito). Da saldatura anche fisica di tali concetti fungeva il rettilineo alberato del Viottolone, dove il forte dislivello naturale svolgeva il ‘tema di Ercole al bivio’ che oppone immagini del Vizio e della Virtù in un serrato dialogo figurativo, dove la natura di contorno assume autonome velleità simboliche. Fin dal 1613 le masse arboree vengono plasmate in geometrie regolari: per il maestoso Labirinto Vecchio si creano viali ellittici che richiamano le orbite dei ‘Pianetini medicei’ (una forte amicizia lega Buonarroti allo scienziato pisano), vanto culturale della dinastia toscana, arricchendo il contesto con opere di argomento arcadico e venatorio.
Il progetto originario inizia formalmente a dissolversi negli anni 1636-1637, quando il formalismo religioso – affermatosi durante la reggenza delle ‘Serenissime Tutrici’ – raggiungerà l’apice con le nozze tra Ferdinando II e Vittoria della Rovere.

“La ricercha della perfetione”. L’idea di scultura di Cosimo II tra manierismo e barocco

“La ricercha della perfetione”
L’idea di scultura di Cosimo II
tra manierismo e barocco

Marco Betti

ABSTRACT

Con la scomparsa di Giambologna, gli scultori che operavano in Toscana nel primo quarto del Sei-cento si confrontarono con la pesante eredità, divisi – come sempre alla scomparsa di un grande maestro – tra perpetuare una tradizione gloriosa e farsi forieri di linguaggi innovativi. Quando, appena sei mesi dopo, morì Ferdinando I de’ Medici, anche il giovane successore Cosimo II dovette giocoforza confrontarsi con l’esempio paterno. Eppure, nonostante l’insorgere precoce della malattia (enfatizzata nell’Illuminismo antimediceo quale prodromo alla decadenza), il nuovo Granduca riuscì, nell’arco di soli vent’anni, in imprese culturali di straordinario valore, in un felice compendio tra la gloriosa committenza familiare e la forza dirompente dei nuovi talenti. In questo colloquio se ne osserva l’impronta nella scultura, per quanto attengono stile ed iconografia: se domina la scena la formazione di Boboli – dove prevalgono il marmo e la pietra serena (tramite autori quali Giovanni Caccini, Michelangelo Naccherino, Chiarissimo Fancelli, Orazio Mochi e Felice Palma, solo per citarne alcuni) – di eccellenza sono pure le opere in bronzo, di oreficeria e ceroplastica, né minore dignità hanno il restauro dell’antico e il richiamo al Vicino Oriente (soprattutto di area libanese).
Si esplorano infine i poliedrici interessi di Cosimo II e che, oltre a rivelarne la grande e raffinata cultura, rappresentano l’intelligente sintesi di Maniera ed estetica barocca in nuce, altresì tra il neoplatonismo di Ficino e la ‘moderna’ scienza galileiana, ovvero un fortunato connubio che sopravvive al principe e costituisce viatico indubbio per le generazioni artistiche successive.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

La Committenza di Cosimo II: Palazzo Pitti, Giulio Parigi e la corte

La Committenza di Cosimo II

Palazzo Pitti, Giulio Parigi e la corte

Claudio Paolini

ABSTRACT

 

Il contributo ripercorre alcuni aspetti dell’attività di Giulio Parigi in stretto rapporto alle committenze di Cosimo II e della corte. Per quanto incentrato sull’avvio del cantiere per l’ampliamento di Palazzo Pitti e quindi sulla cerimonia di posa della prima pietra, l’intervento vuole in particolare riflettere sul ruolo che Giulio Parigi assumerà a corte durante il regno di Cosimo e sulla sua decisa e apparentemente inarrestabile ascesa sociale. Rispetto al padre Alfonso – oculato imprenditore al quale certo si deve il fondamento della fortuna successiva ma che sembrerebbe restare chiuso nella dimensione propria dell’«architetto di buona pratica» (Milizia) – Giulio ci si mostra, da quanto descrivono le fonti, nelle vesti di un abile e prudente cortigiano, intimo del Granduca e «suo ingegnere» (Tinghi), senza il quale nessuna fabbrica e impresa sembra potersi avviare se non da lui «inventata, maneggiata et perfettionata» (Privilegio del 1623). Una ascesa sociale sostenuta anche dai quei «sinistri uffici» (Baldinucci) volti a relegare in secondo piano altri valenti architetti del tempo, quali Gherardo Silvani, culminata appunto nel privilegio granducale formalizzato nel 1623, a due anni dalla morte di Cosimo II ma da intendere come ufficializzazione di concessioni approvate a suo tempo dal Granduca. Torna così a delinearsi quanto ipotizzato in più occasioni – e in particolare da Mazzino Fossi – sull’eventuale rapporto tra la chiusura alle novità espresse dall’architettura e dall’arte in generale da parte di una città volta a glorificare lo Stato in relazione alla storia medicea, alla ‘toscanità’ e alla ‘fiorentinità’, e «certi gruppi conservatori, quali quello dei Parigi» (Fossi), tesi alla difesa dei propri privilegi. In quest’ottica saranno ricordati nel corso del contributo anche altri luoghi nei quali i destini di Cosimo II e di Giulio Parigi sembrano intrecciarsi: la cappella della Santissima Annunziata nella chiesa dei Padri Serviti, la Loggia del Grano, la casa in via Maggio sede dell’accademia istituita dall’architetto e frequentata da non pochi personaggi della corte.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Il mecenatismo di un principe carismatico

Il mecenatismo di un principe carismatico

Massimiliano Rossi

ABSTRACT

 

Con questo contributo si intende mostrare quanto, nei dodici anni in cui Cosimo II de’ Medici fu granduca di Toscana, il dispiegamento di una mitologia politica, fondata su genealogie più o meno credibili, e di una conseguente esemplarità, gremita di figure intercambiabili ma rivissute come modelli persino comportamentali, sia stato all’origine di una cospicua produzione figurativa intesa come concreta emanazione di quell’aura sacrale rivendicata alla casata, con sistematica determinazione, dal figlio di Ferdinando e di Cristina di Lorena. Ripercorrendo soprattutto oratoria funebre è evidente quanto il modello del re santo per eccellenza Luigi IX di Francia, personaggio carismatico acquisito dalla casata medicea in virtù delle nozze lorenesi del 1589, sia risultato normativo per la costituzione dell’immagine esemplare del Granduca, avendone fatalmente ispirato gli atti di governo, la condotta personale, l’atteggiamento nei confronti dei sudditi. Eppure, la costituzione di un vero e proprio topos encomiastico potrebbe testimoniare realmente l’adeguamento consapevole da parte di Cosimo II (e dunque immediatamente riconosciuto) a quei modelli ai quali si raccordavano le ricostruzioni genealogiche (per esempio Eraclio) o che in esse finivano inevitabilmente coinvolti (Goffredo di Buglione, ancora Luigi IX). A noi pare, cioè, che proprio il venerato sovrano capetingio, modello della trattatistica antimachiavellica contemporanea, sia stato particolarmente prediletto certamente a causa di circostanze storiche disponibili a strumentali analogie, ma anche per via di un comune destino personale di sofferenza, a ragione della malattia che colpì il principe nel 1614 e della morte precoce a poco più di trent’anni. Inoltre l’assimilazione con san Luigi, di volta in volta, misericordioso, campione di Cristo contro l’Islam, ma sovrano pacificatore dei conflitti nel cuore della cristianità, sembrerebbe perseguita da Cosimo soprattutto tramite atti reiterati di carità pubblica, in occasione di eventi calamitosi (“EGENORUM PATRI” è dedicato il busto marmoreo, di Chiarissimo Fancelli, sulla facciata laterale della Loggia del Grano, a Firenze); con l’impegno costante, ereditato dal padre, nel contrastare la minaccia turca, anche mediante impegnative alleanze con un acerrimo nemico dei Turchi come l’emiro libanese Fakhr Al-Din (Faccardino), capo dei Drusi, pretesi discendenti dei Crociati, infine tramite l’opera di pacificazione dei contrasti tra Francia e Spagna.

 

Cosimo II e la difesa dei confini 

Cosimo II e la difesa delle coste toscane

la nuova flotta e il sistema delle infrastrutture

Gabriele Capecchi

ABSTRACT

 

Particolare cura rivolge Cosimo II alla stabilizzazione dei confini terrestri, assolta perlopiù tramite vincoli matrimoniali con le potenze italiche, avvolgendo il Granducato entro u­na rete protettiva di alleanze. Ben altra è la strategia sul mare, dove matura il graduale trapasso dal modello statico – sebbene si rafforzino le difese costiere, da servire con unità territoriali e forze d’intervento rapido – a uno dinamico, tramite squadre navali di modernissima concezione per l’epoca. Decisiva è l’impronta di lord Robert Dudley, duca di ‘Northumbria’ (o Nor­thum­berland), esule presso la corte medicea, a cui si deve L’Arcano del mare (compendio di navigazione oceanica e tecniche di combattimento, oltre a numerosi portolani ‘universali’, dalle Antille al Giappone). Il manuale proponeva inoltre imbarcazioni dal progetto fortemente innovativo: peculiari le batterie di murata a due ponti e arti­glierie standard (perlopiù ventiquattro pezzi di calibro 12-18 libbre). Si delineavano in tal modo le cosiddette ‘fregate’, riprese ben presto dalle princi­pali marinerie d’Occidente e ancora in ser­vizio du­rante la ‘guerra dei Sette Anni’ e quindi nel periodo napoleonico prive di sensibili varianti (i velieri oceanici di IV classe nella Royal Navy), capa­ci di o­pe­ra­re a forte distanza e senza supporto logistico.

Ciò rese possibile nel 1618 l’impiego della flotta medicea sulle coste siriane, in appog­gio all’emiro druso Fakhr Al-Din II, con lo sbarco di forniture militari e manodopera spe­cializ­zata (se ne veda un resoconto nell’Istoria di Giovanni Mariti). Il riordino delle strut­tu­re cantieristiche fu intenso: la prima pietra del ‘Molo Cosimo’ a Livorno e la rinascita del­l’Arsenale pisano, altresì un sistema diffuso di fonderie per cannoni (propedeutico in chiave artistica alla grande statuaria bronzea cinque-seicentesca, a partire dal misterioso mastro Jacques). Altro ancora è il rapporto ambiguo con il nemico “moro” e la reciproca piaga dello schiavismo, dove la guerra di religione tra civiltà diverse appare un mero pretesto per il dominio sul Mediterraneo.

Lungo e malinconico sarà il declino della flotta alla morte di Cosimo II: vendute a Luigi XIV le unità più prestigiose nel 1647, la Toscana dovrà subire nelle proprie acque scontri navali tra potenze europee, partecipando come comprimaria agli eventi bellici di fine Seicento.

Ciclo di conferenze “Cosimo II de’ Medici (1621-2021). Quarto granduca di Toscana”

Cosimo II de’ Medici (1621-2021)

Quarto granduca di Toscana

Ciclo di incontri a 400 anni dalla morte

a cura di Gabriele Capecchi

con il coordinamento scientifico di Enrico Sartoni

presso la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno

(Via Orsanmichele 4, 50123 Firenze)

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCARE SUL TITOLO DI OGNI CONFERENZA

 

28 ottobre 2022 – 0re 17.00

Prolegomeni all’età di Cosimo II . Una presentazione

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Renzo Manetti, Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Gabriele Capecchi, curatore del progetto

 

4 novembre 2022 – 0re 17.00
Cosimo II e la difesa dei confini 

Gabriele Capecchi, accademico e architetto

 

11 novembre 2022 – 0re 17.00

Il mecenatismo di un principe carismatico 

Massimiliano Rossi, Professore Ordinario dell’Università del Salento

 

17 novembre 2022 – 0re 17.00

La Committenza di Cosimo II: Palazzo Pitti, Giulio Parigi e la corte 

Claudio Paolini, Direttore della Fondazione Roberto Longhi

 

25 novembre 2022 – 0re 17.00

“La ricercha della perfetione”. L’idea di scultura di Cosimo II tra manierismo e barocco 

Marco Betti, storico dell’arte

 

2 dicembre 2022 – 0re 17.00

Il giardino di Boboli tra committenza privata e apologia di governo (1611-1636)

Gabriele Capecchi, accademico e architetto

 

16 dicembre 2022 – 0re 17.00

Cosimo II e il ‘Risveglio della Pittura’: committenza e collezionismo 

Maria Cecilia Fabbri, storica dell’arte

 

13 gennaio 2023 – 0re 17.00

La musica e il tempo di Cosimo II 

Federico Maria Sardelli, direttore d’orchestra e ricercatore
Samuele Lastrucci, musicista e studioso

 

20 gennaio 2023 – 0re 17.00

La scultura nel giardino di Boboli dalle origini al Settecento

Alessandro Cecchi, Direttore di Casa Buonarroti

 

27 gennaio 2023 – 0re 17.00

Cosimo II e Maria Maddalena stelle del firmamento spettacolare mediceo

Sara Mamone, accademica, già professoressa all’Università degli Studi di Firenze

 

3 febbraio 2023 – 0re 17.00

Rileggendo Cosimo II

Enrico Sartoni, Responsabile degli Archivi dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

 

ACCADEMICI 2022 – Solenne festività di San Luca

Il 18 ottobre scorso la ricorrenza di San Luca, patrono dell’Accademia delle Arti del Disegno, è stata solennizzata all’insegna di un programma particolarmente intenso e prestigioso.

Al mattino la Messa, officiata da S.E. il Cardinal Giuseppe Betori con i concelebranti dell’ordine dei Servi di Maria, è stata occasione per presentare ai partecipanti la “Cappella dei Pittori” nel chiostro della SS. Annunziata, sede antica degli accademici dalla fondazione nel 1563, dopo il restauro durato due anni e interamente finanziato dall’associazione Friends of Florence. Scrigno delle arti del Cinquecento abbellito da affreschi e statue, la cappella risplende di una nuova luminosità, con i suoi colori e chiarori ritrovati.

Nel pomeriggio, grazie all’ospitalità dell’Educandato del Poggio Imperiale, nell’affollata Sala Bianca si è svolta la cerimonia delle nomine accademiche, coordinata dalla presidente Cristina Acidini e dal segretario generale Giorgio Bonsanti. E’ stata preceduta da una lectio magistralis della prof. Grazia Tucci, sulle più avanzate tecnologie di rilevazione dei monumenti.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella è intervenuto di persona con un suo saluto, nel quale ha sottolineato l’importante novità della costituzione di una Classe accademica dedicata alla Musica e alle Arti dello Spettacolo: “con questa nuova Classe si chiude un’armoniosa circolarità di saperi”, ha commentato. Tra gli Accademici d’Onore è stato associato il Questore di Firenze dott. Maurizio Auriemma, che ha presenziato alla cerimonia.

Nel corso della Solenne Festività di San Luca sono stati proclamati dalla Presidente prof.ssa Cristina Acidini e dal Segretario Generale prof. Giorgio Bonsanti, i passaggi di ruolo degli Accademici ed i nuovi Accademici che entrano a far parte del Corpo Accademico.

Di seguito la lista

Foto finale della cerimonia degli Accademici 2022

CLASSE PITTURA

Nuovi Accademici

LUINO BERNARDINO – Accademico Corrispondente

NOTARGIACOMO GIANFRANCO – Accademico Corrispondente

Passaggi di ruolo

PALLI CARLO  – Accademico Corrispondente (già Onorario)

CLASSE SCULTURA

Nuovi Accademici

KUMIKO SUZUKI – Accademico Corrispondente

INGLESI ALBERTO – Accademico Corrispondente

Passaggi di ruolo

BERRETTI FRANCO – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

CECCHERINI ROBERTO – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

MONETTI LEA  – Accademica Ordinaria (già Corrispondente)

NICCOLAI NICCOLÒ – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

ROVIELLO FRANCESCO –  Accademico Ordinario (già Corrispondente)

CLASSE ARCHITETTURA

Passaggi di ruolo

MEDARDI NORBERTO – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

TESI VALERIO – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

BOTTA MARIO – Accademico Corrispondente (già Onorario)ù

CHIPPERFIELD DAVID – Accademico Corrispondente (già Onorario)

DEZZI BARDESCHI CHIARA – Accademico Corrispondente (già Onoraria)

DI BENEDETTO MARIA – Accademico Corrispondente (già Onoraria)

MOLINARI LUCA – Accademico Corrispondente (già Onorario)

CLASSE STORIA DELL’ARTE

Nuovi Accademici

TIGLER GUIDO – Accademico Corrispondente

Passaggi di ruolo

DE BENEDICTIS CRISTINA – Accademico Ordinario (già Onorario)

CLASSE DI DISCIPLINE UMANISTICHE E SCIENTIFICHE

Nuovi Accademici

MUSSARDO GIUSEPPE – Accademico Ordinario

PELLECCHIA ERNESTO – Accademico Corrispondente

SANNA ANTONIETTA – Accademica Corrispondente

Passaggi di ruolo

CASTALDI LAURA – accademico Ordinario (già Corrispondente)

MANETTI GIULIO – Accademico Ordinario (già Corrispondente)

BRACCIOTTI MARZIO – Accademico Corrispondente (già Onorario)

NANNETTI GABRIELE – Accademico Corrispondente (già Onorario)

SARTONI ENRICO – Accademico Corrispondente (già Onorario)

ACCADEMICI D’ONORE

Maurizio Auriemma, questore di Firenze

Roberto Bellucci, restauratore

Patrizio Berni, organizzatore

Marco Biffi, Ordinario di linguistica italiana all’Università degli Studi di Firenze

Carlo Cantini, fotografo

Gabriele Capecchi, architetto e studioso

Francesca De Luca, funzionaria del Ministero dei Beni Culturali

Cecilia Del Re, avvocato, assessore del Comune di Firenze

Monica Franchini, docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze

Cecilia Frosinini, restauratrice

Mario Geniola, sculture e fotografo

Piero Micheli, architetto

Massimo Morisi, professore ordinario di Scienza dell’Amministrazione presso l’Università degli Studi di Firenze

Don Bernardo Maria Gianni, monaco olivetano, Abate del monastero di San Miniato al Monte

Giorgio Parisi, Premio nobel per la fisica

Giacomo Pirazzoli, professore associato di composizione architettonica all’Università degli Studi di Firenze

Stefano Rovai, progettista visivo

Alessandro Traversi, avvocato penalista

Giovanna Uzzani, storica dell’arte, docente

ACCADEMICI BENEFATTORI

Leandro Maria Bartoli, professore architetto (Donazione del Fauno dello scultore Umberto Bartoli)

Alessandro Faraoni, ingegnere (per essersi particolarmente distinto nella Donazione dell’archivio di Enzo Faraoni, carte, lastre, e materiali miscellanei)

Lorenzo Locatelli, insegnante e restauratore (Donazione di 43 disegni e 2 diplomi del trisavolo Crescenzio Barducci, già Accademico pittore ornatista)

Chiara Migliorini, storica dell’arte (per essersi particolarmente distinto nella Donazione dell’archivio di Enzo Faraoni, carte, lastre, e materiali miscellanei)

DIPLOMA DI MERITO

All’Accademico d’Onore Giacomo Granchi per essersi distinto nella ricerca musicale e nell’esecuzione del repertorio originale per la Cappella di San Luca nella Santissima Annunziata

EREDITÀ DELLE DONNE OFF – Donne, lingua e genere tra questioni vecchie e nuove

Evento nell’ambito del calendario
L’EREDITÀ DELLE DONNE OFF

Presenze impreviste
Donne, lingua e genere
tra questioni vecchie e nuove

venerdì 21 ottobre 2022 – ore 16.00

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonia Ida Fontana
Presidente della Società Dante Alighieri – Comitato di Firenze

Antonio Palma
Presidente del Foyer – Amici della Lirica
Presiede e introduce STEFANIA STEFANELLI

INTERVENGONO
RAFFAELLA SETTI
Lingua al femminile tra eufemismi, stereotipi e nuove presenze

GLORIA GIUDIZI
Lingua femminile, localizzazione cerebrale, neurosessismo degli stereotipi

FRANCESCA CIALDINI
La rappresentazione della donna nei dizionari della lingua italiana

Intervento musicale: Myriam Urbini, violoncello
Musiche di J.S. Bach, D. Popper

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del volume “Strage al Masso delle Fate. Ottone Rosai, Bogardo Buricchi ed Enzo Faraoni dal 1933 alla liberazione”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

Strage al Masso delle Fate.
Ottone Rosai, Bogardo Buricchi ed Enzo Faraoni
dal 1933 alla liberazione

19 ottobre 2022 – ore 17.00

Sala Mostre Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, Firenze

INTERVENGONO
Matteo Mazzoni
Direttore dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età Contemporanea

Nicola Coccia
Giornalista ed autore del volume

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Roberto Salvini – Lezione sui timpani di Vézelay e Autun

da
Giovanni Leoncini
Salvini didatta in Roberto Salvini, la Storia dell’arte, l’Europa
a cura di Enrica Neri Lusanna
(Firenze, 2021)

Lezione registrata il  25 febbraio 1982

registrazione originale Giovanni Leoncini

editing audio Ivo Mileto

editing video Enrico Sartoni

Un progetto della Classe di Storia dell’Arte

dell’Accademia delle Arti del Disegno

presieduta da Enrica Neri Lusanna

 

 

Presentazione volume “Roberto Salvini, la Storia dell’arte, l’Europa” di Enrica Neri Lusanna

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume

Roberto Salvini,
la Storia dell’arte, l’Europa

a cura di Enrica Neri Lusanna

11 ottobre 2022 – ore 17.30

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4, 50123 Firenze

INTERVENGONO
Fulvio Cervini
Università degli Studi di Firenze

Marco Collareta
Università degli Studi di Pisa

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia

CONCLUSIONI
Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte


Per assistere alla diretta streaming CLICCARE QUI
ID 850 5907 1011 – PASS 030283

Presentazione del volume “FABBRICHE RITROVATE. Patrimonio industriale e progetto di architettura in Italia” di Massimo Preite e Gabriella Maciocco

L’Accademia è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume

FABBRICHE RITROVATE. Patrimonio industriale e progetto di architettura in Italia

(Effigi, 2022)

di Massimo Preite e Gabriella Maciocco

5 ottobre ore 16.30

Sala delle adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia del Disegno
Renzo Manetti, Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia

 

PRESENTANO
Francesco Gurrieri
Mauro Cozzi
Franco Purini

 

INTERVIENE
Massimo Preite

 

Per assistere alla diretta streaming CLICCARE QUI
ID 851 1433 5626 – PASS 070002

ENZO FARAONI 1920-2017. Dipinti dalla casa-studio dell’Impruneta

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra

ENZO FARAONI
1920-2017
Dipinti dalla casa-studio dell’Impruneta

martedì 4 ottobre 2022 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno
Mirella Branca, Curatrice della mostra

Saranno presenti gli eredi Faraoni

La mostra resterà aperta dal 4 al 30 ottobre 2022
orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00 chiuso Lunedì

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volumi WERDEN – Divenire (Hirmer,, 2021)

2 settembre 2022 – ore 16.30
Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4, Firenze

 

Peter Assmann
Direttore dei Tirolerlandesmuseen di Innsbruck

 

presenta i volumi 

WERDEN. Divenire
L’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze
und die Kunstakademie Düsseldorf

(2 voll., Hirmer, 2021)

 

introduce 
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

saranno presenti i curatori 
Giorgio Bonsanti, David Palterer e Norberto Medardi

 

PER SEGUIRE LA DIRETTA ZOOM CLICCA QUI

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra “SIMONE MICHELI – DESIGN ARTWORK FROM DREAM TO REALITY”

L’Accademia delle Arti del Disegno è lieta di invitarVi a visitare la mostra

“SIMONE MICHELI – DESIGN ARTWORK FROM DREAM TO REALITY”

La mostra
“DESIGN ARTWORK FROM DREAM TO REALITY” rappresenta il senso progettuale attribuito dall’architetto Simone Micheli alle sue creazioni realizzate in oltre 30 anni di attività professionale.

La mostra resterà aperta dal 13 al 27 settembre 2022

Orari: 10.00-13.00 / 17.00-19.00
Domenica 10.00-13.00,
Lunedì chiuso

Partners
Barel, Blueside Emotional Design, CPRN, CMC Ventilazione, Concepts by Braida, DMP electronics, Elementi design funzionale | contract, Evopost, ItalMesh, Nitesco International, Novellini, Piscina & Wellness, Theke

Technical partners
Allegrini, Asten, E20, Exhibo, Pointex Spa, Ridolfi Impianti, Santero, Targa Livio

Con il patrocinio del
Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Fondazione Architetti Firenze, Rotary Club Firenze

 

“SAPER VEDERE. OGGI” Workshop aperto

In occasione dell’incontro “Saper vedere. Oggi” curato dal Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia arch. prof. Renzo Manetti e dall’ accademico prof. arch. Franco Purini, sono stati raccolti numerosi interventi di accademici e personalità della cultura che con il loro pensiero hanno voluto contribuire al dibattito sul ‘Saper Vedere’ proposto da Matteo Marangoni novanta anni or sono.

A distanza di novanta anni si propone un Workshop aperto, ovvero un luogo di dibattito e confronto in cui discipline e linguaggi possono esprimere con libertà il pensiero sulla visione. Una finestra sul futuro ed allo stesso tempo un vademecum sul presente.

 

Per scaricare i contributi CLICCARE QUI

 

Sono raccolti testi di:

Cristina Acidini
Renzo Manetti
Franco Purini
Gianni Contessi
Roberto De Rubertis
Pierluigi Panza
Livio Sacchi

 

 

Mostra “ARMANDO GIUFFREDI. DISEGNI DI UNO SCULTORE”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitarvi a visitare la mostra

ARMANDO GIUFFREDI
DISEGNI DI UNO SCULTORE

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

 

La mostra resterà aperta dal 2 al 30 luglio 2022
Orari: 10.00-13.00 / 17.00-19.00 – Domenica 10.00-13.00, chiuso Lunedì

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra “Alberto Helios Gagliardo – LA GUERRA”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra

Alberto Helios Gagliardo
LA GUERRA

mercoledì 8 giugno 2022 – ore 17.00

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
Massimo Carli, Curatore e depositario dell’opera dell’artista
Jacopo Carli, Co-curatore della mostra

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra “GIANGUIDO BONFANTI”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra

GIANGUIDO BONFANTI

lunedì 6 giugno 2022 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno
Giacomo Piraz Pirazzoli, Curatore

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

La mostra resterà aperta dal 7 al 29 giugno 2022

orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00 chiuso Lunedì

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Concerto per FEDORA BARBIERI

L’Accademia delle Arti del Disegno è lieta di invitare la S.V. al

Concerto per
FEDORA BARBIERI

Trieste, 4 giugno 1920 – Firenze, 4 marzo 2003

In occasione della donazione del suo pianoforte Bechstein all’Accademia delle Arti del Disegno
dai figli Ugo e Franco Barlozzetti

a cura di Mario Ruffini

Martedì 7 giugno 2022 – ore 17.30

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Giorgio Bonsanti,
Giovanni Pucciarmati, Elio Trovato, Ugo Barlozzetti

INTERVENTI MUSICALI DI
Magdalena Urbanowicz e Antonella Poli

in collaborazione con il
Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze

per scaricare il programma di sala cliccare qui

Incontro di studio “UNA NUOVA EDIZIONE DELLO IERONE DI SENOFONTE: RIFLESSIONI SULLA TIRANNIDE TRA ANTICHITÀ E UMANESIMO”

Incontro di studio

 

UNA NUOVA EDIZIONE DELLO IERONE DI SENOFONTE: RIFLESSIONI SULLA TIRANNIDE TRA ANTICHITÀ E UMANESIMO

a cura di Michele Bandini, (Paris, Les Belles Lettres, 2021)

 

 27 maggio 2022, ore 15.30 

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze
 
SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno
Giorgio Fiorenza, Presidente della Classe DUS dell’Accademia delle Arti del Disegno
 
INTERVENGONO
Aldo Corcella, Università degli Studi della Basilicata
Una nuova edizione dello Ierone di Senofonte

Pietro Vannicelli, Sapienza Università di Roma
Potere di uno solo? Autocrazia e consenso nella riflessione dei Greci di età classica

Concetta Bianca, Università degli Studi di Firenze
Da Salutati a Poliziano: riflessioni sulla tirannide

Arnaldo Marcone, Università degli Studi di Roma Tre
La fortuna del dialogo senofonteo: da Machiavelli a Kojève

PRESIEDE
Augusto Guida, Università degli Studi di Udine
 
Per assistere alla diretta streaming CLICCARE QUI
ID: 867 0931 4205 – Passcode: 840402

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

SAN MINIATO AL MONTE IN FIRENZE MILLE ANNI DI STORIA E BELLEZZA

Presentazione del volume

SAN MINIATO AL MONTE IN FIRENZE
MILLE ANNI DI STORIA E BELLEZZA

a cura di Cristina Acidini e Renzo Manetti
coordinamento tecnico scientifico Enrico Sartoni

Olschki Editore, 2022

9 giugno 2022 – ore 16.30

Basilica di San Miniato al Monte – Firenze

INTRODUCONO
Maria Gianni OSB
Abate di San Miniato al Monte

Andrea Pessina
Soprintendente Archeologia, Belle Arti, Paesaggio – Firenze

Avv. Paolo Tiezzi Mazzoni Della Stella Maestri
Presidente Istituto per la valorizzazione delle abbazie storiche della Toscana

INTERVENGONO
Mons. Timothy Verdon
Direttore del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze

Prof. Carlo Sisi
Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze

Saranno presenti l’editore ed i curatori

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

UNA NUOVA EDIZIONE DELLO IERONE DI SENOFONTE: RIFLESSIONI SULLA TIRANNIDE TRA ANTICHITÀ E UMANESIMO

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’incontro di studio

UNA NUOVA EDIZIONE
DELLO IERONE DI SENOFONTE:

RIFLESSIONI SULLA TIRANNIDE TRA ANTICHITÀ E UMANESIMO

27 maggio 2022 – ore 15.30

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4, Firenze

 

SALUTI
CRISTINA ACIDINI, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

GIORGIO BONSANTI, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

GIORGIO FIORENZA, Presidente della Classe DUS dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENGONO
ALDO CORCELLA, Università degli Studi della Basilicata
Una nuova edizione dello Ierone di Senofonte

PIETRO VANNICELLI, Sapienza Università di Roma
Potere di uno solo? Autocrazia e consenso nella riflessione dei Greci di età classica

CONCETTA BIANCA, Università degli Studi di Firenze
Da Salutati a Poliziano: riflessioni sulla tirannide

ARNALDO MARCONE, Università degli Studi di Roma Tre
La fortuna del dialogo senofonteo: da Machiavelli a Kojève

Presiede AUGUSTO GUIDA, Università degli Studi di Udine

 

Per assistere alla diretta streaming cliccare qui
Passcode: 840402 – Password: 867 0931 4205
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

PAGGI E PAGGERIE NELLE CORTI ITALIANE. EDUCARE ALL’ARTE DEL COMANDO

L’Accademia delle Arti del Disegno e l’Editore Olschki
sono lieti di invitare la S.V. alla presentazione del volume

PAGGI E PAGGERIE NELLE CORTI ITALIANE
EDUCARE ALL’ARTE DEL COMANDO

A cura di Andrea Merlotti

 

INTRODUCE
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia

PRESENTANO IL VOLUME
Maria Pia Paoli e Giovanni Cipriani
alla presenza dell’autore Andrea Merlotti

Per assistere alla diretta streaming CLICCARE QUI
ID: 822 6788 5317 – Passcode: 694335
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

RAFFAELLO IN VILLA FARNESINA. Dai colori della prosperità al blu egizio

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza

RAFFAELLO IN VILLA FARNESINA
Dai colori della prosperità al blu egizio

10 maggio 2022 – ore 16.00

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

INTRODUCONO
CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

GIORGIO BONSANTI
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTERVIENE
ANTONIO SGAMELLOTTI
Accademia Nazionale dei Lincei
Università degli Studi di Perugia, CNR-SCITEC, INFN-CHNet

 

Per assistere alla diretta streaming cliccare qui
Passcode: 062794 – Password: 814 5573 8465
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

Franco Cardini presenta il volume “LE VESTIGIA DEI GESUATI”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

LE VESTIGIA DEI GESUATI
L’eredità culturale del Colombini
e dei suoi seguaci

a cura di Isabella Gagliardi

28 aprile 2022 – ore 17.00

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

INTRODUCONO
Cristina Acidini
Francesco Salvestrini

PRESENTA IL VOLUME
Franco Cardini

Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

“RILEGARE L’INFINITO” a Montecatini Terme

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra 

“Rilegare l’Infinito

a cura di Andrea Granchi e Gaspare Polizzi

sabato 16 aprile 2022 – ore 17.00

Presso la Galleria Civica del Comune di Montecatini Terme

 

in collaborazione con il Comune di Montecatini e la Biblioteca Mozzi Borgetti del Comune di Macerata.

 

La mostra sarà aperta al pubblico sino al 5 giugno 2022 con i seguenti orari:
dal martedì al venerdì 10.00 – 12.00
sabato – domenica 10.30 -12.30/16.00 -19.00

Ingresso libero

Mostra di Marison Ray “VERTIGINE”

Mostra di Marison Ray
“VERTIGINE”

A cura di Alessandro Vezzosi

 

Dal 1 aprile al 29 maggio 2022

 
ORARI MOSTRA
martedì-sabato: 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica: 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO – FREE ENTRANCE

Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

Presentazione del volume di Franco Bellato “SIENA. UN ITINERARIO DELL’ANIMA”

Presentazione del volume di Franco Bellato

SIENA. UN ITINERARIO DELL’ANIMA

7 aprile 2022, ore 17.30 

Accademia delle Arti del Disegno, Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele 4, 50123 Firenze

INTERVENGONO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
Luigi Zangheri, Presidente Emerito dell’Accademia
Adolfo Pazzagli, Professore Emerito dell’Università degli Studi di Firenze

 

PER SEGUIRE LA DIRETTA ZOOM CLICCA QUI
ID riunione: 944 4391 3395 – Passcode: 242266

Prenotazione obbligatoria a: info@aadfi.it
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina ffp2

Presentazione “OPERE di Mario Lattes”

Presentazione

OPERE di Mario Lattes

 

GIOVEDÌ 31 MARZO ORE 17.30

Sala delle Adunanze Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

Intervengono
Cristina Acidini, Caterina Bottari Lattes, Giovanni Barberi Squarotti, Claudio Di Benedetto, Mariarosa Masoero

Modera: Simone Innocenti

 

Prenotazione obbligatoria: book@fondazionebottarilattes.it  – tel. 0173 789282

Per assistere alla diretta streaming CLICCA QUI
ID riunione: 959 5086 3062 – Passcode: 895368

Accesso consentito con green pass e uso della mascherina FFP2

Incontro con Sergio Givone “SAPER VEDERE OGGI”

Incontro con Sergio Givone

“SAPER VEDERE OGGI”

 

21 marzo 2022 – ore 16.00

Sala delle Adunanze Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTRODUZIONI
Renzo Manetti, Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia

Franco Purini, Accademico Ordinario della Classe di Architettura dell’Accademia

 

Per assistere alla diretta streaming CLICCA QUI

Prenotazione obbligatoria: info@aadfi.it
accesso consentito con green pass e uso della mascherina FFP2

Presentazione del volume “ODOARDO FANTACCHIOTTI. Scultore (1811-1877)”

Presentazione del volume

ODOARDO FANTACCHIOTTI. Scultore (1811-1877)

a cura di Lia Bernini e Valentino Moradei Gabbrielli

11 marzo 2022 – ore 17.30

Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4, 50123 Firenze

SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia

INTERVENGONO
Ettore Spalletti, Accademia delle Arti del Disegno

Alfonso Panzetta, Accademia di Belle Arti di Bologna

Lorenzo Gnocchi, Università degli Studi di Firenze

 

PER SEGUIRE L’APPUNTAMENTO IN STREAMING CLICCA QUI

 

Prenotazione obbligatoria: info@aadfi.it
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina FFP2

La Sagrestia Nuova di Michelangelo

La Sagrestia Nuova di Michelangelo
Il restauro alla luce di cinquecento anni di storia e dell’innovazione tecnologica

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
Paola d’Agostino, Direttrice dei Musei del Bargello

Intervengono
Monica Bietti, Direttrice del restauro
Daniela Manna, Restauratrice
Marina Vincenti, Restauratrice
Antonio Forcellino, Restauratore
Anna Rosa Sprocati e Chiara Alisi, Scienziate ENEA

A conclusione, per i presenti, visita al nuovo
allestimento della Sala del Dio fiume di Michelangelo

 

Per seguire la diretta dell’evento da remoto CLICCA QUI

La presenza di pubblico è prevista con prenotazione obbligatoria a: info@aadfi.it
Accesso consentito con green pass e uso della mascherina Ffp2

Presentazione volume “LUCA ALINARI L’ARTISTA DELL’IMMAGINIFICO”

L’Accademia delle Arti del Disegno

è lieta di invitare la S.V.

alla presentazione del volume di Viktorija Carkina

 

LUCA ALINARI

L’ARTISTA DELL’IMMAGINIFICO

Capponi Editore

 

18 febbraio 2022 – ore 18.00

Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno

Via Orsanmichele 4, 50123 Firenze

 

Intervengono

Cristina Acidini

Presidente dell’Accademia

 

Andrea Granchi

Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia

 

Sarà presente l’autrice

 

Prenotazione obbligatoria: info@aadfi.it

accesso consentito con green pass e uso della mascherina Fpp2

 

Per il collegamento streaming cliccare qui

ID riunione 922 0210 1335  – PASS 667792

 

Un excursus nel mondo di uno dei più grandi artisti del Novecento italiano: Luca Alinari.

La molteplicità e varietà linguistico-formale della sua produzione evidenzia l’impossibilità di racchiudere il pittore all’interno di una corrente specifica. Essendo stata una persona introversa, le sue opere fungono da specchio, celando contenuti impliciti. La maturazione artistica va di pari passo con la crescita personale e viceversa, perciò l’analisi della vita del pittore è indispensabile per capire meglio la sua produzione artistica.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra “PRESI PER INCANTAMENTO Dante e gli artisti dell’Archivio Carlo Palli”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra

PRESI PER INCANTAMENTO
Dante e gli artisti dell’Archivio Carlo Palli

domenica 6 febbraio 2022 – ore 16.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze
 
INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Laura Monaldi, Curatrice

Carlo Palli, Collezionista
 
La mostra resterà aperta dal 6 febbraio al 13 marzo 2022
orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00 – chiuso Lunedì
 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Prenotazione obbligatoria entro il 3 febbraio 2022 a: info@aadfi.it
Per accedere ai locali sarà obbligatorio esibire  il Supergreen pass e mascherina FFP2

Presentazione catalogo “RILEGARE L’INFINITO”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del catalogo

RILEGARE L’INFINITO

giovedì 20 gennaio 2022 – ore 16.30

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

CLICCARE QUI PER LA DIRETTA STREAMING
ID RIUNIONE 944 5356 8087 – PASS 055669

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Katuscia Cassetta, assessora alla cultura del Comune di Macerata
Benilde Marini, assessora alla cultura del Comune di Cagli
Giorgio Fiorenza, presidente del CdA Educandato SS Annunziata
Andrea Granchi, artista e co-curatore della mostra
Carlo Bertocci, artista e componente comitato scientifico
Vittorio Tolu, artista e componente comitato scientifico
Stefano Turrini, artista e componente comitato scientifico
Fabiana Cacciapuoti, Centro Nazionale di Studi Leopardiani
Pantaleo Palmieri, Centro Nazionale di Studi Leopardiani
Gaspare Polizzi, co-curatore della mostra e curatore del catalogo

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

 

 

Per accedere ai locali sarà obbligatorio esibire il supergreen pass e mascherina FFP2
Prenotazione obbligatoria a info@aadfi.it

Mostra “RILEGARE L’INFINITO”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. a visitare la mostra

RILEGARE L’INFINITO

A cura di Gaspare Polizzi e Andrea Granchi
Catalogo Mimesis Edizioni a cura di Gaspare Polizzi

dal 5 gennaio al 3 febbraio 2022

orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00 chiuso lunedì

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

Per accedere ai locali sarà obbligatorio esibire
il
Supergreen pass e mascherina FFP2

Vedere la commedia

VEDERE LA COMMEDIA

 

 

Andrea Granchi
ù

 

 

 

 

 

 

bertocci

 

 

Mostra “I LUOGHI DI DANTE NELLE TAVOLE DI MASSIMO TOSI” 7 dicembre 2021 – 31 gennaio 2022

Accademia delle Arti del Disegno
e la Federighi Editori
invitano la S.V. all’inaugurazione della mostra
e alla presentazione del volume

I LUOGHI DI DANTE
NELLE TAVOLE DI MASSIMO TOSI

martedì 7 dicembre 2021- ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno
Salone delle Adunanze – via Orsammichele 4, Firenze

PRESENTANO
CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

FRANCESCO SALVESTRINI
Accademico e docente dell’Università di Firenze

SARÀ PRESENTE L’AUTORE

Brindisi ed inaugurazione

La mostra resterà aperta fino al 31 gennaio 2022,
visibile nell’orario di apertura dell’Accademia

L’ingresso alla sala espositiva segue le normative
per la prevenzione COVID con esibizione Green Pass

per la partecipazione dal vivo è obbligatoria la prenotazione a: info@aadfi.it

CLICCARE QUI PER IL COLLEGAMENTO STREAMING
ID: 993 5983 1842 – SICUREZZA PASSCODE: 218743

Mostra “L’INFERNO DI CLAUDIO SACCHI”

L’Accademia delle Arti del Disegno
e la Casa editrice Leo S. Olschki
invitano la S.V. all’inaugurazione della mostra

L’INFERNO DI
CLAUDIO SACCHI

Sabato 4 dicembre 2021- ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

Seguirà aperitivo

R.S.V.P. entro il 1 dicembre 2021a: info@olschki.it

La mostra resterà aperta
dal 5 dicembre 2021 al 3 gennaio 2022

orari: 10.00-13.00/17.00-19.00 – domenica 10.00-13.00
chiuso Lunedì ed il 1 gennaio 2022

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI
L’ingresso alla Sala espositiva segue le normative per la prevenzione del COVID-19

Obbligatoria l’esibizione del Green Pass

Settimo incontro “LA CITTÀ DELL’ALIGHIERI”

Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
al settimo incontro

“LA CITTÀ DELL’ALIGHIERI”

lunedì 22 novembre 2021 – ore 17.00

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
via Orsammichele 4, – Firenze

 

INTERVENGONO

CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Il Dante istoriato di Federico Zuccari: i disegni dell’esilio

 

ALESSANDRA BARONI
Ispirazione e figurazione dantesca tra Otto e Novecento

 

GIOVANNI CIPRIANII
L’umana tragedia di Gino Gamerra. Dante e la satira politica nella I° Guerra Mondiale

 

Modera ANTONIA IDA FONTANA

 

(per la partecipazione dal vivo è obbligatoria la prenotazione a: info@aadfi.it)

cliccare qui per partecipare in diretta streaming
ID riunione 910 1825 5529 – Passcode 790159

Mostra “IL NON ALLINEATO” Sergio Nardoni e la sua scuola – 13 novembre 2021 – 9 gennaio 2022

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

“IL NON ALLINEATO

SERGIO NARDONI E LA SUA SCUOLA

sabato 13 novembre 2021
ore 18.00

PALAZZO MALASPINA
Via del Giglio, 31 – Barberino Tavarnelle (FI)
Loc. San Donato in Poggio

ORARI DI APERTURA
venerdì-sabato-domenica: 16.00 – 19.00
INGRESSO GRATUITO

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Convegno “LE CITTÀ TOSCANE E L’AMBIENTE DOPO LA PANDEMIA. RESILIENZA O TRASFORMAZIONE?

Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al convegno

LE CITTÀ TOSCANE E L’AMBIENTE DOPO LA PANDEMIA. RESILIENZA O TRASFORMAZIONE?

a cura di Gaspare Polizzi e Renzo Manetti

 

11 – 12 NOVEMBRE 2021

 

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
via Orsammichele 4, Firenze

per la partecipazione dal vivo è obbligatoria la prenotazione a: info@aadfi.it

 

11 NOVEMBRE

Collegamento streaming – (ID 924 5295 0281- Passcode 850470)

15.00 SALUTI ISTITUZIONALI
Cristina Acidini – Presidente AADFI
Saluti istituzionali della Regione Toscana
Cecilia del Re – Assessore Comune di Firenze
Alessandra Petrucci – Rettrice Università di Firenze
Emidio Spinelli – Presidente SFI

15.30 PRIMA SESSIONE
Presiede Giorgio Bonsanti

15.30 – Ecologia ed evoluzione dei sistemi urbani nell’Antropocene
Guido Chelazzi

16.00 – Firenze sarà ancora una città mondo?
Giacomo Marramao

16.30 – I borghi toscani: alternativa urbana o manierato concept per le vacanze?
Francesco Gurrieri

17.00 – 17.15 coffee

17.15 – 18.45 TAVOLA ROTONDA
IL PROBLEMA DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE PRIMA E DOPO LA PANDEMIA: LE URGENZE AMBIENTALI

Fernando Caruncho [in collegamento on line]
Bernardo Gozzini – I cambiamenti climatici e il loro impatto sulle città
Gaspare Polizzi – Oikos, habitat, ambiente
Modera Paolo Ermini

18.45 DIBATTITO

 

12 NOVEMBRE

Collegamento streamig – (ID 938 7077 8316 – Passcode  771856)

SECONDA SESSIONE
Presiede Renzo Manetti

10.00 – 11.00
PANDEMIA, CONSUMI E VINCOLI DEL PIL

Andrea Cerroni – Città come fabbrica del garbo: per un neoumanesimo tecnologico
[in collegamento on line]
Nicola Lattanzi – La Toscana che guarda il pianeta: economia, crescita e prospettive dei sistemi urbani

11.00 – 11.15 coffee

L’ABITARE NELLE DIVERSE AREE DELLA TOSCANA

11.15 – “Borghi antichi-vite nuove”
Andrea Ponsi

11.45 – Resilienza sociale, urbana e patrimonio culturale
Chiara Dezzi Bardeschi
Abitare la città e i borghi: la socializzazione

12.15 – Le nuove strutture dell’istruzione
Giorgio Fiorenza
Abitare la città e i borghi: l’istruzione

12.45 – La rete-web e la rete dell’assistenza
Donatella Lippi
Abitare la città e i borghi: la salute

13.15-15.00 pausa pranzo

Presiede Gaspare Polizzi

ABITARE LA CITTÀ E I BORGHI: LA CASA

15.00 – Un quadro introduttivo sui problemi architettonici
e urbanistici più rilevanti
Giuseppe De Luca

15.30 – Pandemia e salute globale: tempesta perfetta od opportunità
per un futuro “green”?
Francesco Ferrini [in collegamento on line]
Abitare la città e i borghi: l’istruzione

16.00 – La città operosa e la questione dell’esodo del lavoro verso i borghi
Mauro Cozzi
Abitare la città e i borghi: il lavoro

16.30-16.45 coffee

TERZA SESSIONE
Presiede Gaspare Polizzi

ABITARE LA CITTÀ E I BORGHI: I CENTRI STORICI

16.45 – Sistemi urbani storici: funzioni per un’era di transizione critica
Mauro Lombardi

ABITARE LA CITTÀ E I BORGHI: IL SISTEMA TOSCANO

17.15 – Scenari e potenzialità del sistema territoriale toscano nuovi
panorami urbani e nuovi stili
Mariella Zoppi

 

Le città toscane e l’ambiente dopo la pandemia: resilienza o trasformazione?

 

Preambolo

La drammatica esperienza che stiamo vivendo impone una riflessione nuova sulle città, che unisca, con una metafora proposta da Luciano Floridi, verde e blu, la radicalità della riflessione ambientale e le potenzialità ancora inespresse del digitale.

Da qui la domanda che ci poniamo: è sufficiente una città resiliente, cioè in grado di resistere agli urti della crisi senza mutare, oppure si impone una città trasformata nelle sue strutture e nel suo modo di essere?

A nostro avviso, la drammatica emergenza del virus SARS-CoV-2 insegna che la velocità incontrollata e accelerata degli scambi e dei flussi in funzione di rapidi profitti non solo non paga, ma porta con sé catastrofi. Le città toscane hanno bisogno di una gestione controllata del loro patrimonio, di una gestione pubblica «forte», sorretta da conoscenze varie e complesse, e di investimenti consistenti e ben orientati, in contesto oggi particolarmente favorevole grazie al Recovery fund, che destina il 37% delle risorse assegnate all’Italia alla sostenibilità ambientale su sei aree principali di azione: digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per la mobilità; istruzione, formazione, ricerca e cultura; equità sociale, di genere e territoriale; salute. Questi sei pilastri di intervento europeo dovranno essere ambientalmente virtuosi.

In vista del panorama, del tutto imprevisto, che si presenterà dopo l’emergenza è forse necessaria una spinta più che alla resilienza ad una vera e propria trasformazione strutturale e di mentalità, funzionale a un riequilibrio ambientale, promuovendo la valorizzazione e la tutela degli spazi pubblici, perché la città sia percorribile con una mobilità privata e pubblica integrate, con un trasporto ecosostenibile, perché sia decorosa e bella in centro e in periferia; riflettendo su nuove forme dell’abitare gli spazi privati. Si impone quindi una radicale trasformazione culturale e antropologica, che torni a mettere al centro della vita nelle città toscane la cultura, l’istruzione, la ricerca. Per far questo occorrono linee guida da perseguire con le competenze multidisciplinari di una «scienza delle città», in un progetto di pianificazione urbana che va oltre la durata delle giunte comunali. Per sostenere tale proposta ci si propone di realizzare una iniziativa di rilievo nazionale, da tenersi a Firenze l’11 e il 12 novembre 2021, in presenza e on line, dal titolo “Le città toscane e l’ambiente dopo la pandemia: resilienza o trasformazione?”, che metta a confronto nella riflessione e negli auspicabili sbocchi operativi urbanisti, architetti, demografi, studiosi dell’ambiente, storici urbani, storici dell’arte, artisti, economisti, giuristi, sociologi, filosofi. Le indicazioni raccolte in tale occasione andranno convogliate in una strategia unificante per una visione futura della Toscana.

 

Mostra “Remo Squillantini. Amarcord, alba e tramonto di un’epoca”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra 

REMO SQUILLANTINI

AMARCORD. ALBA E TRAMONTO DI UN’EPOCA

giovedì 4 novembre 2021 – ore 17.00

 

Sala Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli 68, angolo Piazza San Marco, Firenze

Interverranno
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura
Giovanni Faccenda, Curatore della mostra

Seguirà cocktail

orari:
dal martedì al sabato 10.00 – 13.00 / 17.00 – 19.00
domenica 10.00 – 13.00
lunedì chiuso

La mostra sarà visitabile dal 4 al 30 novembre 2021

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

L’ingresso alla Sala espositiva
segue le normative per la prevenzione del COVID-19

Obbligatoria l’esibizione del Green Pass

“THE PAPER PROJECT” – Giornata di studio

RICONOSCERE GLI ANTICHI NUCLEI COLLEZIONISTICI DI DISEGNI

APPROCCI METODOLOGICI E STRUMENTI DI RICERCA

Giornata di studio

CLICCARE QUI PER LO STREAMING ONLINE
ID riunione934 7982 6877 – Passcode 151976

5 novembre 2021

Accademia delle arti del Disegno (Palazzo dell’Arte dei Beccai)
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

PROGRAMMA

ore 10:00
Introduce Prof.ssa Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Prima sessione
Presiede Prof.ssa Alessandra Baroni
Direttrice del Progetto Getty-AADFI

Prof. Pierre Max Rosenberg
La collezione di disegni di Pierre-Jean Mariette

ore 14.30
Seconda sessione
Presiede Prof. Giorgio Bonsanti
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno
Prof.ssa Letizia Montalbano
Un aiuto per lo studio delle collezioni di disegni: l’analisi delle
tecniche e dei materiali attraverso le indagini scientifiche

ore 17.00
Conclusioni Prof.ssa Alessandra Baroni

 

NUOVI ACCADEMICI 2021

CLASSE DI PITTURA

Nuovo Accademico Corrispondente
 – Lamberto Pignotti

 

CLASSE DI SCULTURA

Nuovo Accademico Ordinario
 – Luciano Preti
Innocenzo Vigoroso

Passaggio ad Accademico Corrispondente
Francesco Roviello

Passaggio ad Accademico d’Onore
Fernando Casalini
Luigi Galligani

 

CLASSE DI ARCHITETTURA

Passaggio ad Accademico Ordinario
Mauro Cozzi
Vincenzo Vaccaro

 

CLASSE STORIA DELL’ARTE

 

CLASSE DI DISCIPLINE UMANISTICHE E SCIENTIFICHE

Nuovi Accademici Corrispondenti
Conti Fulvio
Lombardi 
Mauro

Passaggio ad Accademico Emerito
Cantinelli Paolo

Passaggio ad Accademico Ordinario
Farulli Luca

Passaggio ad Accademico Corrispondente
Ruffini Mario

  

ACCADEMICI D’ONORE DONATORI DIO FLUVIALE

Progetto Dio Fluviale
Baroni Jean-Luc e Cristina
Di Canossa 
Alvise e Margherita
Fresco 
Paolo
Klesch Gary
Anita
Mantellassi 
Franco
Pinzauti 
Lorenzo e Franca
Stathis 
Petros
Vannucci 
Adolfo 

 

ACCADEMICI D’ONORE
Bini Rizzo 
Anna
Bracciotti 
Marzio
Breschi 
Fabrizio
Castaldi 
Laura
Ciardi  
Marco
De Benedictis 
Cristina
Dezzi Bardeschi 
Chiara
Foresto 
Elena
Isola 
Carlo
Kuper 
Yuri
Labriola 
Ada
Lazzi 
Giovanna
Mazzoli Milena
Miglietta 
Fernando
Molinari 
Luca
Nannetti 
Gabriele
Presciutti 
Massimo
Rocchigiani 
Antonella
Santini 
Valeria
Van Straten 
Giorgio
Wang Like
Wang Yan Cheng 

DANTE e MARCO POLO. VIAGGI VIRTUALI E REALI IN TERRE LONTANE ED ESPERIENZA DELL’ESILIO

Accademia delle Arti del Disegno

in collaborazione con

Accademia della Crusca

invitano alla S.V. alla conferenza

DANTE e MARCO POLO

VIAGGI VIRTUALI E REALI IN TERRE LONTANE ED ESPERIENZA DELL’ESILIO

a cura di Gaspare Polizzi

venerdì 22 ottobre – ore 17.00
Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze – via Orsammichele 4, Firenze

SALUTO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonia Ida Fontana
Presidente della Commissione Dantesca dell’Accademia

INTERVENGONO
James Bradburne
Direttore generale della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Braidense

Gaspare Polizzi
Università di Pisa e vicepresidente della Società Filosofica Italiana

Fabio Romanini
Università degli Studi di Ferrara

Giuseppe Mussardo
Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra di ERNESTO PICCOLO “… fresco smeraldo in l’ora che si fiacca”

L’Accademia delle Arti del Disegno
in collaborazione con
CERTOSA DI FIRENZE
Comunità di San Leonino

invitano la S.V. all’inaugurazione della mostra

ERNESTO PICCOLO
“… fresco smeraldo in l’ora che si fiacca”

Suggestioni dalla Divina Commedia
di Dante Alighieri

 

Pinacoteca della Certosa di Firenze

Domenica 17 ottobre 2021

 

ore 16.30: inaugurazione della mostra di pittura
ore 17.30: Risonavan per l’aere sanza stelle.
L’inferno e i suoi affetti
Passisparsi Ensemble: Martha Rook, soprano
Cora Mariani, mezzosoprano – Niccolò Landi, contralto
Neri Landi, tenore – Lorenzo Tosi, basso
Musiche di: J. Arcadelt, G.B. Montanaro, D. Micheli,
L. Luzzaschi, C. di Rore, L. Marenzio, G. Scotto,
C. Gesualdo, O. di Lasso
 
CERTOSA DI FIRENZE
Via della Certosa, 1, 50124 Firenze FI
 
17 ottobre 2021 – 31 gennaio 2022
orario: tutti i giorni 10.00-12.00; 15.00-18.00
(eccetto il lunedì e la domenica mattina)

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

DANTE e DALLAPICCOLA. UNA TRAVERSATA DA BEATRICE A LAURA

 

DANTE e DALLAPICCOLA
UNA TRAVERSATA DA BEATRICE A LAURA

 

Evento organizzato in collaborazione con

CENTRO STUDI LUIGI DALLAPICCOLA
SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI
CONSERVATORIO DI MUSICA “LUIGI CHERUBINI”

 

Lunedì 11 ottobre 2021 – ore 18.00

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

Registrazione e streaming
a cura del Dipartimento Nuove Tecnologie del Conservatorio “Cherubini”

 

MUSICA E PAROLE

Il Concerto

Tre brani per voce e chitarra, commissionati dal Centro Studi Luigi Dallapiccola a tre compositrici, eseguiti in prima assoluta

Maila Fulignati, soprano – Tommaso Tarsi, chitarra

 

Francesca Gambelli – IL RACCONTO DI ULISSE
Inferno, Canto XXVI, Versi 90-142

Barbara Rettagliati – FRAMMENTI IN-VERSI
Purgatorio, Canto II, Versi 114-133

Francesca Caponi – L’AMOR CHE MOVE IL SOLE E L’ALTRE STELLE
Paradiso, Canto XXXIII, Versi 1-3

Luigi Dallapiccola – QUADERNO MUSICALE DI ANNALIBERA
trascrizione per chitarra di Tommaso Tarsi

 

Le Parole
Mario Ruffini parla del rapporto fra Dallapiccola e Dante e commenta i brani musicali.

 

________________________________

 

Mario Ruffini, Presidente del Centro Studi Luigi Dallapiccola e studioso di riferimento del mondo dallapiccoliano, ripercorre il rapporto fra Dante e Dallapiccola i due passaggi: Parole e musica.

Le parole
Nel mese di maggio del 1922 Luigi Dallapiccola si trasferisce a Firenze, meta tradizionale degli studenti delle regioni del nord-est italiano. Nella città toscana la frequentazione di Dante continua per Dallapiccola a essere “commercio quotidiano”, come già in Istria, e le lapidi dantesche fungono da “guida turistica” nell’appropriazione di un territorio attraverso le terzine della Commedia. Nascono così i celeberrimi 6000 passi, passeggiate mattutine e pomeridiane di un’ora precisa, nelle quali Dallapiccola, guidato dalle lapidi dantesche poste sui palazzi della città, impara a conoscere Firenze. Le lapidi dantesche fungono da “guida turistica” nell’appropriazione di un territorio attraverso le terzine della Commedia.

La musica
Per l’occasione, il Centro Studi Luigi Dallapiccola ha commissionato tre brani musicali per voce e chitarra ad altrettante compositrici. Una sorta di traversata nel segno della figura femminile che dalla Beatrice di Dante porta alla Laura di Dallapiccola, di cui ricorrono quest’anno 110 anni dalla nascita (1911-2021). Laura fu infatti vera stella polare dell’intera traversata dallapiccoliana, come Beatrice per Dante.

Le tre compositrici hanno realizzato il loro lavoro su episodi della Commedia dantesca, in un percorso ascendente, dall’Inferno, al Purgatorio al Paradiso: Inferno (Francesca Gambelli, Il racconto di Ulisse); Purgatorio (Barbara Rettagliati, Frammenti In-versi);  Paradiso (Francesca Caponi, L’amore che move il sole e l’altre stelle). I tre brani per voce e chitarra, come un’opera scritta a più mani, unitaria eppur diversificata, saranno eseguiti dal soprano Maila Fulignati e dal chitarrista Tommaso Tarsi.

 

Mostra “Stefano Benazzo. L’architettura e il suo doppio: come progettare tra intelletto e manualità”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. a visitare la mostra 

STEFANO BENAZZO

L’ARCHITETTURA E IL SUO DOPPIO
COME PROGETTARE TRA INTELLETTO E MANUALITÀ

dal 5 al 31 ottobre 2021

orari:
dal martedì al sabato 10.00 – 13.00 / 17.00 – 19.00
domenica 10.00 – 13.00
lunedì chiuso
 

L’ingresso alla Sala espositiva segue le normative per la prevenzione del COVID-19

Obbligatoria l’esibizione del Green Pass

Stefano Benazzo

STEFANO BENAZZO

L’Architettura e il suo doppio

come progettare tra intelletto e manualità

Viaggio alla scoperta degli edifici storici e di culto

più suggestivi tra Italia e Europa

Dal 5 al 31 ottobre 2021 presso la Sala Esposizioni dell’ Accademia delle Arti del Disegno di Firenze

via Ricasoli 68, Firenze

 

Una straordinaria esposizione di 17 modelli architettonici, realizzati da Stefano Benazzo in legno, cartone e resina, ispirati ai principali edifici storici e di culto fra i più suggestivi tra Italia e Europa: l’Arco di Costantino, Castel del Monte, San Miniato al Monte e Sacello del Santo Sepolcro a Firenze, Divina Sapienza a Costantinopoli, numerosi edifici ortodossi e cattolici dell’Europa orientale e settentrionale, San Pietro, Notre Dame e la Consolazione a Todi. Ma anche edifici di culto di altre confessioni monoteiste, oltre che una chiesa costruita 70 anni fa da prigionieri di guerra italiani in Scozia.

Nata dall’invito rivolto all’artista Stefano Benazzo dall’Accademia delle Arti del Disegno, promossa assieme a Banca Generali Private e Ego-SE’, con il Patrocinio della Regione Toscana,
dell’Abbazia di San Miniato al Monte, dell’Ambasciata di Bulgaria presso la Santa Sede e lo SMOM. Uno speciale ringraziamento a Massimo Ciaccio e Moreschina Fabbricotti.

A esprimere grande entusiasmo per la mostra è Mauro Brosco, District Manager di Banca Generali Private: “Come Banca attenta ai patrimoni delle famiglie, siamo consapevoli dell’importanza di valorizzare il patrimonio collettivo più importante del nostro Paese quale è l’Arte e la Cultura. Questa prestigiosissima mostra potrà donare ai nostri clienti e alla città di  Firenze un’angolatura di visuale originale alla scoperta dell’architettura dal punto di vista della progettazione tra intelletto e manualità.”

Simona Sconfietti, Presidente e Socio Fondatore di Ego-SE’ ha proseguito: “Sono sempre stata affascinata dai relitti, dalle case abbandonate e dagli edifici antichi. Stefano Benazzo mi ha
finalmente svelato la ragione di ciò: si tratta di VITA, vita vissuta da cui la mia curiosità di conoscere il “passato vivo”. Ecco perché ho voluto che Ego-SÉ entrasse a far parte di questa mostra con le sue collezioni che raccontano la storia dell’alta arte orafa toscana, gioielli realizzati a mano in esemplari unici che incarnano il bello assoluto. E allora ci affianchiamo a questo grande artista quale è Stefano Benazzo, accompagnandolo nel suo percorso di riconoscenza e ammirazione alle generazioni che ci hanno preceduto anche con le opere dei nostri artisti artigiani toscani”.

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, ha commentato: “In un tempo anomalo e incerto qual è quello in cui ci tocca vivere, che scoraggia o impedisce i viaggi nel
mondo reale, la mostra di Stefano Benazzo ci rapisce in un itinerario virtuale di bellezze esotiche e nostrali. Tramite i suoi modelli, progettati con cura meticolosa e realizzati con tecniche raffinate,
egli non si limita a evocare le meraviglie costruite dall’uomo nel mondo: ci dà la gratificante illusione, per qualche attimo, di possederle tutte insieme”.

Stefano Benazzo, scultore, fotografo di relitti spiaggiati (450 fotografati in mezzo secolo), modellista architettonico e navale, ha al suo attivo più di 50 mostre personali in Italia e all’estero. In
Francia è in pubblicazione un ennesimo libro di sue fotografie di relitti corredate dai racconti delle vicende a cui sono collegati.

www.stefanobenazzo.it

 

La mostra sarà aperta da martedì a sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00,

la domenica dalle 10.00 alle 13.00; il lunedì la mostra osserverà il giorno di chiusura.

 

Presentazione del volume “L’eredità culturale di Ornella Casazza”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume

 

 

L’eredità culturale di Ornella Casazza

a cura di Laura Felici e Duccio Bacci
edizioni Polistampa, 2021

 

30 settembre 2021 – ore 16.30

Accademia delle Arti del Disegno, Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele 4 – 50123 Firenze

 

Introduce
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Presenta
Antonia Ida Fontana
Responsabile Biblioteche dell’Accademia delle Arti del Disegno

Intervengono
Marco Ciatti, Francesco Gurrieri, Antonio Paolucci,
Valdo Spini, Mariella Zoppi

 

È stato invitato il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani

 

Saranno presenti i curatori del volume

————————————————

L’ingresso è consentito previa prenotazione
all’indirizzo email: info@aadfi.it fino ad esaurimento posti

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

Mostra Liu Youju BEYOND ABSTRACTION

Liu Youju

Beyond Abstraction – Oltre l’astrazione

a cura di Anna Balzani

 

con il patrocinio di

Regione Toscana

Comune di Firenze

dal 03 settembre 2021 al 30 settembre 2021

 

Sala delle esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno

Via Ricasoli 68, 50121 Firenze

ingresso libero (Green Pass obbligatorio)

martedì – sabato 10-13/ 17-19

domenica 10-13 – lunedì chiuso

 

L’iniziativa espositiva presenta 25 grandi opere del pittore Liu Youju e nitida è l’impressione di trovarsi di fronte ad opere di grande potenza generate dall’incontro tra l’artista e la natura, tra la coscienza profonda e il mondo organico, che finisce per tradursi in una pittura caratterizzata dalla forte espressività e nella quale si incontrano due mondi, quello della calligrafia tradizionale cinese e quello dell’espressionismo astratto; una pittura gestuale che deriva anche dal confronto con le esperienze artistiche occidentali. Colori come vibrazioni musicali che traducono la complessità della materia, la timbricità, la materialità, il vitalismo, in un inseguimento continuo, una perenne mutazione e trasformazione di cui Liu Youju cerca di afferrare l’essenza attraverso i segni-scrittura e i segni-colore.

Liu Youju è nato nel 1955 a Jiexi e vive a Guangzhou, capoluogo della provincia del Guangdong, nella Repubblica Popolare Cinese. Nel corso della sua carriera, ha ricoperto molti ruoli rilevanti, tra questi Presidente della China Calligraphy and Paiting Artist Association, Presidente della Guangdong International Chinese Calligraphy Research Association, Direttore del Guangdong Chinese Calligraphy Institute, Preside della Academy of Arts of Yangcheng, Direttore della Yangcheng Evening News Academy of Arts e Visiting Professor alla Beijing Normal University, alla Open University of China, alla Beijing University for Nationalities, South China Normal University e Guangdong Chinese Culture College. Tra le prestigiose iniziative espositive realizzate, nel novembre 2014 ha presentato le sue opere alla Richard Nixon Presidential Library and Museum, a Yorba Linda, in California (USA), e la sua opera “Christmas Impressions” è entrata a far parte della collezione del Museo. In quest’occasione il Congresso degli Stati Uniti d’America (U.S. Congress) ha assegnato a Liu Youju un riconoscimento importante, il “Sino-U.S. Cultural exchange Outstanding Contribution Award” (Premio per il contributo eccezionale allo scambio culturale sino-americano). Nel marzo 2015, si è tenuta la sua mostra personale al Today Art Museum di Pechino, nell’agosto 2015 la mostra “Illusionism-Rational” è stata allestita nella Sala del Maresciallo del Musée des Arts Décoratifs, a Parigi. Nell’ottobre 2015, in concomitanza con lo storico incontro tra la Regina Elisabetta II e il Presidente cinese Xi Jinping, durante la prima visita ufficiale in Gran Bretagna, Liu Youju ha realizzato una mostra al British Museum, su invito del Parlamento britannico e del Comitato del British Museum. Le sue opere “Crossing the Millennium” e “Universe Cultivation” sono state accolte permanentemente dal Parlamento britannico e dal British Museum. Nel giugno 2016 all’Accademia delle Arti del Disegno si è svolta la sua prima iniziativa espositiva in Italia, dal titolo “Demolition VS Construction”, successivamente ospitata anche a Palazzo Medici Riccardi, a Firenze. Nell’ottobre 2017 “Phantom Time and Space Encounters Pompidou-Liu Youju Painting Exhibition and Academic Seminar” si è tenuta presso il Centro Nazionale d’Arte Pompidou, a Parigi, in Francia. Nell’ottobre 2018 ha fondato il “Contemporary International Art Salon” e ha tenuto il “First Sino-French Forum” presso il Guangzhou Baiyun International Conference Center.

 

Liu Youju e Cristina Acidini

Il maestro Liu Youju

Liu Youju, Cristina Acidini, Tommaso Sacchi

Giorgio Bonsanti, Andrea Granchi, Cristina Giachi, Claudio Rocca, Cristina Acidini, Liu Youju

Mostra “MILLE PAROLE” di Qiu Yi

MILLE PAROLE

di Qiu Yi

9 luglio – 9 agosto 2021

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) – Firenze

 

Interverranno
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Di Tommaso
Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Vittorio Santoianni
Accademico e curatore della mostra

Con il patrocinio di
Regione Toscana
Comune di Firenze
Consolato Generale della
Repubblica Popolare Cinese a Firenze
Qiu Yi Studio

LA MOSTRA VISITABILE DAL
9 luglio – 9 agosto 2021

orari:
dal martedì al sabato 10:00 – 13:00 / 17:00 – 19:00
domenica 10:00 – 13:00
lunedì chiuso

Ingresso gratuito con accesso nel rispetto
delle normative anti-Covid

Presentazione del volume “PALAZZO LENZI. 500 anni di storia”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitarla alla presentazione online del volume

PALAZZO LENZI
500 anni di storia

17 giugno 2021 – ore 17.30

Saluti
Cristina Acidini, Presidente AADFI
Giorgio Fiorenza, Presidente DUS AADFI
Manon Hansemann, Institut Français Firenze

Presentano
Barbara Innocenti, Università degli Studi di Firenze
Gaspare Polizzi, Università degli Studi di Pisa

Intervengono gli autori del volume
Manon Hansemann, Console onorario di Francia
Marco Lombardi, Associazione Amici dell’Istituto Francese

PER PARTECIPARE ALL’INCONTRO:
https://zoom.us/j/97983559586?pwd=K2cvTEhnMFpHcDJtVmZycFVVekRtQT09

NEO SKENÈ – MANIFESTI D’ARTISTA AL TEATRO DI RIFREDI

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di comunicare a tutti
la riapertura della Sala Esposizioni
con una mostra evento

NEO SKENÈ
MANIFESTI D’ARTISTA AL TEATRO DI RIFREDI

12 maggio – 13 giugno 2021

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) – Firenze

 

Progetto di
Niccolò Mannini e Simone Teschioni Gallo
 
Mostra a cura di
Simone Teschioni Gallo
 
Opere di
Irene Bulletti, Leopoldo Innocenti, Rossella Liccione, Leonardo Moretti e Skim
 
Mostra co-promossa da
Comune di Firenze
Comune di Scandicci
Accademia di Belle Arti di Firenze
 
con il prezioso contributo di 
Unicoop Firenze
Moka Arra srl
Prodigio Divino srl
 
orari:
dal martedì al sabato 10:00 – 13:00 / 17:00 – 19:00
domenica 10:00 – 13:00
giorno di chiusura lunedì
 
Ingresso gratuito con accesso nel rispetto
delle normative anti-Covid

La città dell’Alighieri (XIX-XX secolo). Firenze e l’idea di Dante [incontri e registrazioni]

La città dell’Alighieri (XIX-XX secolo) Firenze e l’idea di Dante

a cura di Antonia Ida Fontana, Mauro Cozzi, Claudio Di Benedetto e Enrico Sartoni

 

Per approfondire con noti studiosi il tema del rapporto tra la città e il Divino Poeta. Firenze nell’ Ottocento e nel Novecento si è ripetutamente confrontata con l’idea di Dante con riflessi che hanno ispirato e condizionato architettura, arte, teatro e cinema.

 

Commissione Dantesca dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonia Ida Fontana Presidente

membri: Adriano Bimbi, Riccardo Bruscagli, Mauro Cozzi, Claudio Di Benedetto, Carlo Francini, Massimiliano Rossi, Luigi Zangheri, Domenico Viggiano; Enrico Sartoni segretario.

 

1° sessione: 26 aprile

(CLICCARE QUI PER VEDERE LA REGISTRAZIONE DEL PRIMO INCONTRO)

IntroduzioneCristina Acidini Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Saluti, Antonia Ida Fontana, Presidente della Commissione Dantesca dell’Accademia delle Arti del Disegno

  • Dante, Dantologia e Dantomania nella città dell’Alighieri, Francesco Gurrieri, già Università degli Studi di Firenze
  • Lectio Magistralis – Dante ieri e oggi, qui e altrove, Riccardo Bruscagli, già Università degli Studi di Firenze

 

2° sessione: 3 maggio

(CLICCARE QUI PER VEDERE LA REGISTRAZIONE DEL SECONDO INCONTRO) in attesa di essere caricato

Presiede Massimiliano Rossi

  • Costruire un monumento a Dante, la vicenda del pantheon di Santa Croce, Sandro Bellesi, Accademia di Belle Arti di Firenze
  • Dante, non-Dante. Il ‘vero’ ritratto del palazzo del Podestà secondo un nuovo modello interpretativo, Enrica Neri Lusanna, già Università degli Studi di Perugia
  • Dante tra statuaria pubblica e impegno accademico, Giulia Coco, Direzione Regionale Musei della Toscana
  • Ispirazione e figurazione dantesca tra Otto e Novecento, Alessandra Baroni, University of  Rochester

 

3° sessione: 10 maggio

(CLICCARE QUI PER VEDERE LA REGISTRAZIONE DEL TERZO INCONTRO)

Presiede Antonia Ida Fontana

  • Dante, una nuova identità e letteratura nell’Ottocento fiorentinoFrancesco Sberlati, Università degli Studi di Bologna
  • La storiografia fiorentina tra Otto e Novecento alla ricerca di Dante, archivi, idealità e imprese editoriali, Francesco Salvestrini, Università degli Studi di Firenze
  • Esegesi dantesche nel Novecento. Pascoli, Luigi Valli e altri interpreti tra poesia ed esoterismo, Marino Biondi, Università degli Studi di Firenze
  • Dante e la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Claudio di Benedetto, Accademia delle Arti del Disegno.

 

4° sessione: 17 maggio

(CLICCARE QUI PER VEDERE LA REGISTRAZIONE DEL QUARTO INCONTRO) in attesa di essere caricato

Presiede Carlo Francini

  • Dante in scena ricezione, oralità e recitazione nella Firenze dell’Ottocento, Andrea Simone, Università degli Studi “G. Dannunzio” di Chieti-Pescara
  • Mania del filaretto e della pietra nella periferia storica di Firenze, Mauro Cozzi, Università degli Studi di Firenze
  • Dante e il cinema, Cristina Jandelli, Università degli Studi di Firenze

 

5° sessione: 24 maggio

(CLICCARE QUI PER VEDERE LA REGISTRAZIONE DEL QUINTO INCONTRO) in attesa di essere caricato

Presiede Mauro Cozzi

  • La fortuna di Dante in Palazzo Vecchio, Carlo Francini, Comune di Firenze
  • La casa di Dante e il quartiere dantesco, Gianluca Belli, Università degli Studi  Firenze
  • Una sede per la Società Dantesca: Lusini e il palazzo dell’Arte della Lana, Enrico Sartoni, Accademia delle Arti del Disegno
  • Dante e il concorso Alinari, Carlo Sisi, Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze

 

6° sessione: 7 giugno

 (CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL SESTO INCONTRO)

Presiede Giorgio Bonsanti

  • Onorate l’Altissimo Poeta: toponomastica e monumenti dedicati a Dante nel mondo, Antonia Ida Fontana, Società Dante Alighieri
  • Da simbolo nazionale a icona globale: Dante nelle celebrazioni del 1965, Fulvio Conti, Università degli Studi di Firenze
  • Un artista contemporaneo e Dante: un ciclo di opereAndrea Granchi, Accademia delle Arti del Disegno
  • La Firenze di Dante come umbilicus mundi, Renzo Manetti, Accademia delle Arti del Disegno

Visita virtuale dell’ACCADEMIA DELLE ARTI DEL DISEGNO

Per vedere il tour virtuale, in compagnia della presidente prof.ssa Cristina Acidini cliccare qui:

http://theflr.net/accademiadeldisegno

L’Accademia delle Arti del Disegno è lieta di comunicare a tutti gli accademici, agli amici e a chi ama l’arte, che è online e visionabile in ogni momento, un tour virtuale dell’Accademia attraverso le sue opere e la sua storia, guidati dalla Presidente prof.ssa Cristina Acidini.

Il tour è in lingua inglese ed è stato realizzato grazie all’iniziativa dell’associazione americana Advancing Women Artists e dalla direttrice dei progetti Linda Falcone, assieme alla testata giornalistica  in lingua inglese “The Florentine”.

La grande impresa del Duca Cosimo con Giorgio Vasari e Vincenzo Borghini viene presentata attraverso le opere d’arte dei grandi maestri del rinascimento presenti nella sede del palazzo dei Beccai: dal tabernacolo di Boldrone dipinto da Pontormo, alla statua in terra cruda del Dio Fluviale modellato da Michelangelo Buonarroti, fino alle collezioni contemporanee degli artisti.

Un’occasione che in un periodo di forzato allontanamento, permette di recuperare la possibilità di passeggiare tra le stanze dell’Accademia e conoscere sempre più la storia di questa pluricentenaria istituzione.

THE PAPER PROJECT

The aim of the project is to offer 12 young curators and conservators a full immersion training course.  The course will include museum visits, workshops and seminars (in English and Italian) in order to enable applicants to study closely and therefore familiarise themselves with the collections  of the Horne Foundation Museum, the Biblioteca Marucelliana, the Opificio delle Pietre Dure, the Castello Sforzesco in Milan and the Musei Civici, Verona.

The goal of the project is to ensure that participants have the opportunity to immerse themselves full-time: in experiencing technical and scientific issues; in historical and archival analysis and research;and in the preservation and exhibition of Italian master drawings, with the result that they will be ableto make independent decisions in relation to research, acquisition, conservation, and ultimately the enrichment of collections. The seminars will be held in Italian and English.

 

DIRECTOR OF THE PROGRAM

Prof.ssa Alessandra Baroni Vannucci
Accademia delle Arti del Disegno alessandra.baronivannucci@gmail.com 

 

 

TEAM OF THE PROGRAM

Participants:

  1. Christopher Bakke: bakkec@gmail.com
  2. Stefano Balbiani: stefanobalbiani@gmail.com
  3. Maelyss Haddjeri: haddjeri.m@gmail.com
  4. Amanda Hilliam: amanda.hilliam@gmail.com
  5. Violetta Pedrelli: violetta.pedrelli@hotmail.it
  6. Beatrice Sanfilippo: mariabeatrice.sanfilippo@beniculturali.it
  7. Julia Siemon: siemonj@si.edu

 

Institutions:

Opificio delle Pietre Dure
Dr. Letizia Montalbano

letizia.montalbano@beniculturali.it

Fondazione Casa Buonarroti
Prof. Alessandro Cecchi

alessandrocecchi@casabuonarroti.it

Marucelliana Library
Dr. Silvia Castelli

silvia.castelli3@gmail.com

Civic Museum Castello Sforzesco
Dr. Alessia Alberti

alessia.alberti@comune.milano.it

Verona Civic Museums
Dr. Francesca Rossi

francesca.rossi@comune.verona.it

Fondazione Miniscalchi-Erizzo
Dr. Giovanna Residori

giovanna.residori@museominiscalchi.it

 

Academic Secretary
Laura Turchi

laura.turchi@aadfi.it

Nomine nuovi Accademici 2020

CLASSE DI PITTURA

Da Corrispondente a Ordinario: Giacobbe Luca
Da Onorario a Corrispondente: Barni Roberto
Da Onorario a Corrispondente: Ranaldi Renato
Da Corrispondente a Onorario: Bressan Italo

 

CLASSE DI SCULTURA

Da Ordinario a Emerito: Vangi Giuliano
Da Ordinario a Emerito: Gavazzi Giuseppe
Da Corrispondente a Ordinario: Calò Luca
Da Corrispondente a Ordinario: Daniele Mario
Da Onorario a Corrispondente: Ferrarini Enrico
Da Onorario a Corrispondente: Niccolai Niccolò
Da Onorario a Corrispondente: Vigoroso Innocenzo

 

CLASSE DI ARCHITETTURA

Da Onorario a Corrispondente: De Luca Giuseppe

 

CLASSE DI STORIA DELL’ARTE

Nessun Passaggio

 

CLASSE DI DISCIPLINE UMANISTICHE

Da Corrispondente a Emerito: Ceccuti Cosimo
Da Onorario a Corrispondente: Grifoni Stefano

 

NUOVI ACCADEMICI D’ONORE

Galliani Omar
Pittore, artista, docente dell’Accademia di Belle Arti di Roma
(Classe di Pittura)

Frangioni Aldo
Critico d’arte, Direttore della Rivista Cultura Commestibile
(Classe di Pittura)

Di Benedetto Maria
Architetto, docente dell’Università degli Studi di Firenze
(Classe di Architettura)

Preite Massimo
Architetto, docente dell’Università degli Studi di Firenze
(Classe di Architettura)

Paladino Mimmo
Scultore
(Classe di Scultura)

Jasci Alessandro
Scultore
(Classe di Storia dell’Arte)

Roviello Francesco
Scultore, docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze
(Classe di Storia dell’Arte)

Ragionieri Susanna
Storica dell’Arte, docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze
(Classe di Storia dell’Arte)

Guidi Giuliana
Storica dell’Arte, redattrice di molte iniziative editoriali
(Classe di Storia dell’arte)

Della Monica Ilaria
Storica dell’Arte, Villa I Tatti
(Classe di Storia dell’Arte)

Lombardi Mauro
Economista, docente dell’Università degli Studi di Firenze
(Classe di Discipline Umanistiche e Scientifiche)

Bernacchi Pier Francesco
Presidente della Fondazione Collodi
(Classe di Discipline Umanistiche e Scientifiche)

Bruscagli Riccardo
Italianista, già docente dell’Università degli Studi di Firenze
(Classe di Discipline Umanistiche e Scientifiche)

Di Teodoro Francesco Paolo
Laureato in Architettura, docente del Politecnico di Torino
(Consiglio di Presidenza)

Sulla legge 120/2020 – Stadio Artemio Franchi Firenze

Spesso in passato l’Accademia delle Arti del Disegno, libera associazione di esperti di arti, lettere e scienze di antica fondazione, ha fatto sentire la propria voce in questioni cittadine e nazionali, anche con toni schietti e appassionati.

Ultimamente, in ragione dell’inasprimento del dibattito sulla cultura e sulle arti, sottoposto alle crescenti ingerenze di soggetti politici, ha scelto di non esprimersi per non schierarsi con questa o quella posizione, mantenendo piuttosto un ruolo tecnico super partes e rispettando, inoltre, la pluralità di opinioni al’interno del corpo accademico.

Anche sull’articolo detto “sbloccastadi” nella Legge 120/2020 di conversione del “decreto semplificazione”, avente un peso determinante nella questione delle future modifiche allo stadio Artemio Franchi di Firenze, il sentire dei singoli accademici è articolato secondo le sensibilità e le professionalità individuali.

All’unanimità, tuttavia, in questo caso il consiglio accademico condivide ed esprime viva preoccupazione per le sorti dello stadio fiorentino, sottratto – a norma di legge – a quella tutela, che il provvedimento di vincolo degli anni ’80 aveva assicurato alla struttura progettata nel 1931 da Pier Luigi Nervi, caposaldo del razionalismo architettonico italiano di fama internazionale e come tale inserito in tutti i manuali (oltre che nei passaporti): vincolo che, comunque, non impedì un concordato adeguamento per i Mondiali di calcio del 1990.

I rischi di una futura ristrutturazione “deregolata” sono evidenti.

La legge infatti consente di rimaneggiare l’impianto anche senza rispettare la sua organicità e la sua immagine, salvaguardando solo alcuni singoli elementi. E poiché sono previste non meglio precisate forme di conservazione distaccata, anche questi elementi potranno essere spostati e riproposti in contesti diversi da quelli originali: la Torre di Maratona o le scale, smontate e rimontate altrove come “oggetti” museali?…. Tutto questo contraddice teorie e prassi di tutela dei beni culturali internazionalmente riconosciute almeno da un secolo e mezzo; ma soprattutto, si colloca in aperto contrasto con l’art. 9 della Costituzione, che esplicitamente tutela il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Per gli interventi che si andranno ad attuare, gli Accademici auspicano un procedimento aperto, che preveda un confronto tra progetti diversi, a partire da quelli già oggi esistenti. E altresì la continuazione di un costruttivo dialogo con gli organi della tutela, per la messa a punto di una soluzione progettuale che tenga insieme l’identità storica dello stadio e la sua funzionalità odierna e futura.

La partita decisiva che Firenze sta giocando, per non lasciar andare un pezzo della sua memoria e della sua bellezza, non si svolge nello stadio Franchi, ma attorno ai tavoli dove si lavora per il suo futuro.

per L’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze

 

                     Prof.ssa Cristina Acidini  – Presidente

 

prof. Giorgio Bonsanti                              arch. prof. Renzo Manetti

         Segretario Genrale                     Presidente della Classe di Architettura

 

il mondo di GIULIO PIERUCCI (1899-1983)

il mondo di GIULIO PIERUCCI (1899-1983)

a cura di Domenico Viggiano

 

un omaggio alla visione del grande scultore attraverso le foto del suo studio da un altro artista: il prof. Domenico Viggiano, per anni direttore dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Una doppio specchio sulla nostra umanità ancor più attuale nelle inquietudini del nostro tempo. Con le foto si propone anche alcune opere originali dell’artista in collezioni private (tra cui il ritratto di Oscar Gallo e del critico Mario Bergomi) e nella collezione accademica (Ritratto di Tinu e Disegno di un volto)

[un sentito ringraziamento a Franco Bertini per aver consentito l’esposizione di alcune importanti opere e all’accademico Carlo Alberto Palli per aver favorito l’iniziativa]

 

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

orario
martedì-sabato 10.00-13.00/17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO/FREE ENTRANCE

 

#FugheDaFermi. Minuzie d’arte e di vita degli Accademici

Un progetto-evento dell’Accademia delle Arti del Disegno curato da Cristina Acidini

Accademici pittori, scultori, architetti, così come storici dell’arte, storici, umanisti, filosofi, scienziati riflettono sul loro percorso e mostrano i loro luoghi d’elezione, di vita e di lavoro rivelando al grande pubblico colori, emozioni, parole e progetti.

Dal Manifesto di adesione: “si prospetta davanti a noi un tempo non breve, nel quale la comunità accademica dovrà trovare nuove modalità di interazione, di racconto, di socializzazione: un tempo di sfide, ma anche di opportunità. Tutti noi siamo chiamai a fuggire l’isolamento a cui l’espressività, specie quella artistica, sembra sia temporaneamente costretta, essendo priva della sua componente di condivisione sociale e pubblica. Per questo motivo possiamo e dobbiamo occupare nuovi spazi, sondare nuove modalità”

Ogni settimana verranno rilasciati tre episodi

 

Una serie prodotta da Accademia delle Arti del Disegno

Un progetto a cura di Cristina Acidini

Coordinamento editoriale di Enrico Sartoni

 

Clicca sull’episodio per vedere

EPISODIO 00 – Introduzione della Presidente Cristina Acidini, curatrice del progetto

EPISODIO 01 – Andrea Granchi – Scenari al tempo del Coronavirus

EPISODIO 02 – Stefano Turrini – Ritorno allo studio

EPISODIO 03 – Antonio Violano – Un fiorentino a Barcellona

EPISODIO 04 – Piero Gensini. Lo scultore e le Gualchiere

EPISODIO 05 – Luca Giacobbe. Il colore del Silenzio

EPISODIO 06 – Gaspare Polizzi. Riflessioni di un filosofo

EPISODIO 07 – Mario Daniele. L’esperienza Europea

EPISODIO 08 – Andrea Ponsi

EPISODIO 09 – Lea Monetti

EPISODIO 10 – Antonio Di Tommaso

EPISODIO 11 – David Palterer

EPISODIO 12 – Giulio M. Manetti – Il virus, i luoghi, il dopoguerra

EPISODIO 13 – Giuseppe Calonaci – Frammenti di vita

EPISODIO 14  – Andrea Granchi – Taccuino della quarantena

EPISODIO 15 – Beatrice Barni – Fuga da ferme

CONTINUA…..

Ripresa delle attività accademiche. Comunicato

Sono lieta di poter comunicare a tutti voi che con la giornata di oggi 5 giugno, riapre la sala mostre dell’Accademia secondo il consueto orario con la mostra che era stata sospesa nel mese di marzo a causa dell’emergenza sanitaria. Sarà possibile visitare la mostra seguendo le regole e le precauzioni messe a punto nel protocollo di riapertura elaborato in osservanza delle normative vigenti e che ognuno di noi sarà chiamato a rispettare con cura.

La pandemia da Sars-Cov-2 ci ha tenuto lontani dai nostri impegni e dalla quotidianità cui eravamo abituati. La pandemia è ancora in corso e le autorità ci invitano alla prudenza pur con la consapevolezza ed il desiderio di tornare a cimentarsi nelle nostre attività.

La sede di Palazzo dei Beccai rimarrà per qualche tempo ancora chiusa al pubblico con la ripresa delle attività, secondo nuove modalità, fissata dal Consiglio di Presidenza per il 15 settembre prossimo.

Il nostro personale è stato posto in Cassa Integrazione per 2 giorni la settimana, mentre negli altri tre giorni svolge attività in smart working ed è possibile contattarlo secondo le consuete modalità via email e cellulare a voi tutti note.

L’impegno dell’Accademia sarà quello di potenziare l’utilizzo degli strumenti informatici e ricostruire un calendario di eventi e iniziative in cui si possa coniugare la fruibilità secondo gli spazi disponibili nella sede e la capacità di connettersi ed interagire attraverso internet.

Per questi motivi sono lieta di poter annunciare fin da oggi la condivisione con tutti voi dei risultati del progetto #FugheDaFermi Minuzie di arte e di Vita degli Accademici del Disegno. Si tratta di una serie di video con cui ogni accademico ha deciso di condividere la propria creatività e le proprie riflessioni. I video saranno rilasciati con regolare cadenza settimana, tre per ogni settimana sia sul nostro sito internet che sulla nostra pagina facebook. Sono sicuro che sarà un’occasione di conoscenza, scambio e approfondimento a cui tutti voi vorrete contribuire.

L’introduzione al progetto è già visibile all’indirizzo CLICCANDO QUI

Invio a tutti voi un cordiale saluto

Cristina Acidini

Presidente

QUALE FUTURO PER FIRENZE

L’Accademia è dunque un luogo privilegiato di osservazione e di confronto, dal quale possono scaturire analisi, proposte, idee, progetti. In base a questo indirizzo, da tempo rivolge un’attenzione particolare alle problematiche dei centri storici. Gli eventi promossi in questi ultimi anni sono stati molteplici. Si è soffermata a più riprese sul problema di una nuova progettualità urbana per Firenze, all’altezza delle sfide globali del nostro tempo. È stato avviato un percorso di riflessione che, chiamando a raccolta le più diverse competenze, si è concretizzato negli ultimi due anni in due Giornate di Studio su I fiorentini e il centro storico: una città senza residenti? (23 e 29 maggio 2018), in due Giornate di Corso su Firenze, il centro storico Patrimonio Mondiale UNESCO. Conoscenza Tutela Progettazione (11 e 12 aprile 2019), promosse in collaborazione con gli ordini degli architetti e degli ingegneri di Firenze, nella presentazione, il 14 maggio 2019, del numero 86 di ANANKE, con il Dossier Firenze in svendita, nella partecipazione, il 9 luglio 2019, al convegno dell’Ordine e della Fondazione Architetti di Firenze su Fare e disfare…iniziamo a ragionare e in una Giornata di Studi su I centri storici di Toscana: musei per turisti o città da abitare? (26 settembre 2019).

L’intento dell’Accademia è quello di rendere pubblici gli esiti del dibattiti partendo dall’ultimo che si è tenuto il 27 maggio 2020 in videoconferenza a causa dell’emergenza sanitaria il cui titolo era appunto “QUALE FUTURO PER FIRENZE DOPO L’EMERGENZA” a cura di Renzo Manetti e Gaspare Polizzi.

  • 27 maggio 2020. Incontro dibattito “QUALE FUTURO PER FIRENZE DOPO L’EMERGENZA” a cura di Renzo Manetti e Gaspare Polizzi. PER ASCOLTARE CLICCA QUI 

APPELLO – Impegno per la ripresa e sostegno alle antiche Accademie

Al Presidente del Consiglio, Prof. Avv. Giuseppe Conte

Al Ministro dei Beni Culturali e del Turismo on. Dario Franceschini

Al Ministro dell’Economia e delle Finanze on. Roberto Gualtieri

 

e, p.c.:

Al Ministro degli Affari Esteri, on. Luigi Di Maio

Al Presidente della Commissione Cultura della Camera, on. Luigi Gallo

Al Presidente della Commissione Cultura del Senato, on. Mario Pittoni

Al Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, dr. Stefano Bonaccini

 

Per Firenze e Toscana:

Al Presidente della Regione Toscana, dr. Enrico Rossi

All’Assessore alla Cultura della Regione Toscana, prof.ssa Monica Barni

Al Sindaco di Firenze e della Città Metropolitana di Firenze, dr. Dario Nardella

All’Assessore alla Cultura del Comune di Firenze, dr. Tommaso Sacchi

 

Oggetto: Impegno per la ripresa e sostegno alle antiche Accademie

 

Come già in passato in momenti di grave difficoltà del paese le antiche Accademie italiane hanno messo a disposizione del paese le proprie risorse intellettuali e morali per fronteggiare le emergenze. Siamo pronti a farlo anche in questo momento di difficoltà gravi sia sul fronte sanitario sia sul fronte economico e sociale.

Sul fronte clinico e biologico le nostre antiche Accademie dispongono spesso di competenze di riconosciuto valore internazionale che sono pronte a mettere a disposizione del paese.

Sul fronte economico e sociale come su quello culturale e artistico le antiche Accademie possono dare il proprio apporto alla ripresa culturale che qualifica nella sua ricchezza e specificità i territori di insediamento.

Tuttavia, oggi, come tutti i soggetti pubblici e privati, in conseguenza della crisi determinata dall’emergenza Covid-19, anche le antiche Accademie – capisaldi della cultura nel nostro Paese attraverso i secoli – stanno soffrendo e rischiano di non risollevarsi da questa crisi duratura.

Esse si avvalgono di finanziamenti in prevalenza pubblici, che temiamo vengano drasticamente ridotti, a emergenza finita o attenuata. Quanto alle fonti private di finanziamento, alle quali alcune delle nostre Accademie e Istituzioni culturali riescono abitualmente ad accedere, la crisi economica che seguirà quella sanitaria minaccia di estinguerle: l’organizzazione di eventi, la riscossione delle quote associative ove previste, l’acquisizione di erogazioni liberali, il sostegno delle fondazioni di origine bancaria per progetti specifici o per il funzionamento ordinario, tutto questo ed altro potrà essere messo in discussione anche nel settore privato.

E tuttavia, tra i beni immateriali da salvaguardare, a vantaggio della società odierna e futura, vorremmo segnalare appunto queste Accademie e Istituzioni di antica origine, che hanno saputo attraversare con continuità, o risorgendo all’occorrenza, i secoli e le traversie: sono sopravvissute a guerre, alluvioni e calamità, attenendosi ognuna alla propria missione originaria e soprattutto essendo capaci di riformularla in armonia con l’evoluzione della domanda di cultura attraverso i secoli.

Ogni Accademia con la propria specificità, grazie all’eccellenza dei propri Accademici, contribuisce al livello di civiltà della comunità locale, nazionale e internazionale incoraggiando, proteggendo e diffondendo la conoscenza e la creazione artistica in ogni loro forma ed espressione, con studi, ricerche, pubblicazioni, mostre, convegni e attività formative per specialisti e per un pubblico colto di ogni fascia di età, sempre avendo per obiettivo la diffusione e la valorizzazione della cultura artistica, umanistica e scientifica. Le Accademie rappresentano per antonomasia luoghi di confronto e di dialogo super partes, depositi di esperienza, laboratori di analisi e d’indirizzo, fucine del pensiero critico, nonché nodi di una qualificata rete di rapporti internazionali, che nel proprio ambito contribuiscono alla costruzione della comprensione reciproca e del dialogo culturale fra i popoli.

L’articolata serie di attività accademiche ha finora contribuito, inoltre, a generare reddito in un indotto che comprende aziende artigianali e di medie dimensioni in diversi versanti e settori, da quello dei servizi all’attività editoriale e pubblicistica.

Se le attività delle Accademie sono garantite dal volontariato di altissimo livello culturale espresso a titolo gratuito dagli Accademici stessi, vi sono però spese incomprimibili dedicate alla sussistenza, come gli stipendi dei dipendenti, gli oneri assicurativi, fiscali e previdenziali, le utenze, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria delle sedi ecc., che le Accademie debbono comunque fronteggiare.

Ci auguriamo dunque che, in aggiunta alle prime misure generali assunte dal Governo col Decreto Cura Italia del 17.3.2020, che permettono il rinvio dei pagamenti degli oneri sociali, la Cassa Integrazione in deroga e il sostegno alle banche per la sospensione di crediti e mutui, si voglia dar corso a misure di sostegno mirate a favore delle Accademie e degli Istituti culturali più esposti e fragili, affinché superino la contingenza sfavorevole, sopravvivendo fino all’auspicato ritorno alla normalità.

A titolo di esempio, potrebbero giovare misure apposite quali:

Il riconoscimento di uno status comune a tutte le antiche Accademie e alle riconosciute Istituzioni

assimilabili, che svolgono attività culturali;

La fiscalizzazione degli oneri sociali fino al 31.12.2020;

La riduzione dell’IVA al 4%;

L’accesso a uno speciale Fondo per la cultura, al cui interno prevedere interventi di sostegno;

Il riconoscimento di reddito di imposta del 100% per le erogazioni liberali concesse alle antiche Accademie e alle riconosciute Istituzioni assimilabili per il prossimo biennio;

Altro che il Governo ritenga utile.

A fronte di ciò le antiche Accademie sono pronte a impegnare tutte le proprie risorse umane e scientifiche per sostenere la ripresa del paese.

Con la piena disponibilità e nell’auspicio di proficui prossimi contatti, in attesa di una cortese comunicazione di attenzione e di propositi, s’inviano i migliori saluti, nell’augurio per il nostro Paese e il mondo intero di superare nei tempi più brevi possibile questa tremenda emergenza.

 

Primi Firmatari

Prof. Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, Firenze

Prof. Sandro Rogari, Presidente dell’Accademia Toscana di Scienze e Lettere “La Colombaria”, Firenze

AVVISO DIFFERIMENTO INIZIATIVE

Si rende noto che in osservanza delle disposizioni emanate dal Governo D.P.C.M. 1 marzo 2020 si ritiene inevitabile il differimento in data da definire delle manifestazioni nella sede dell’Accademia delle Arti del Disegno di via Orsanmichele n.4 a Firenze.

Al momento risultano rimandate le seguenti manifestazioni:

  • Presentazione del Volume “ville e giardini” di Alberta Campitelli prevista il giorno 11 marzo
  • Giornata commemorativa in memoria di Luca Alinari prevista il giorno 16 marzo
  • Giornata di studi in ricordo di Marco Dezzi Bardeschi prevista il giorno 20 marzo

onde evitare assembramenti potenzialmente rischiosi

 

Non subisce alcuna variazione il calendario generale dell’attività della Sala Espositiva di via Ricasoli 68.

 

Il prossimo evento della sala mostre sarà l’inaugurazione della mostra dell’artista Yuri Kuper il 6 marzo alle ore 17.30.

 

Con i migliori saluti

Cristina Acidini
Presidente

“YURI KUPER. SFUMATO” Riapre al pubblico dal 5 giugno

RIAPRE AL PUBBLICO, DOPO DUE MESI DI LOCKDOWN, LA MOSTRA EVENTO

 

YURI KUPER
SFUMATO

MOSTRA DEDICATA ALL’ 80° ANNIVERSARIO DELL’ARTISTA

 Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno

Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 giugno al 5 luglio 2020

orario
martedì-sabato 10.00-13.00/17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO/FREE ENTRANCE

 

Il prossimo 5 giugno, dopo un’inaugurazione condizionata dall’emergenza Coronavirus e due mesi di lockdown, torna ad aprirsi al pubblico la mostra dedicata al grande pittore di origini russe Yuri Kuper allestita presso la Sala Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno.

Le opere, oltre 50 provenienti dalla collezione privata di Olga Shepelskaya, tra le principali estimatrici del lavoro di Kuper, e dalla Galleria Patrick Cramer di Ginevra, saranno visitabili secondo i protocolli di sicurezza dettati dal Governo, ossia con entrate contingentate, distanziamento sociale, guanti e mascherine, rilevamento della temperatura corporea.

Fino al 5 luglio, giorno per il quale è annunciata la presenza dell’artista, gli spazi dell’Accademia tornano quindi a popolarsi di vita per raccontare, attraverso i lavori di uno dei più importanti ed eclettici esponenti del modernismo russo, il linguaggio metamorfico dell’arte, per cui è possibile liberare la magia di qualcosa che non ne possiede dall’origine. Un pennello, un tubo, un vaso da fiori, nelle mani artigiane del pittore gli oggetti, così ogni esperienza, arrivano a sincretizzare presente e passato, estetica e funzione, per un risultato finale di grande impatto ipnotico.

Sono lieta, anche a nome della Classe di Pittura e di tutta l’Accademia – dice la presidente Cristina Acidiniche la mostra di Yuri Kuper  sia riproposta al pubblico, che la potrà visitare nelle modalità di sicurezza previste e certificate. E’ un’occasione da non perdere per conoscere la personalità e l’opera di uno dei grandi maestri russi contemporanei“.

Curata dalla gallerista e critica d’arte Inna Khegay, Sfumato è la prima mostra di Kuper a Firenze, città nella quale il pittore ha sempre trovato ispirazione e dove ora desidera tornare a sigillo di un traguardo personale – gli ottanta anni che festeggerà proprio il giorno del finisssage – e artistico. Con magistrale capacità di composizione e l’utilizzo di tecniche miste, tra cui acrilico e collage, Kuper compone storie e volti su tela o carta, ma anche su litografie rifinite a mano come la serie dedicata al Lago dei Cigni. Delle Metamorfosi, serie di rappresentazioni teatrali dirette dal Premio Oscar Nikita Michalkov, ispirate ai racconti di Anton Cechov e Ivan Bunin, e di cui Kuper cura le scenografie tra il 2016 e il 2019, potremo cogliere la raffinatezza delle riproduzioni su carta con innesti di foto e collage. Alcuni frammenti delle performance sono riproposte attraverso un video della durata di 12 minuti proiettato all’interno del percorso espositivo.

La mostra è promossa dall’Accademia delle Arti del Disegno, dall’Associazione Amici del Museo Ermitage (Italia) e Regents Art Foundation (RAF) ed è sostenuta dal Ministero della cultura della Federazione russa, dall’Ambasciata della Federazione Russa presso la Santa Sede, dall’Accademia russa di Belle Arti di San Pietroburgo e dalla Fondazione russa per la cultura.

Yuri Kuper

Nato nel 1940 a Mosca, in Russia, ha continuato a studiare all’Accademia d’arte di Mosca dal 1957 al 1963 prima di emigrare in Israele, stabilendosi infine a Londra nel 1972. Kuper ha esposto con la Serge Sorokko Gallery di San Francisco, la Kournikova Gallery di Mosca e la Galerie Patrice Trigano di Parigi. Vive e lavora tra Normandia, Francia, New York, New York e Mosca, Russia. Grafico, pittore, scultore, scenografo teatrale e per il cinema, autore di progetti architettonici, scrittore, Yuri Kuper è “cittadino del mondo”: cosmopolita per stile di vita, grazie alla propria arte rivela al mondo il codice culturale dell’identità russa. Negli ultimi anni, raggiunta la pienezza artistica e umana, è tornato a Mosca, la sua patria, “la città dei tubi di scolo”.

 

LA PERCEZIONE DELL’ARCHITETTURA. I LUOGHI DEI RACCONTI

LA PERCEZIONE DELL’ARCHITETTURA

20 e 22 febbraio 2020 –  CINEMA LA COMPAGNIA
21 febbraio 2020 – INSTITUT FRANÇAIS FIRENZE

 

Giovedì 20.02.20
CINEMA LA COMPAGNIA

18.30
Presentazione della Rassegna I luoghi dei racconti
COLUMBUS
di Kogonada, USA, 2017, 104′ (v.o. sub ita)
Le architetture contemporanee di Columbus, città considerata “la mecca del modernismo” di metà ‘900 sono l’inedito veicolo per indagare le complesse dinamiche del rapporto tra genitori e figli e l’intima paura di questi ultimi di perdersi. Per il regista Kogonada, “l’architettura è la via d’accesso a un modo di vedere” e il suo film indaga assenza e presenza riferendosi a principi spaziali quali vuoto e volume, interrogandosi sul senso profondo degli edifici, sul linguaggio architettonico e sulla capacità dello spazio di curare le persone, educandone i comportamenti e influen- zarne le vite.
Premi: Golden Tomato Awards 2018 quinto posto, miglior film drammatico 2017.
Nomination: Indipendent Spirit Awards 2018 per miglior film d’esordio, miglior sceneggiatura d’esordio e miglior fotografia, Gotham Indipendent Spirit Awards 2017, Sundance Film Festival 2017, Bam Cinema Fest 2017.

21.30
IO SONO L’AMORE
di L. Guadagnino, Italia, 2009, 120′ (v.o. ita)
Disegnata da Piero Portaluppi negli Anni ’30, Villa Necchi Campiglio rappresenta alla perfezione l’impeccabile compostezza di una famiglia dell’alta borghesia milanese. Come quest’ultima, la lussuosa raffinatezza di ambiente e superfici s’incrina all’arrivo dell’amico di uno dei figli, un giovane di cui la madre s’innamora al punto di lasciarsi ogni cosa alle spalle per l’incontaminata campagna ligure.
Il film di Luca Guadagnino insiste sulla contrapposizione tra l’architettura di Milano e i suoi interni, inquadrati e presentati in modo filologico, e la più spontanea e vitale natura rurale ligure. I luoghi che vediamo, gli spazi, i volumi, le decorazioni, i dettagli sono molto più che ambientazioni, sono silenziosi protagonisti dei racconti, interagiscono e anticipano il racconto, rappresentano spesso il primo livello della narrazione e introducono i caratteri, scandiscono i comportamenti, i gesti, i rituali.
Premi: Nastro d’argento europeo a Tilda Swinton 2010.
Nomination: Premio Oscar 2011 per miglior costumi, Golden Globes 2011 per il miglior film straniero, BAFTA-British Academy of Film and Television Art 2011 per il miglior film straniero, Critics Choice Award 2011 per il miglior film straniero.

 

Venerdì 21.02.20
PALAZZINA REALE

15.00
ITINERARIO DI ARCHITETTURA
un percorso che attraverserà il centro di Firenze, a partire dalla Palazzine Reale, per conoscere luoghi ed edifici protagonisti di numerosi film.

 

INSTITUT FRANÇAIS FIRENZE

18.30
LA FUGA DELL’ARCHITETTO
a cura dell’arch. Giorgio Scianca e dell’arch. Marcella Gabbiani di Dedalo Minosse Cinema

20.00
PLAY TIME
di Jacques Tati, Francia e Italia, 1967, 155’ (v.o. sub ita)
Una riflessione tanto comica quanto feroce sul modernismo di edifici e oggetti come espressioni della relazione tra società e consumismo, prefigurando le inevitabili conseguenze future verso il quale il mondo si dirige. Veri pro- tagonisti della storia sono l’architettura e gli oggetti che determinano i movimenti dei personaggi sullo schermo: la narrazione è concepita come una coreografia dettata da tutto ciò che è inanimato, con gli interpreti ridotti ad automi standardizzati in una Parigi ultramoderna, dove i tradizionali punti di riferimento restano solo fugaci riflessi sulle su- perfici di edifici in vetro e acciaio. Premi: Stella di cristallo, Grand Prix Académie du Cinéma 1968, Premio Bodil 1969 come miglior film europeo, Medaglia d’argento al Festival cinematografico internazionale di Mosca 1969.

 

Sabato 22.02.20
CINEMA LA COMPAGNIA

17.30
EL HOMBRE DE AL LADO
di M. Cohl e G. Duprat, Argentina, 2009, 110′ (v.o. sub ita)
L’apertura di una finestra lungo il muro perimetrale di Casa Curutchet, l’unica opera realizzata da Le Corbusier in Sud America, scatena un dissidio tra vicini che ripropone il rapporto tra l’architettura contemporanea, intesa come l’opera di un’artista, e le esigenze basilari dell’abitare, dove la luce solare è una necessità primaria delle persone. Il confronto duro e serrato tra architettura, l’arte dello spazio, ed edilizia, la casa per tutti, per rendere ognuno più consapevole delle ragioni e dei bisogni dell’altro.
Premi: Sundance Film Festival per la migliore fotografia 2010; South Prize per il miglior film 2010, Mar de Plata Fe- stival per il miglior film argentino 2009. Nomination: Premio Goya per il miglior film latino-americano nel 2011, Ariel Awards al miglior film iberoamericano 2010, Premio Silver Condor Award per il miglior film 2011.

19.30
DIALOGHI
Incontro e dialogo su La percezione dell’architettura e i Luoghi dei racconti

21.30
PARASITE
di Bong Joon-Ho, Corea del Sud, 2019, 132′ (v.o. sub ita)
Il film vincitore della Palma d’Oro a Cannes nel 2019 è una piéce teatrale sulla lotta di classe interamente ricostruita e articolata tra l’angusto, sporco, disordinato seminterrato dei Kim e l’ampia elegante minimalista casa dei Park, pro- gettata da un’ideale archistar, dove la distanza verticale – tra il quartiere popolare e quello residenziale, seminterrato e collina, buio e luce, così come quella tra spiantati e ricchi – è coperta dalle scale che qui conducono anche a luoghi segreti nei quali si annidano oscure, infernali e inaspettate rivelazioni. Lo spazio scenico viene utilizzato per rendere attore credibile la storia: la dimensione degli ambienti e i loro affacci esterni, il tipo di finestrature e la presenza del sole, le gamme cromatiche e la quantità di oggetti al loro interno definiscono anche le differenze tra le due famiglie protagoniste e i loro rispettivi comportamenti. Un film che usa l’architettura per parlare a tutti, una storia di classi sociali in equilibrio tra vuoti e pieni, tra il design e la sua mancanza, dove tutto quello che importa viene raccontato attraverso l’uso degli spazi.
Premi: Premio Oscar 2020 per miglior film, miglior film internazionale, miglior sceneggiatura e miglior regia, Palma d’oro al miglior film al Festival di Cannes 2019, Golden Globes 2020 per il miglior film straniero, Critics Choice Award 2020 per il miglior regia e miglior film straniero, SAG-Screen Actors Guild Awards 2020 per il miglior cast.
Nomination: BAFTA – British Academy of Film and Television Art 2020 per il miglior film, Indipendent Spirit Awards 2020 per il miglior film straniero, WGA-Writers Guild of Amerca Awards 2020 per miglior regia, PGA-Produces Guild Awards 2020 per miglior produttore.

 

A cura di
Claudio Nardi

Comitato organizzatore
Giorgio Cerrai e Silvia Moretti

Comitato d’onore
Cristina Acidini – Accademia delle Arti del Disegno
Paolo Chiappini – Fondazione Sistema Toscana
Manon Hansemann – Institut français Firenze
Stefania Ippoliti – Mediateca Regionale Toscana/Toscana Film Commission
Colomba Pecchioli – Fondazione Architetti Firenze
Claudio Rocca – Accademia di Belle Arti di Firenze

Comitato scientifico
Giorgio Cerrai – Ordine Architetti PPC Firenze
Manon Hansemann – Institut français Firenze
Silvia Moretti – Fondazione Architetti Firenze
Claudio Nardi – Accademia delle Arti del Disegno

Supporto tecnico
Martina Capaccioni

Promosso da
Accademia delle Arti del Disegno
Fondazione Architetti Firenze

In collaborazione con
Accademia di Belle Arti di Firenze
Fondazione Sistema Toscana
Institut français Firenze

Con il contributo di
Cinema La Compagnia
Dedalo Minosse Cinema

Con il patrocinio di
Regione Toscana

Città Metropolitana di Firenze
Comune di Firenze
Confindustria Firenze
Camera di Commercio Firenze

Con il supporto di
Ance Firenze
Comet Marini Pandolfi
Marioni
ZR-luci, forme e colori

Sponsor tecnici
La Ménagère
Riva Lofts Florence
Abita Arredo-Tecnologia-Spazi
Diaframma Creative Production

Ufficio stampa
Matteo Francini – Tabloid coop
Elisabetta Vagaggini – Fondazione Sistema Toscana
Francesca Ristori – Institut français Firenze
Enrico Sartoni – Accademia delle Arti del Disegno

Locandina
Simon Miller

Schede di analisi filmica
Eleonora Grigoletto

Ricerca ed elaborazione contenuti
Annalisa Tronci
, Paola Taviani e Matteo Crociani

Coordinamento generale
Segreteria Fondazione Architetti Firenze

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

SOLIDARIETÀ AL POPOLO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE

L’Accademia delle Arti del Disegno esprime la sua solidarietà e la sua vicinanza agli amici cinesi Accademici e a tutto il popolo della Repubblica Popolare Cinese.

Da sinistra:

David Palterer, Vice-presidente della Classe di Architettura
Qiu Yi, Accademico Corrispondente della Classe di Scultura
Luigi Zangheri, Presidente Emerito
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale
Cristina Acidini, Presidente
Antonio Di Tommaso, Presidente della Classe di Scultura
Xiaoling Zhang (Gianni), Accademico d’Onore
Francesca Petrucci, Vice-presidente della Classe di Storia dell’Arte
Giorgio Fiorenza, Presidente della Classe di Discipline Umanistiche e Scientifiche

Presentazione volume “UNA BREVE STORIA DI FIRENZE”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

UNA BREVE STORIA DI FIRENZE

a cura di Fabrizio Ricciardelli

 

11 febbraio 2020 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PRESENTAZIONE
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENGONO
Renzo Manetti
Francesco Gurrieri

SARÀ PRESENTE L’AUTORE

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INVITO

Inaugurazione mostra “I COLORI DELLA SCIENZA”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra

I COLORI DELLA SCIENZA
Nell’arte della ricerca scientifica

5 febbraio 2020 – ore 17.00
Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Gaspare Polizzi
Vicepresidente Classe DUS Accademia delle Arti del Disegno

Pierluigi Paolucci
INFN Napoli

Oscar Adriani
Direttore INFN Firenze

Mariaelena Fedi
INFN Firenze

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal al 23 febbraio 2020

orario
martedì-sabato 10.00-13.00/17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del volume “VOLTO BAROCCO E ALTRI RACCONTI”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

VOLTO BAROCCO E ALTRI RACCONTI

a cura di Antonio Frintino

 

14 febbraio 2020 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PRESENTAZIONE
Claudio Di Benedetto

 

LETTURE
Paolo Nesi
Elisabetta Iozzelli

Musiche composte da Paolo Zampini
Voce e tastiera Natacha Fabbri
Chitarra e live elettronics Roberto Neri
Flauto Paolo Zampini

Illustrazioni Elisabetta Fekete

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INVITO

CALENDARIO EVENTI E MOSTRE GENNAIO 2020

CLICCARE SU I TITOLI PER I DETTAGLI

 

10 gennaio 2020, ore 17.30
Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno, via Ricasoli 68 – Firenze
Inaugurazione della mostra
I RAGAZZI DELLA VIA PAL..LI. 
La donazione Carlo Palli all’Accademia delle Arti del Disegno
INTERVERRANNO:
Cristina Acidini, Presidente Accademia delle Arti del Disegno
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale Accademia delle Arti del Disegno
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno
Laura Monaldi, Curatrice
Sarà presente Carlo Palli, Collezionista
LA MOSTRA SARÀ VISITABILE dal 10 al 31 gennaio 2020

 

16 gennaio 2020, ore 17.30
Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze
Presentazione del volume
UNA COMMEDIA CHE RIGUARDA TUTTI. SOPRA I VERSI DI DANTE

di Donato Massaro
SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
INTERVENGONO
Gaspare Polizzi, Università degli Studi di Pisa
Francesco Salvestrini, Università degli Studi di Firenze
CONCLUDE
Giuseppe Morbidelli, Presidente Fondazione Palazzo Strozzi
SARÀ PRESENTE L’AUTORE

 

17 gennaio 2020, ore 17.30
Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze
Presentazione del volume
SIRONI SVELATO. IL RESTAURO DEL MURALE DELLA SAPIENZA

di Eliana Billi
INTRODUCE:
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale Accademia delle Arti del Disegno
INTERVIENE:
Eliana Billi, Sapienza Università di Roma

 

20 gennaio – ore 11.30
Basilica della SS. Annunziata – Firenze
Omaggio alla sepoltura di Lorenzo Bartolini
nel 170° anniversario della morte (Firenze, 20 gennaio 1850)
PARTECIPANO
Primo Bosi, Sindaco di Vaiano
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

24 gennaio 2020, ore 17.30
Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze
Presentazione del volume
ODISSEO e CALIPSO. Nostalgia e rimpianto, una storia antica, una storia moderna
di Antonio Frintino
PRESENTAZIONE:
Anna Brancolini
LETTURE:
Paolo Nesi
Elisabetta Iozzelli
MUSICHE:
“Due voci per il canto di ODISSEO e CALIPSO”
di Paolo Zampini
Elena Tereshchunko
– Voce
Paolo Zampini
– Flauto

Omaggio alla sepoltura di Lorenzo Bartolini

Omaggio alla sepoltura di Lorenzo Bartolini

nel 170° anniversario della morte (Firenze, 20 gennaio 1850)

20 gennaio – ore 11.30

Basilica della SS. Annunziata – Firenze

 

PARTECIPANO
Primo Bosi
, Sindaco di Vaiano
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL PROGRAMMA 

Presentazione volume “Una Commedia che riguarda tutti. Sopra i Versi di Dante”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

Una Commedia che riguarda tutti.
Sopra i Versi di Dante

di Donato Massaro

3 volumi (Masso delle Fate)

 

16 gennaio 2020 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia

INTERVENGONO
Gaspare Polizzi, Università degli Studi di Pisa
Francesco Salvestrini, Università degli Studi di Firenze

CONCLUDE
Giuseppe Morbidelli, Presidente Fondazione Palazzo Strozzi

SARÀ PRESENTE L’AUTORE

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INVITO

Presentazione del volume ODISSEO e CALIPSO. Nostalgia e rimpianto, una storia antica, una storia moderna

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

ODISSEO e CALIPSO. Nostalgia e rimpianto, una storia antica, una storia moderna

a cura di Antonio Frintino

24 gennaio 2020 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

PRESENTAZIONE
Anna Brancolini

LETTURE
Paolo Nesi
Elisabetta Iozzelli

MUSICHE
“Due voci per il canto di ODISSEO e CALIPSO”
di Paolo Zampini
Elena Tereshchunko – Voce
Paolo Zampini – Flauto

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INVITO

I RAGAZZI DELLA VIA PAL..LI. La donazione Carlo Palli all’Accademia delle Arti del Disegno

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra

I RAGAZZI DELLA VIA PAL..LI
La donazione Carlo Palli all’Accademia delle Arti del Disegno

 

10 gennaio 2020 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO

Cristina Acidini
Presidente Accademia delle Arti del Disegno

Giorgio Bonsanti
Segretario Generale Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Laura Monaldi
Curatrice

Sarà presente Carlo Palli, Collezionista

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE DAL
10 al 31 gennaio 2020

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00/17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

Conferenza “SIRONI SVELATO. IL RESTAURO DEL MURALE DELLA SAPIENZA”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza

SIRONI SVELATO
IL RESTAURO DEL MURALE DELLA SAPIENZA

Restauro a cura dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro
in collaborazione con Sapienza Università di Roma

 

17 gennaio 2020 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

INTRODUCE
Giorgio Bonsanti
Segretario Generale Accademia delle Arti del Disegno

INTERVIENE
Eliana Billi
Sapienza Università di Roma

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INVITO

AUGURI DI BUONE FESTE

L’Accademia delle Arti del Disegno
Augura a tutti
BUONE FESTE
e ricorda che la sede in via Orsanmichele, 4 – Firenze
resterà chiusa dal pomeriggio del
24 dicembre 2019  al 1 gennaio 2020

IL SAN BIAGIO DI MONTEPULCIANO. Una cupola maiolicata negli anni di Eleonora da Toledo

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

IL SAN BIAGIO DI MONTEPULCIANO
una cupola maiolicata negli anni
di Eleonora da Toledo

19 dicembre 2019 – ore 17.30

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze 

 

Conferenza di
MAURO COZZI

Introduce
CARLO FRANCINI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

La Qabbalah Ebraica. Alla Corte di Cosimo I De’ Medici, Allegorie e Simboli in Palazzo Vecchio

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

La Qabbalah Ebraica
Alla Corte di Cosimo I De’ Medici,
A
llegorie e Simboli in Palazzo Vecchio

 

12 dicembre 2019 – ore 17.30

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze 

 

Conferenza di
FRANCESCA RACHEL VALLE

Introduce
CARLO FRANCINI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

Prossima conferenza ciclo cosimiano
19 dicembre ore 17.30
Il San Biagio di Montepulciano, una cupola maiolicata negli anni di Eleonora da Toledo
Conferenza di Mauro Cozzi

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

INCONTRO DI STUDIO A 30 ANNI DALLA SCOMPARSA DI G. K. KOENIG

INCONTRO DI STUDIO
A 30 ANNI DALLA SCOMPARSA DI
GIOVANNI KLAUS KOENIG

Promossa dall’Accademia delle Arti del Disegno
e dal Dipartimento di Architettura dell’università di Firenze

 

13 dicembre 2019 – ore 16.00

Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI 
Cristina Acidini
Presidente Accademia delle Arti del Disegno

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura

Maria De Santis
Presidente del corso di Laurea in Architettura
 

INTERVENTI
Francesco Gurrieri
G.K.K. un intellettuale inquieto 

Massimo Ruffilli
G.K.K. un ricordo 

Cristina Tonelli
G.K.K. attenti al dettaglio che lo scarto è breve tra ruggito e raglio

Valdo Spini
G.K.K. un architetto un Valdese 

Marco Brizzi
Vite G.K.K. note al margine di una serie di testimonianze 

 

La presenza di Koenig nella cultura architettonica italiana ha contribuito al rinnovamento della critica e della storiografia. La collaborazione e la contiguità culturale con Bruno Zevi sono state una spinta preziosa per le sue intuizioni e la sua generosa sperimentazione nella semiologia architettonica, di cui è stato il padre fondatore. Koenig traversò l’ultimo idealismo crociano, il post-modernismo jenksiano, esercitando la lettura semiologica aperta da Umberto Eco. La vis polemica lo accompagnò per tutta la vita.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

COSMOPOLITISMO ARTISTICO (Una sera) sulle tracce di Ralph Curtis

COSMOPOLITISMO ARTISTICO
(Una sera) sulle tracce di Ralph Curtis

 

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente Accademia delle Arti del Disegno

INTERVENGONO
Lucia Mannini
“Il profilo dell’artista”

Margherita Ciacci
“Cosmopoliti tra Firenze e Venezia”

Giulio Fossi
“Testimonianze e amicizie particolari“

 

CONCLUDE
Rosella Mamoli Zorzi
Università Cà Foscari

 

Seguirà un brindisi
Evento in occasione della presentazione del volume
Ralph W. Curtis. Un pittore americano a Venezia (2019)

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volume “I LUOGHI DI LEONARDO”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

I LUOGHI DI LEONARDO

di Massimo Tosi

(Federighi Editori)

 

22 novembre 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PRESENTA IL VOLUME
Cristina Acidini, Presidente Accademia delle Arti del Disegno

INTERVENTI
I luoghi di Leonardo
Massimo Tosi, autore del volume

Il Codice Romanoff di Leonardo
Francesca Allegri, storica

SARÀ PRESENTE L’EDITRICE
Gloria Pampaloni Federighi
___________

Al termine, intervento della sommelier
Sandra Buller sul Vino di Leonardo

Degustazione

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

L’opera a corno nella fortificazione di San Miniato

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

L’opera a corno nella fortificazione di San Miniato

 

Conferenza di 
AMELIO FARA

 

Introduce 
Carlo Francini
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

14 novembre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

PAESAGGI INDUSTRIALI E PATRIMONIO UNESCO

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione

 

PAESAGGI INDUSTRIALI E PATRIMONIO UNESCO

di Massimo Preite

 

11 novembre 2019 – ore 17.30

Saletta degli Accademici – Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENTI
Francesco Gurrieri
Raimondo Innocenti
Massimo Preite

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

NUDITAS IN SCAENIS. disegni di Flavio Bartolozzi, omaggio alle rime di Michelangelo

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione

 

NUDITAS IN SCAENIS

disegni di Flavio Bartolozzi
omaggio alle rime di Michelangelo

 

6 novembre 2019 – ore 17.30

Saletta degli Accademici – Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PRESENTERANNO

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Roberto Agnoletti, Fondazione Giovanni Michelucci – Pistoia

Ugo Barlozzetti, Accademia delle Arti del Disegno

Anna Brancolini

SARÀ PRESENTE IL MAESTRO
Flavio Bartolozzi

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

CALENDARIO EVENTI E MOSTRE NOVEMBRE-DICEMBRE 2019

CLICCARE SU I TITOLI PER I DETTAGLI

 

5 novembre 2019, ore 17.30
Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno, via Ricasoli 68 – Firenze
Inaugurazione della mostra
PIETRO ALDI PITTORE (Manciano 1852-1888)
A cura di Marco Firmati e Francesca Petrucci

 

5 novembre 2019
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
ASSOCIAZIONE NAZIONALE INSEGNANTI LINGUE STRANIERE. Fondata nel 1947 (www.anils.it)
con il patrocinio della casa editrice LOESCHER e di EF
Seminario per docenti “Bilinguismo precoce : teorie, vantaggi, strategie”
PROGRAMMA
ore 14.30  – Saluti
Clara Vella, Presidente ANILS
Ore 15.00 – Interventi
Matteo Santipolo – Università di Padova
Alberta Novello – Presidente ANILS Padova
Ore 16.30 Pausa caffè
Ore 16.45
Eliana Terzuoli – Vicepresidente ANILS Firenze
“L’apprendimento precoce delle lingue con il teatro”
Ore 18.00 – Conclusioni
Clara Vella –  Presidente ANILS Firenze
Ore 18.30 –  Consegna attestati

 

6 novembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
NUDITAS IN SCAENIS
Disegni di Flavio Bartolozzi, omaggio alle rime di Michelangelo

 

8 novembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio”  a cura di Carlo Francini
Cosimo I de’ Medici: storie post mortem di un Granduca
Conferenza di Marco Ferri

 

14 novembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio”  a cura di Carlo Francini
L’opera a corno nella fortificazione di San Miniato
Conferenza di Amelio Fara

 

22 novembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Presentazione del Volume “I Luoghi di Leonardo” di Massimo Tosi
Interviene: Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Il quarto volume della collana Viaggio in toscana di Massimo Tosi è dedicato al genio di Leonardo da Vinci nell’anno in cui si celebrano con manifestazioni nazionali e internazionali i cinquecento anni dalla morte. Vinci, Firenze, Milano e Parigi celebrano con convegni e mostre il genio del Grande Toscano. Il volume è quindi pensato per descrivere un aspetto importante della storiografia e della vita di Leonardo stesso. La città che l’ha visto nascere e crescere, quelle che hanno raccolto le prime testimonianze dell’ingegno universale, i luoghi dei suoi viaggi e le dimore che l’hanno ospitato e visto morire sono trattati dall’autore con la consueta maestria, descritti con accurati disegni e ricostruzioni non privi di spunti artistici di ottimo livello.

 

12 dicembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio”  a cura di Carlo Francini
La Qabbalah Ebraica Alla Corte di Cosimo I De’ Medici, Allegorie e Simboli in Palazzo Vecchio
Conferenza di Francesca Rachel Valle

 

19 dicembre 2019 – ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio”  a cura di Carlo Francini
Il san Biagio di Montepulciano, una cupola maiolicata negli anni di Eleonora da Toledo
Conferenza di Mauro Cozzi

 

COSIMO I DE’ MEDICI. Storie post mortem di un Granduca

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

COSIMO I DE’ MEDICI
Storie post mortem di un Granduca

 

Conferenza di 
MARCO FERRI

Introduce 
Carlo Francini
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

8 novembre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

Inaugurazione mostra “PIETRO ALDI PITTORE (Manciano 1852-1888)”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

PIETRO ALDI PITTORE
(Manciano 1852-1888)

5 novembre 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Mirco Morini, Sindaco di Manciano
Valter Vincio, Presidente di Banca TEMA
Francesco Gentili, Presidente di TEMA Vita
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia
Marco Firmati, Direttore Polo Pietro Aldi, curatore della mostra
Francesca Petrucci, Accademica, curatrice della mostra

 

A seguire brindisi inaugurale

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

orario
martedì-sabato 10.00-13.00/17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

ingresso libero

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 novembre al 31 dicembre 2019

___________
in collaborazione con:
MIBAC-SABAP-SI Musei di Maremma

con il patrocinio di:
Regione Toscana

I cavalieri di Santo Stefano e la trasformazione della Toscana sotto Cosimo I

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

I cavalieri di Santo Stefano e la trasformazione della Toscana sotto Cosimo I

 

Conferenza di 
Luigi Zangheri

Introduce 
Carlo Francini
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

25 ottobre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

Pomeriggio di studio “I Bartoli. Un intreccio tra Arte Architettura e Design”

L’Accademia delle Arti del Disegno e
L’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

in collaborazione con l’Associazione Amici dell’Opificio 
sono lieti di invitare la S.V. al pomeriggio di studio

 

I Bartoli. Un intreccio tra Arte Architettura e Design

Pomeriggio di studio dedicato a Umberto e Lando Bartoli

 

mercoledì 16 ottobre 2019
dalle ore 15.00 alle ore 18.00

Sala Polivalente dell’Opificio delle Pietre Dure
Via degli Alfani 78 – Firenze

 

PROGRAMMA

Ore 15:00
Saluti

Marco Ciatti, Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Maria Teresa Bartoli

Ore 15:30
Introduce e modera Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Luigi Zangheri
Lando Bartoli e l’Accademia delle Arti del Disegno

Renata Pintus
Forme nuove per un mondo nuovo. Note per un contesto storico-critico

Anna Patera
Lando Bartoli e la tecnica del commesso in pietre dure

Annalisa Innocenti
Lando Bartoli, una singolare esperienza del Novecento

Sandra Rossi
Lando Bartoli e la valorizzazione di un’arte antica

Ore 17:00
Introduce e modera Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Di Tommaso
Umberto Bartoli scultore

Francesca Petrucci
Profilo di Umberto Bartoli

 

Umberto Bartoli (Livorno 1888 – Firenze 1977), scultore, lavorò per vari anni tra Livorno e Firenze, per poi stabilirsi definitivamente nel capoluogo toscano intorno al 1920.
Lando Bartoli (Livorno 1914 – Firenze 2002), figlio dello scultore Umberto, compì gli studi a Firenze e nel 1932 si iscrisse all’Istituto Superiore di Architettura dove si laureò nel 1937 con una tesi dedicata a Livorno, sua città natale. Nel 1940 venne arruolato e destinato in Albania, dove rimase fino al 1944. Al suo ritorno entrò nell’organizzazione predisposta dall’VIII Armata per il recupero delle opere d’arte ed ebbe l’incarico del consolidamento degli Uffizi, danneggiati dalle mine che avevano devastato la zona del Ponte Vecchio. Negli stessi anni iniziò la sua attività di insegnamento alla Facoltà di Ingegneria: dal 1944 al 1947 fu docente di Architettura e Composizione architettonica presso la sezione fiorentina dell’Ateneo pisano. Nel 1946 assunse la cattedra di Disegno per il biennio di Ingegneria attivato presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Firenze, che tenne per venticinque anni. Dal 1950 al 1959, come direttore dell’Opificio delle Pietre Dure, si occupò di diversi importanti restauri come quello del rosone del Duomo di Orvieto, dei monumenti angioini della basilica di Santa Chiara a Napoli e della porta dei Canonici del Duomo di Firenze. A lui si deve anche il riassetto del Museo dell’Opificio. A partire dal primo dopoguerra Bartoli si occupò anche di urbanistica. L’impegno nella progettazione della città lo portò a interessarsi di politica e ad impegnarvisi in prima persona: nel 1951 diventò consigliere del comune di Firenze e dal 1955 al 1957 ricoprì la carica di assessore ai Lavori pubblici nella giunta guidata da Giorgio La Pira.

 

PER SCARICARE LA LOCANDINA CLICCARE QUI

 

PER INFORMAZIONI:

Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – 50123 Firenze
tel. 055 219642
info@aadfi.it – www.aadfi.it

 

Opificio delle Pietre Dure
Ufficio Promozione Culturale
Tel. 055.2651340
opd.promozioneculturale@beniculturali.it
www.opificiodellepietredure.it

Conferenza “COSIMO ED ELEONORA. Il vetro tra arte e scienza”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

COSIMO ED ELEONORA
Il vetro tra arte e scienza

Conferenza di 
Silvia Ciappi
Storica del vetro

Introduce 
Carlo Francini
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

11 ottobre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

Conferenza “REBECA MATTE BELLO. L’audacia di una vita”

La Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza

REBECA MATTE BELLO

L’audacia di una vita

 

mercoledì 9 ottobre 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

CONFERENZA DI
Ester Gonzalez Cereceda
Ricercatrice. Fondatrice del Progetto Grandes Mujeres Chilenas

TAVOLA ROTONDA
Francesca Petrucci
Storica dell’Arte, Vicepresidente della Classe di Storia dell’Arte

Enrico Sartoni
Responsabile Archivio dell’Accademia delle Arti del Disegno

PER SCARICARE LA LOCANDINA CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra “SILVIO DI VOLO. UNA VITA PER L’ARTE” – 5 ottobre 2019

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

SILVIO DI VOLO
UNA VITA PER L’ARTE

5 ottobre 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze
INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Laura Tabegna
Curatrice della mostra

SARANNO PRESENTI GLI EREDI DI VOLO

Seguirà cocktail

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 31 ottobre 2019

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO
 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Convegno Nazionale di Studi “I centri storici di Toscana: Musei per turisti o città da abitare?”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al

Convegno Nazionale di Studi

I centri storici di Toscana: Musei per turisti o città da abitare?

A cura di Gaspare Polizzi e Renzo Manetti

 

26 settembre 2019, ore 9-30-18.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

09.30
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Saluti

09.40
Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura

Giorgio Fiorenza
Presidente della Classe di Discipline Umanistiche e Scienti?che

Gaspare Polizzi
Vicepresidente della Classe di Discipline Umanistiche e Scienti?che
Introduzione al Convegno

10.40
Francesco Gurrieri
Accademia delle Arti del Disegno
Anatomia dei centri storici toscani

11.00
Mauro Lombardi
Università degli Studi di Firenze
I centri storici e lo scenario di un mondo iperconnesso

11.20
Carlo Francini
Responsabile AP UNESCO del Comune di Firenze
L’eccezionale valore universale dei centri storici toscani
Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

11.40
Roberto Barzanti
Presidente Accademia degli Intronati

Alberto Tirelli
Assessore al Turismo del Comune di Siena
Il caso di Siena

 

12.30
Pausa

 

15.00
Gaetano Scognamiglio
Presidente Promo PA Fondazione
Il caso di Lucca

15.20
Silvia Viviani 
Assessore all’Urbanistica del Comune di Livorno
Il caso di Livorno

15.40
Giuseppe De Luca
Università degli Studi di Firenze

Duilio Senesi
Presidente Ordine degli Architetti di Firenze
Il caso di Firenze, tra cultura e prassi urbanistica

16.40
Gian Franco Cartei
Università degli Studi di Firenze
La tutela giuridica del centro storico di Firenze: competenze e strumenti

17.00
Vittorio Chierroni 
Avvocato
Il caso di Firenze: aspetti legali

17.20
Cecilia Del Re
Assessore all’Urbanistica ed alle politiche ambientali e turistiche del Comune di Firenze
Il caso di Firenze: amministrare una città d’arte

17.40
Moderatore Paolo Ermini
Direttore del Corriere Fiorentino

Partecipano i relatori e Giancarlo Fianchisti,
Presidente Ordine degli Ingegneri di Firenze
Dibattito

Paolo Ermini
Direttore del Corriere Fiorentino
Conclusioni

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Architetture d’Italia, d’Europa e d’Oriente nella collezione Castellazzi. L’archivio fotografico di un architetto del medio Ottocento

Architetture d’Italia, d’Europa e d’Oriente nella collezione Castellazzi

L’archivio fotografico di un architetto del medio Ottocento

Mostra a cura di
Mauro Cozzi, Monica Maffioli, Vincenzo Vaccaro, Enrico Sartoni

Inaugurazione giovedì 19 settembre 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
Via Orsanmichele 4 – Firenze

Orari (suonare il campanello)
lunedì 10.00 -12.30/14.30 -17.00; mercoledì 10.00 -12.00; martedì, giovedì e venerdì 9.00 -13.00/14.00 -18.00

 

Nell’ambito di una vivace attività accademica che incoraggia e promuove tutte le forme di espressione artistica, ho trovato particolarmente appropriata la valorizzazione del fondo fotografico dell’archivio di Giuseppe Castellazzi, formatosi sulla metà dell’Ottocento, in tempi in cui la fotografia era una tecnica di riproduzione relativamente recente e si avviava a divenire un’espressione artistica. L’importanza del “possesso” fisico delle immagini sfugge alla società contemporanea, e non solo ai millennials, ma anche a chi, nato come me nel cuore dello scorso secolo, si è abituato a cercare quasi solo in rete dati visivi d’ogni genere. In passato tuttavia, proprio la disponibilità delle immagini ha costituito una risorsa per il sapere, come dimostrano per la storia dell’arte i lasciti di grandi come Bernard Berenson e Roberto Longhi; e tuttora patrimoni come gli Archivi Alinari o le grandi fototeche della Max-Planck-Gesellschaft sono insostituibili per gli studi. Ben vengano iniziative come queste, che dalle “nuvole” del virtuale ci riportano sul solido terreno della realtà delle carte e delle stampe, amorevolmente conservate negli archivi.

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

L’Accademia delle Arti del Disegno ha aderito con particolare interesse all’iniziativa promossa dalla Fondazione Michelucci, ed ampiamente condivisa dalle istituzioni culturali fiorentine, per una serie di eventi legati alla Fotografia di Architettura. L’Accademia partecipa dunque con una piccola ma raffinata esposizione di immagini provenienti dal prezioso fondo fotografico dell’architetto Giuseppe Castellazzi, conservato nella propria sede di palazzo dei Beccai, fondo che contiene circa 200 foto di architetture europee ed orientali del XIX secolo.

Un sentito ringraziamento va a Mauro Cozzi, a Monica Maffioli, a Vincenzo Vaccaro ed a Enrico Sartoni che hanno scelto le immagini e curato la rassegna. Un grazie va a Domenico Viggiano per la collaborazione all’allestimento. Castellazzi era nato a Verona nel 1834. Nel 1860 vinse la medaglia d’oro ad un concorso di architettura, che gli valse il sostegno del governo austriaco per un viaggio di studio in Germania e in Francia. Verso il 1864, grazie ad una borsa dell’Accademia veneta di Belle Arti, poté recarsi per un anno in Oriente, con un tour che da Trieste lo portò ad Atene, Istanbul ed al Cairo, facendo tappe nelle Cicladi, a Smirne, a Beirut. Da quel viaggio riportò durevoli impressioni ed una raccolta di schizzi che furono pubblicati nel pregevole volume “Ricordi di Architettura Orientale” del 1871. Il volume, oltre alle fresche e spesso pittoresche note di viaggio, contiene cento tavole di disegni rielaborati sugli schizzi presi dal vero. L’attenzione del Castellazzi si rivolse non tanto agli edifici monumentali, ma, come scrisse, a “quanto mi sembrò quasi elementare nell’architettura e decorazione dominanti in quelle città, e quindi mi occupai di parecchi particolari che da altri non furono ricordati”. L’architettura civile, l’architettura sacra, l’architettura funeraria, i particolari degli apparati decorativi, dei materiali furono al centro della sua attenzione. Lo scopo che egli si prefisse fu infatti quello pratico ed operativo della professione di architetto, come ebbe egli stesso a precisare: “Mi sono occupato con preferenza di molti dettagli di sacri e civili edifizi chesono, è vero, poco importanti per magnificenza di masse, ma che però possono suggerire quanto i principali monumenti, da altri illustrati, motivi di elementi architettonici e decorativi, applicabilissimi a quelle nostre fabbriche, il cui uso sia di orientale provenienza, o che per il loro soggetto esigano architetture fantastiche o d’impronta originale. Fra gli innumerevoli  modelli che mi si presentavano, ho cercato di scegliere quelli che più degli altri si possono prestare alla pratica applicazione, ed ho avuto principalmente riguardo ai materiali e mano d’opera, di cui noi possiamo disporre con facilità tecnica ed economica…”. Nel 1874 Castellazzi si trasferì a Firenze dopo aver vinto un concorso per l’insegnamento all’Accademia di Belle Arti, della quale divenne Direttore nel 1877. La raccolta delle foto ha lo stesso fine degli schizzi di viaggio, un uso pratico cioè che riuscisse utile alla progettazione architettonica. Castellazzi fu soprattutto un restauratore ed i suoi progetti suscitarono spesso vivaci discussioni, come quelli per Orsanmichele e Santa Trinita a Firenze. Egli utilizzò le foto anche come supporto per realizzare rendering ante litteram dei suoi progetti, come documenta quella esposta per Orsanmichele. L’ampiezza dei temi e dei paesi dimostrano un interesse a tutto campo, sfatando una volta di più (semmai ce ne fosse ancora bisogno) il vecchio adagio di una Firenzina ottocentesca provinciale e chiusa in se stessa. Oggi quelle foto, stampate su carta albumina, costituiscono una documentazione di eccezionale interesse per lo storico dell’arte e dell’architettura.

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura

 

Tra le utilità riconosciute alla fotografia, fin dalla presentazione ufficiale dell’invenzione, nel 1839, primeggiava quella di poter documentare con il nuovo apparecchio di riproduzione le opere di architettura, riconoscendo al nuovo mezzo di traduzione grafica le qualità di ‘verità e precisione’, che apparentemente garantivano una ‘fedeltà al reale’ superiore a qualsiasi altra forma di trascrizione manuale.
Da quel momento, la fotografia diventa la ‘fedele’ alleata degli architetti, degli archeologi e degli artisti, strumento indispensabile per i loro studi e per la loro professione, capace di creare un catalogo iconografico necessario per ampliare le proprie conoscenze al di là delle personali esperienze di viaggio e la visione diretta dei luoghi monumentali.
L’archivio fotografico di Giuseppe Castellazzi costituisce una importante testimonianza del significativo ruolo svolto dalla fotografia nella formazione degli architetti e degli studiosi. Seguendo gli insegnamenti del suo maestro, Pietro Selvatico Estense, che fin dal 1852 aveva riconosciuto nella fotografia “l’intermediario tra la realtà e i diversi modi di rappresentarla”, indicandola come necessaria per l’educazione visiva dell’architetto, Castellazzi riport dai suoi viaggi giovanili di studio in Italia, Germania, Egitto, Grecia e Turchia, non solo ‘disegni dal vero’ ma anche ‘appunti’ fotografici che rispecchiano i suoi interessi verso un enciclopedico repertorio di ‘stili’ e forme architettoniche, utili all’elaborazione progettuale.
Il ‘corpus’ iconografico raccolto dall’architetto, oggi conservato presso l’Accademia delle Arti del Disegno e composto da circa 200 stampe fotografiche, si può dividere in due nuclei principali: il primo, relativo alle immagini acquisite nei suoi tour formativi tra il 1861 e il 1865, conserva immagini databili tra la metà degli anni ’50 e la metà degli anni ’60 del XIX secolo, per lo più opera di fotografi non identificati, ma anche di autori noti come il padovano Bresolin, il romano Suscipj, il napoletano Sommer e alcune straordinarie stampe con soggetti monumentali napoletani, probabilmente riferibili al francese Le Dien, allievo del più noto fotografo Le Gray; il secondo nucleo, più numeroso e ascrivibile alla sua attività di professionista, è costituito da fotografie di architettura, pittura e scultura, provenienti dai repertori messi in commercio dagli stabilimenti dei Fratelli Alinari, di Brogi e di Lombardi, alcuni tra i più noti editori di immagini relative al patrimonio artistico nazionale. Ai Fratelli Alinari, inoltre, egli affida la riproduzione fotografica di alcuni suoi progetti di restauro, come nel caso di Orsanmichele, delegando loro il compito di restituire la percezione visiva della sua proposta grafica di intervento architettonico. Un sodalizio, quello tra fotografia e architettura nell’Ottocento, che nell’archivio di Castellazzi si presenta nella sua più completa esemplificazione.

Monica Maffioli
Accademica

PREMIO DELLE ARTI “FIORENTINI NEL MONDO” 2018 – IX EDIZIONE

PREMIO DELLE ARTI
“FIORENTINI NEL MONDO”
2018
– IX EDIZIONE

 

sabato 14 Settembre 2019 – ore 11.00


Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

ARTI VISIVE
GIUSEPPE CALONACI

ARTI SONORE
STEFANO BURBI

ARTI LETTERARIE
ALBA DONATI

 

 

Associazione Fiorentini nel Mondo
Via Leonardo Ximenes 55B – 50125 Firenze
www.fiorentininelmondo.it

RENATO FORESTI artista del Novecento tra Napoli, Roma e Firenze. Una donazione all’Accademia delle Arti del Disegno

RENATO FORESTI artista del Novecento tra Napoli, Roma e Firenze.
Una donazione all’Accademia delle Arti del Disegno

 

23 settembre 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

Saluti
Prof.ssa Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Presentazione del catalogo
Renato Foresti 1900-1973
a cura di Enrico Sartoni, Domenico Viggiano
(Edizioni Masso delle Fate, 2018)

Interviene
Susanna Ragionieri

Segue tavola rotonda con
Simonella Condemi, Cristina Frulli, Enrico Sartoni

Cerimonia di donazione del quadro “Lavoro al Trapano”
all’Accademia delle Arti del Disegno

Intervengono
Luciana, Paolo e Maria Luisa Foresti

Durante l’evento saranno esposti alcuni disegni inediti dell’artista

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

Mostra SHI LIANG “ANOTHER STILL LIFE”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

SHI LIANG
ANOTHER STILL LIFE 

 

12 settembre 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Xiuzhong Zhang
Presidente della Zhong Art International

Giovanni Iovane
Curatore della mostra

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

Seguirà cocktail
LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 12 al 29 settembre 2019

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

INGRESSO LIBERO

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Pomeriggio di studi in onore di Lucia Tongiorgi Tomasi

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al

Pomeriggio di studi in onore di Lucia Tongiorgi Tomasi

a cura di Massimiliano Rossi

 

18 settembre 2019, ore 17.30

Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4

 

Saluti
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Introduce
Enrica Neri Lusanna, Presidente della Classe di Storia dell’Arte dell’Accademia

Intervengono
Ettore Spalletti, Dei rapporti fra Luigi Lanzi e Tommaso Puccini; qualche spigolatura
Elena Fumagalli, Rileggendo Giovanna Garzoni
Riccardo Spinelli, I giardini di Lappeggi, di Lilliano e la ‘pittura di fiori’ nelle collezioni del principe cardinale Francesco Maria de’ Medici

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Tra spirito georgico e ‘Ideologia del Principato’. I giardini cosimiani di Castello, Firenze e Pisa

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

 

COSIMO I mezzo_millennio

27 settembre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Fi

 

Tra spirito georgico e ‘Ideologia del Principato’.
I giardini cosimiani di Castello, Firenze e Pisa

Conferenza di 
Gabriele Capecchi, architetto

Introduce 
Carlo Francini, Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

 

CALENDARIO EVENTI E MOSTRE SETTEMBRE 2019

CLICCARE SU I TITOLI PER I DETTAGLI

 

12 settembre 2019, ore 17.30
Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno, via Ricasoli 68 – Firenze
Inaugurazione della mostra
Shi Liang. Another Still Life
A cura di Giovanni Iovane

 

13 settembre 2019, ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio” , a cura di Carlo Francini
L’Accademia del Disegno nelle feste fiorentine del 1565-66
Conferenza di Nicoletta Lepri

 

14 settembre 2019, ore 11.00
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Premio delle Arti “Fiorentini Nel Mondo” 2018 – IX Edizione
A cura dell’Associazione Fiorentini nel Mondo

 

18 settembre 2019, ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Pomeriggio di studi in onore di Lucia Tongiorgi Tomasi
A cura di Massimiliano Rossi

 

19 settembre 2019, ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Architetture d’Italia, d’Europa e d’Oriente nella collezione Castellazzi
L’archivio fotografico di un architetto del medio Ottocento
A cura di Mauro Cozzi, Monica Maffioli, Vincenzo Vaccaro, Enrico Sartoni

 

23 settembre 2019, ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
RENATO FORESTI. Artista del Novecento tra Napoli, Roma e Firenze.
Una donazione all’Accademia del Disegno
Cerimonia di donazione del quadro “Lavoro al Trapano” all’Accademia delle Arti del Disegno e presentazione del catalogo “Renato Foresti 1900-1979”

 

26 settembre 2019, ore 9-30-18.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Convegno Nazionale di Studi
I centri storici di Toscana: Musei per turisti o città da abitare?
A cura di Gaspare Polizzi e Renzo Manetti

 

27 settembre 2019, ore 17.30
Palazzo dell’Arte dei Beccai, Via Orsanmichele 4 – Firenze
Ciclo “Cosimo I_mezzo millennio”  a cura di Carlo Francini
Tra spirito georgico e ‘Ideologia del Principato’. I giardini cosimiani di Castello, Firenze e Pisa
Conferenza di Gabriele Capecchi

 

 

CALL FOR APPLICATIONS – The Paper Project – Travelling Seminars in Italy (Florence, Milan and Verona). The Collecting of Old Master Drawings in Italy

CALL FOR APPLICATIONS

Travelling Seminars in Italy (Florence, Milan and Verona)
The Collecting of Old Master Drawings in Italy, from Giorgio Vasari onwards

7-20 June 2020

Application deadline 30 October 2019

 

Main Objective of the Project:
The aim of the project is to offer 12 young curators and conservators a full immersion training course
of around two weeks, based in Florence at the Accademia delle Arti del Disegno.  The course will include
museum visits, workshops and seminars (in English and Italian) in order to enable applicants to study closely
and therefore familiarise themselves with the collections  of the Horne Foundation Museum,
the Biblioteca Marucelliana, the Opificio delle Pietre Dure, the Castello Sforzesco in Milan
and the Musei Civici, Verona. The Accademia delle Arti del Disegno, founded by Giorgio Vasari
and Vincenzo Borghini in 1563 under the aegis of Cosimo I de Medici, operates today exactly as
its founders intended: namely to design for the present, but to study the past through the drawings
and written testimonies of the Accademia’s teachers, and to pass this legacy of ideas
and works down to new generations. As ‘Padre di tutte le arti’, Michelangelo Buonarroti was
the first Academician to be elected. In his name and with his legacy, the Accademia forged its future.
To this day the Accademia delle Arti del Disegno has continued actively to promote research, conservation
and study from its headquarters, now based in Via Orsanmichele 4, a building that preserves vestiges
of more than four centuries of history.
The goal of the project is to ensure that participants have the opportunity to immerse themselves full-time:
in experiencing technical and scientific issues; in historical and archival analysis and research;
and in the preservation and exhibition of Italian master drawings, with the result that they will be able
to make independent decisions in relation to research, acquisition, conservation, and ultimately
the enrichment of collections. The seminars will be held in Italian and English.

Participant Requirements:
This project is aimed primarily at young curators and conservation and restoration specialists
who have proven experience in the specific field of works on paper (drawings and prints).
Applicants are required to have worked in museums, collections or galleries,
or to have worked under contract in the preparation of exhibitions continuously for at least 3 years.

Academic requirements:
BA, MA or PhD in Art History with a specialisation – which will need to be verified
– in advanced research in the graphic arts (drawings and prints) in Italy, France,
The Netherlands, Northern Europe, Spain, Germany or Eastern Europe
from the 16th to the 19th It is important that prospective
candidates have a working knowledge of Italian (read and spoken).

Application Procedure:

Applications must include a description of the candidate’s areas of specific interest,
a CV, the names of three referees, and a letter of reference.
These must be submitted prior to the expiry date of 30 October 2019
to the following email addresses
alessandra.baronivannucci@gmail.com and thepaperproject@aadfi.it

The result of the selections will be posted on 30 November 2019
on the Accademia delle Arti del Disegno website (
www.aadfi.it)

 

 


Project funders                                             Application deadline
The Getty Foundation                                       30 October 2019

Project team
Project Director, prof.ssa Alessandra Baroni
Mentor for conservation, dott.ssa Letizia Montalbano (Opificio delle Pietre Dure)
Logistic Project Assistant, dott. Enrico Sartoni


 

ITALIANO

THE PAPER PROJECT

ACCADEMIA DELLE ARTI DEL DISEGNO

Seminario itinerante (Firenze, Milano e Verona).
Il collezionismo del disegno antico in Italia, da Giorgio Vasari in avanti

7-20 giugno 2020

Motivazione del progetto e principale obiettivo:

Obiettivo del progetto è offrire a 12 giovani curatori e conservatori un percorso formativo
full immersion di circa due settimane, con base a Firenze presso l’Accademia delle Arti del Disegno
e visite, workshop e laboratori (in lingua inglese e italiana) per conoscere e studiare da vicino le raccolte
del Museo della Fondazione Horne, della Biblioteca Marucelliana, dell’Opificio delle Pietre Dure,
della raccolta del Castello Sforzesco di Milano e dei Musei Civici di Verona.

L’Accademia delle Arti del Disegno, fondata da Giorgio Vasari, Cosimo I de Medici e Vincenzo Borghini nel 1563
opera in Firenze nel solco di quanto progettato e voluto dai suoi fondatori: progettare il presente, studiare
il passato attraverso le testimonianze scritte e grafiche dei maestri e trasmettere alle nuove generazioni questo
patrimonio di idee e di opere. Michelangelo Buonarroti fu il primo ad essere eletto Accademico con il titolo
di “padre di tutte le arti” e con il suo nome e la sua eredità, si è confrontato tutto il percorso
successivo dell’Accademia che dal 1784 ha dato vita ad una scuola che oggi ha il nome di Accademia di Belle Arti
di Firenze e che ha sede in via Ricasoli a Firenze e che ha proseguito la sua attività di ricerca, di conservazione
e di studio nell’Istituto che oggi ha sede in Via Orsammichele n. 4 e che ospita al suo interno le vestigia
di oltre quattro secoli di Storia.

Il goal del progetto è far sì che i partecipanti abbiano l’opportunità di compiere un’esperienza completa full-time
in merito alle problematiche tecniche e scientifiche, all’analisi e alla ricerca storico artistica e archivistica,
alla conservazione ed esposizione dei disegni antichi italiani e siano in grado di intraprendere iniziative autonome
di ricerca, acquisizione, conservazione, valorizzazione.

Requisiti per i partecipanti:
Il progetto è rivolto soprattutto a giovani curatori e conservatori, ovvero giovani specialisti della conservazione
e restauro che abbiano già un’esperienza di lavoro accertata e dimostrabile nel campo specifico delle opere d’arte
cartacee (disegni e stampe) e svolgano attività in musei, collezioni e gallerie, oppure abbiano lavorato a contratto
nella preparazione di mostre o allestimenti in modo continuativo da almeno 3 anni.

Requisiti accademici:
Laurea/master/PhD in Storia dell’arte e una specializzazione comprovata di ricerca e produzione scientifica
nell’ambito delle arti grafiche (disegni e stampe) di altre aree geografiche (Francia, Paesi Bassi,
Nord Europa, Spagna, Germania, Est Europa) dal XVI al XIX secolo e una certa familiarità con la lingua
italiana (letta e parlata) sono titoli preferenziali

Come fare la domanda:
Le domande dovranno contenere una breve lettera d’interesse, il cv con tre referenti e una lettera
di raccomandazione da parte di uno dei mallevadori che dovrà essere spedita direttamente entro
la data di scadenza 30 ottobre 2019 al seguente indirizzo:
alessandra.baronivannucci@gmail.com e thepaperproject@aadfi.it

Il risultato delle selezioni sarà reso noto entro il 30 novembre 2019 sul sito istituzionale dell’Accademia delle Arti del Disegno (www.aadfi.it)

 


Finanziatori del progetto                         Termine per la presentazione delle domanda
The Getty Foundation                                       30 ottobre 2019

Project team
Direttore del progetto, prof.ssa Alessandra Baroni
Mentore per la conservazione, dott.ssa Letizia Montalbano (Opificio delle Pietre Dure)
Assistente del progetto, dott. Enrico Sartoni


Conferenza “L’Accademia del Disegno nelle feste fiorentine del 1565-66”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

 

COSIMO I mezzo_millennio

13 settembre 2019 – ore 17.30

Palazzo dei Beccai – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

L’Accademia del Disegno nelle feste fiorentine del 1565-66

Conferenza di 
Nicoletta Lepri
Storica dell’Arte

Introduce 
Carlo Francini
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

Inaugurazione mostra “Gli Scultori dell’Accademia delle Arti del Disegno” – 4 agosto 2019

L’Accademia delle Arti del Disegno
seguendo la propria missione statutaria
è lieta di invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra

GLI SCULTORI
dell’Accademia delle Arti del Disegno

domenica 4 agosto 2019 – ore 17.00

Convento di Monte Senario – Salone Sette Santi Fondatori
Via Montesenario, 3474/A – 50036 Vaglia (FI)

 

SALUTI
prof. Antonio Di Tommaso
Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia e curatore della mostra

Padre Nando
Priore del Convento di Montesenario

 

ESPONGONO
Simone Azzurrini
Franco Berretti
Christian Bolt
Luca Calò
Giuseppe Calonaci
Roberto Ceccherini
Mario Daniele
Antonio Di Tommaso
Piero Gensini
Yoshin Ogata
Domenico Viggiano

 

In collaborazione con

Mostra dal 4 agosto al 1 settembre 2019
orario: sabato e domenica dalle ore 10.30-12.30 e 15.00-18.00

 

CLICCARE QUI PER L’INVITO

Presentazione del catalogo “HAN YUCHEN IL REGNO DELLA PUREZZA”

L’Accademia delle Arti del Disegno
Zhong Art International

sono lieti di invitare la S.V.
alla presentazione del catalogo

HAN YUCHEN
IL REGNO DELLA PUREZZA

edito da Mandragora

mercoledì 24 luglio 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze 
Via Orsanmichele 4, Firenze
 
in occasione della mostra
Il regno della purezza
Il Tibet nella pittura di Han Yuchen

a cura di Cristina Acidini
ideazione di Xiuzhong Zhang
a Palazzo Medici Riccardi, Firenze
fino al 28 luglio
 

SALUTO DI 
Eugenio Giani
Presidente del Consiglio Regionale della Toscana
 
PRESENTANO IL VOLUME 
Cristina Acidini
Curatrice della mostra/Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Vincenzo Vaccaro
Accademico/Consigliere dell’Opera di Santa Maria del Fiore

Mario Curia
Presidente della casa editrice Mandragora

Xiuzhong Zhang
Ideatore della mostra/Presidente della Zhong Art International
 

Lo scorso 5 luglio si è inaugurata a Palazzo Medici Riccardi, con una grande affluenza di pubblico, la mostra “Il regno della purezza – Il Tibet nella pittura di Han Yuchen”, curata da Cristina Acidini, promossa e organizzata dalla Zhong Art International, con la collaborazione dell’Accademia delle Arti del Disegno, dell’Accademia di Belle Arti di Firenze e della China National Academy of Painting, con i patrocini del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Toscana, del Comune di Firenze, della Città Metropolitana e del Consolato Generale della Repubblica Popolare Cinese in Firenze e con il sostegno di Confindustria Firenze, Fondazione Romualdo del Bianco e Life Beyond Tourism.
In occasione della mostra è stato realizzato il catalogo Han Yuchen. Il regno della purezza, edito dalla casa editrice Mandragora, che oltre a presentare le ventiquattro opere esposte a Palazzo Medici Riccardi, raccoglie praticamente l’intero corpus che l’artista ha dedicato al Tibet. La mostra fiorentina, infatti, espone al pubblico solo una piccola parte sia della produzione artistica che della molteplicità di tecniche e stili adottati da Han Yuchen durante la sua lunga attività, che prese avvio nel 1987, quando l’artista si formò presso l’Accademia Centrale delle Arti di Pechino. La selezione di opere presente a Palazzo Medici Riccardi consiste in tele eseguite con pittura a olio e incentrate su un unico soggetto, la regione autonoma del Xizang,” ovvero il cosiddetto Tetto del mondo, il Tibet. Han Yuchen identifica in questa regione, innevata e mistica, quello che lui definisce appunto il “Regno della Purezza”, purezza intesa non solo come candore fisico delle nevi perenni, ma anche e soprattutto limpidezza e innocenza spirituale.
Il volume è corredato da vari testi critici, a firma della curatrice Cristina Acidini, dell’ideatore dell’esposizione Xiuzhong Zhang, dell’Accademico Vincenzo Vaccaro, e da tre noti storici dell’arte cinesi.  È inoltre introdotto dalle presentazioni del Sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella, e di Tommaso Sacchi, Assessore alla cultura del Comune di Firenze. Il catalogo è interamente tradotto in lingua inglese.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del Catalogo dell’esposizione “ANDREA GRANCHI”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione
del catalogo dell’esposizione di
ANDREA GRANCHI
per il ciclo

IL SACRO NELL’ARTE
CONTEMPORANEA

17 luglio 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4  – Firenze
INTERVENGONO
Cristina Acidini 
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Fabrizio Tondi 
Sindaco di Abbadia San Salvatore

Irene Sanesi 
Presidente dell’Opera di Santa Croce e Accademica

Francesco Gurrieri 
Direttore di “Critica d’Arte” e Accademico

Paolo Tiezzi Maestri 
Presidente dell’Istituto per la valorizzazione delle Abbazie storiche in Toscana

Paolo Castrini 
Direttore del Museo di Arte Sacra dell’Abbazia San Salvatore

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Conferenza di Yang Feiyun “CENTO ANNI DI PITTURA A OLIO IN CINA”

YANG FEIYUN
Direttore dell’Accademia della pittura ad olio di Pechino
e accademico, terrà una conferenza su

CENTO ANNI
DI PITTURA A OLIO
IN CINA

15 luglio 2019 – ore 10.30

Accademia delle Arti del Disegno – Sala delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PRESENTANO L’INTERVENTO
CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

ANDREA GRANCHI
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTRODUCONO E COORDINANO
RODOLFO CECCOTTI e ADRIANO BIMBI
Accademici Ordinari della Classe di Pittura

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra “ARCHETIPI” di Eduard Anikonov e Vadim Kirillov

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

ARCHETIPI
Eduard Anikonov – Vadim Kirillov

 

4 luglio 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze
 
INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Di Tommaso
Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Anna Balzani
Curatrice della mostra
 
SARANNO PRESENTI GLI ARTISTI

Seguirà cocktail
 
LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 30 luglio 2019
 
ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso
 
INGRESSO LIBERO
 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Carmen C. Bambach (The Metropolitan Museum of Art), L’ULTIMO LEONARDO

500 anni dalla morte di Leonardo

conferenza di
 

CARMEN C. BAMBACH

The Metropolitan Museum of Art (New York)
 

L’ULTIMO LEONARDO

 
27 giugno 2019 – ore 17.30
 
Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
 
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTO DELLA PRESIDENTE
Cristina Acidini

SALUTO DEL SEGRETARIO GENERALE
Giorgio Bonsanti

SALUTO DELLA PRESIDENTE DELLA CLASSE DI STORIA DELL’ARTE
Enrica Neri Lusanna

INTRODUCE E COORDINA
Lucia Meoni

 

L’Accademia delle Arti del Disegno il 27 giugno 2019 alle ore 17.30 ospita un evento internazionale in occasione del 500esimo anniversario di Leonardo da Vinci: Carmen C. Bambach, la curatrice della divisione Disegni e Stampe del Metropolitan Museum di New York incontrerà il grande pubblico e terrà una lezione su Leonardo da Vinci nelle sale del Palazzo dei Beccai, sede dell’Accademia, in via Orsanmichele 4 a Firenze.

La prof.ssa Bambach, che è tra i maggiori esperti mondiali del disegno antico italiano, ha appena dato alle stampe un importante testo in più volumi su Leonardo Da Vinci, edito dall’Università di Yale.

La studiosa illustrerà al pubblico la sua visione dell’attività di Leonardo da Vinci nei suoi ultimi anni. Una lezione sul tratto del disegno, sulla capacità di leggerlo, ma anche sulle sue ricerche archivistiche e sui molti miti interpretativi che accompagnano l’attività del grande Maestro che aveva trovato accoglienza in Francia. Attribuzioni, copie, attività degli allievi e su tutto la capacità di riconoscere la presenza autentica del Maestro di Vinci sono i temi toccati da Carmen C. Bambach, in un percorso serrato ed avvincente.

Questa conferenza, preannuncia Bambach, è dedicata agli ultimi anni di attività di Leonardo particolarmente interessanti benché ancora misteriosi, valorizzando il ruolo dei suoi protettori tra Roma (1513-1516) e la Francia (1516-1519) e l’altezza degli ultimi suoi pensieri,

“Si tratta di un simbolico “ritorno a casa” di Leonardo da Vinci – dichiara la Presidente dell’Accademia Cristina Acidini – nella sede di quell’Accademia che è erede della Compagnia di San Luca a cui l’artista si iscrisse a venti anni, divenendo un maestro autonomo.”

 

Incontro di studi in occasione dei “500 ANNI DELLA MORTE DI LEONARDO”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’incontro di studi in occasione dei

500 anni della morte di Leonardo

 

11 giugno 2019 – ore 09.30

Accademia delle Arti del Disegno – Salone delle Adunanze
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTO DELLA PRESIDENTE
Cristina Acidini

PRIMA PARTE:
Presentazione del numero monografico del bollettino ingegneri
“Leonardo, Ingegnere del Rinascimento”

Presentazione del numero monografico
Paolo Spinelli

Leonardo e la cultura tecnica
Francesco Gurrieri

Leonardo e l’acqua
Ignazio Becchi

Leonardo ingegnere militare nel disegno di paesaggio, nella “prespettiva semplice” e nel dialogo silente con Niccolò Machiavelli
Amelio Fara

I numeri della bellezza. Le proporzioni ideali di Leonardo
Renzo Manetti
SECONDA PARTE:

“Ricezioni di Leonardo nella cultura artistica e filosofica francese del Novecento”

La Sezione di Storia dell’Arte (1907-1920) dell’Istituto Francese di Firenze e il Léonard de Vinci di Antonina Vallentin (1950)
Marco Lombardi

Una lettura di Leonardo, tra disegno e filosofia: il Léonard di Paul Valéry
Gaspare Polizzi

 

PER SCARICARE LA LOCANDINA CLICCARE QUI

Conferenza “LA FIRENZE DI COSIMO I. Assetto urbano e impronta monumentale”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

LA FIRENZE DI COSIMO I
Assetto urbano e impronta monumentale

 

Conferenza di 
GIANLUCA BELLI
Università degli Studi di Cagliari

Introduce 
CARLO FRANCINI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

 

IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO CICLO DI CONFERENZE
settembre-dicembre 2019

 

 

Inaugurazione della mostra “per leonardo l’arte è libera”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

per leonardo l’arte è libera

la classe di pittura per il v centenario della morte di leonardo da vinci

 

6 giugno 2019 – ore 17.30

Accademia delle Arti del Disegno – Saletta degli Accademici
Via Orsanmichele, 4 – Firenze
 
INTERVENGONO
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Andrea Granchi, Presidente della Classe di Pittura
Alessandro Vezzosi, Accademico e storico dell’arte
 
ESPONGONO
Luca Alinari
Massimo Becattini
Carlo Bertocci
Adriano Bimbi
Umberto Buscioni
Rodolfo Ceccotti
Raul Dominguez
Luigi Doni
Luigi Fatichi
Luca Giacobbe
Jacopo Ginanneschi
Roberto Giovannelli
Andrea Granchi
Riccardo Guarneri
Pietro Manzo
Andrea Martinelli
Carlo Pizzichini
Renato Ranaldi
Vittorio Tolu
Stefano Turrini

 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Incontro di studi “L’età dello Spirito. Dante Alighieri e Gioacchino da Fiore”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’incontro di studi

L’età dello Spirito
Dante Alighieri e Gioacchino da Fiore

Ore 10.00
Saluto istituzionale
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Interventi
Ore 10:30
Cosimo Damiano Fonseca, Accademico dei Lincei
Dante versus Gioacchino

Ore 11.00
Riccardo Succurro, Presidente del Centro Studi Gioachimiti
Il Liber Figurarum di Gioacchino da Fiore

Ore 11.30
Carmelo Mezzasalma, Superiore della Comunità di San Leolino
Dante e Gioacchino da Fiore, il fuoco della profezia

Ore 12.00
Conclusioni
Cosimo Damiano Fonseca
PER SCARICARE LA LOCANDINA DELL’INCONTRO CLICCA QUI

Mostra “L’ETÀ DELLO SPIRITO. Dante Alighieri, Gioacchino da Fiore” di Ernesto Piccolo – Eduardo Bruno

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

 

ERNESTO PICCOLO – EDUARDO BRUNO
L’ETÀ DELLO SPIRITO. 

Dante Alighieri – Gioacchino da Fiore

 

INTERVERRANNO
CRISTINA ACIDINI, Presidente dell’Accademia
EUGENIO GIANI, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana
COSIMO DAMIANO FONSECA, Accademico dei Lincei
RICCARDO SUCCURRO, Presidente del Centro Studi Gioachimiti
ANDREA GRANCHI, Presidente della Classe di Pittura
DOMENICO VIGGIANO, Direttore della Sala Mostre dell’Accademia

SARANNO PRESENTI GLI ARTISTI

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 30 giugno 2019

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO – FREE ENTRANCE

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del Volume “Le Galanti” con Filippo Tuena

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

Le galanti

con
Filippo Tuena
INTERVENGONO

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Claudio Di Benedetto
Gallerie degli Uffizi

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra personale di scultura di Andrea Bianco

La Presidente dell’Accademia
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di inviare la S.V.
all’inaugurazione della

Mostra personale di scultura
di Andrea Bianco

in collaborazione
con Sacred Art School

La mostra sarà visitabile
dal 25 maggio fino al 5 giugno 2019

 

INVITO DELLA MOSTRA

“Le età del Disegno” Ciclo di Conferenze – “IL PONTORMO. 1530-1540”

“Le età del Disegno” – Ciclo di Conferenze

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza del
prof. Carlo Falciani

IL PONTORMO
1530-1540

Dipinti, disegni e una nuova proposta

 

SALUTI

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTRODUCE
Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Arti del Disegno
 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

5° appuntamento Conferenze Cosimiane – “COSIMO I E LE ISTITUZIONI DELLO STATO”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

COSIMO I E LE ISTITUZIONI DELLO STATO FIORENTINO
Novità e continuità di un’epoca

 

Conferenza di 
LORENZO TANZINI
Università degli Studi di Cagliari

Introduce 
CARLO FRANCINI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

PROSSIMO APPUNTAMENTO DEL CICLO DI CONFERENZE

  • 7 GIUGNO – Gianluca Belli “La Firenze di Cosimo. Assetto urbano e impronta monumentale”

Il ciclo di incontri riprenderà a settembre 2019

Gli incontri si terranno tutti presso
la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

Conferenza “LEON BATTISTI ALBERTI” del prof. Martin McLaughlin

La S.V. è invitata alla conferenza del

Prof. Martin McLaughlin
Magdalen College, Università di Oxford

LEON BATTISTI ALBERTI

UMANISTA E TEORICO DELL’ARCHITETTURA

 
Saluto
Prof.ssa Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Introduzione
Arch. Prof. Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura
 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Giornata-evento “ARTE SCIENZA SOCIETÀ” – 17 maggio 2019

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla giornata-evento

ArteScienzaSocietà

ore 10.30-13.00
Saluti istituzionali
Cristina Acidini
Presidente Accademia delle Arti del Disegno

Giorgio Fiorenza
Presidente Classe Discipline Umanistiche e Scientifiche

Dall’arte alla scienza
Cristina Acidini
Luigi Berlinguer
Marco Brandizzi
Eugenio Coccia
Maria Teresa Zanola
Coordina: Pietro Greco

ore 13.30 – Lunch

ore 15.00-17.00
Dalla scienza all’arte
Oscar Adriani
Guido Chelazzi
Cecilia Frosinini
Giuseppe O. Longo
Pier Andrea Mandò
Paolo Maria Mariano
Coordina: Gaspare Polizzi

ore 17.30
Presentazione La scienza e l’Europa
5 voll., l’asino d’oro, Roma, di Pietro Greco
Medioevo ed età moderna (Giovanni Cipriani)
Età contemporanea (Marco Ciardi)

ore 20.00 – Cena a buffet

ore 21.00
Una serata tra arte e scienza
Introducono: Mariaelena Fedi e Pierluigi Paolucci

Giacomo Granchi ensemble
Musica di Vincenzo Galilei e della Camerata dei Bardi
musica barocca
Conversazione con Gianni Zanarini

Proiezione di
Galois. Storia di un matematico rivoluzionario
Ideato e scritto da Giuseppe Mussardo
con la regia di Diego Cenetiempo

A cura di:
Pietro Greco, Pier Andrea Mandò, Gaspare Polizzi
Classe Discipline Umanistiche e Scientifiche dell’Accademia delle Arti del Disegno

Promosso da:
Accademia delle Arti del Disegno di Firenze
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare sez. di Firenze
Accademia di Belle Arti L’Aquila
Gran Sasso Science Institute
Art&Science across Italy

Media Partner:
Corriere Fiorentino
Rai Radio 3

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Presentazione rivista “ANANKE N. 86” Fondata da Marco Dezzi Bardeschi

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione della rivista

Fondata da Marco Dezzi Bardeschi

ANANKE N. 86

Dossier “Firenze in svendita”

 

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia

Pierluigi Panza
Direttore della rivista “ANANKE”

 

INTERVENTI
Mauro Cozzi, Giuseppe De Luca

 
MODERA
Gaspare Polizzi

 
INTERVENTI DEL PUBBLICO

 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

4° appuntamento Conferenze Cosimiane – “IL PALAZZO DI COSIMO I – Da Palagio dei Priori a Palazzo Ducale”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

IL PALAZZO DI COSIMO I
Da Palagio dei Priori a Palazzo Ducale

 

Conferenza di 
CARLO FRANCINI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL CICLO DI CONFERENZE

  • 24 MAGGIO – Lorenzo Tanzini “Cosimo I e le istituzioni dello stato fiorentino. Novità e continuità di un’epoca”
  • 7 GIUGNO – Gianluca Belli “La Firenze di Cosimo. Assetto urbano e impronta monumentale”

 

Il ciclo di incontri riprenderà a settembre 2019

 

Gli incontri si terranno tutti presso
la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

Dallapiccola Days – Tre giorni con Luigi Dallapiccola e i compositori del Novecento fiorentino

L’Accademia delle Arti del Disegno
in occasione del LXXXII Festival del Maggio Musicale, avrà il piacere di ospitare l’evento

Dallapiccola Days, tre giorni con Luigi Dallapiccola
e i compositori del Novecento fiorentino

ideato dal prof. Mario Ruffini,
Accademico d’Onore dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

Domenica 5 maggio – ore 11.00

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

commenteranno le proiezioni dei film sull’arte di fine anni Quaranta e inizi anni Cinquanta
con le musiche di Dallapiccola

(ingresso libero)

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA IN ACCADEMIA CLICCARE QUI

 

PER SCARICARE L’INTERO PROGRAMMA CLICCARE QUI

Mostra “Renato Foresti. 1900-1973”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

 

RENATO FORESTI
1900-1973

 

4 maggio 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Domenico Viggiano e Enrico Sartoni
Curatori della mostra

Simonella Condemi e Cristina Frulli
Storiche dell’Arte

SARANNO PRESENTI
Luciana, Paolo e Maria Luisa Foresti

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 30 maggio 2019

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Nomina ad Accademico e conferenza del Maestro Wu Weishan

L’Accademia delle Arti del Disegno
in occasione del conferimento
del titolo di Accademico d’Onore
al maestro Wu Weishan
è lieta di invitare la S.V. alla conferenza

LA BARCA DI
QI BAI SHI E LEONARDO

 
Il maestro Wu Weishan,
Direttore del Museo Nazionale d’Arte della Cina,
donerà una sua opera intitolata
“LA BARCA DI QI BAI SHI E LEONARDO”
all’Accademia delle Arti del Disegno.
 
Nell’occasione terrà una lectio magistralis
sul suo lavoro e illustrerà le strategie culturali
del Museo Nazionale d’Arte della Cina
relative a scambi artistici con musei dell’occidente
all’interno del programma “VIA DELLA SETA”.

 
INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Wu Weishan
Direttore del National Art Museum of China

Giorgio Bonsanti
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Di Tommaso
Presidente della Classe di Scultura
dell’Accademia delle Arti del Disegno

Qiu Yi
Presidente dell’Associazione
di Arte e Cultura Contemporanea CINA e ITALIA
 
PER SCARICARE LA LOCANDINA CLICCARE QUI

Firenze – Conoscenza, Tutela, Progettazione – MATERIALI DEL CORSO

Firenze il Centro Storico Patrimonio Mondiale UNESCO
Conoscenza Tutela Progettazione

In questa sezione sono resi disponibili i MATERIALE del corso organizzato dall’ Accademia delle Arti del Disegno in collaborazione e partenariato con l’ Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze e l’ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze

Il corso è stato curato dal Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia arch. prof. Renzo Manetti

 

Per ACCEDERE ai materiali CLICCARE sul titolo della relazione

MODULO A | CONOSCENZA

Il Patrimonio Mondiale UNESCO
                dott. Carlo Francini

La formazione del tessuto urbano
               prof. Francesco Gurrieri

La costruzione dell’idea della città nelle vedute
              dott. Enrico Sartoni

La sostituzione del tessuto antico: gli interventi di fine Ottocento, gli interventi del Ventennio
               prof. Gianluca Belli

Gli eventi bellici e la ricostruzione post bellica
               arch. Renzo Manetti

Tecniche premoderne di prevenzione antisismica
               prof. Giacomo Tempesta

MODULO B | TUTELA

Il rapporto tra patrimonio culturale e nuove architetture. Casi studio a Firenze 
               arch. Valerio Tesi – arch. Paola Ricco

Normativa comunale urbanistico edilizia
              arch. Duilio Senesi

MODULO C | PROGETTAZIONE

Evoluzione degli interventi di consolidamento e adeguamento sismico nei tessuti storici
              ing. Giancarlo Fianchisti

Ingegneria per il restauro monumentale
               prof. Paolo Spinelli

Architettura contemporanea e contesto storico: casi di recupero in Europa
             arch. Cristina Donati

Grandi opere nel centro di Firenze, patrimonio mondiale
              prof. Adolfo Natalini

Progetti e infrastrutture per Firenze
               ing. Gabriele Del Mese

 

Mostra “LAJOS RAVASZ. Realtà traslata e trasfigurata (1939-2015)”

In occasione del 544° anniversario
della nascita di Michelangelo Buonarroti

l’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

LAJOS RAVASZ
Realtà traslata e trasfigurata

(1939-2015)

 

6 marzo 2019 – ore 17.30

Palazzo dell’Arte dei Beccai – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

INTERVERRANNO

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Arti del Disegno

Domenico Viggiano e Enrico Sartoni
Curatori della mostra
SALUTO DI

Anna Maria Cividin, vedova Ravasz

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE DAL 6 al 28 APRILE 2019

Tematiche ricorrenti nell’opera di Leonardo la raffigurazione della natura e dell’uomo come forma di conoscenza

“Le età del Disegno” – Ciclo di Conferenze

 

Gigetta Dalli Regoli

Tematiche ricorrenti nell’opera di Leonardo
la raffigurazione della natura e dell’uomo
come forma di conoscenza

 

SALUTI
Cristina Acidini

Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTRODUCE
Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Corso “Firenze il Centro Storico Patrimonio Mondiale UNESCO. Conoscenza Tutela Progettazione”

L’Accademia delle Arti del Disegno,
assieme all’Ordine degli Architetti di Firenze e all’Ordine degli Ingegneri di Firenze, organizza in partenariato, un corso di formazione con accreditamento CNAPPC ai fini dei crediti formativi.

 

Il corso, che si terrà nella Sala delle Adunanze della nostra Accademia, attribuirà 13 crediti formativi per gli architetti e 12  per gli ingegneri, con un costo di iscrizione di € 40 più IVA.
L’ordine degli Architetti avrà a disposizione 50 posti, l’ordine degli Ingegneri 15, l’Accademia 20.

La partecipazione per gli accademici è ovviamente gratuita ma nei limiti della disponibilità dei posti e dunque è necessaria prenotazione.
Tuttavia gli accademici architetti o ingegneri che vogliano l’attribuzione dei crediti formativi dovranno iscriversi attraverso i portali dei relativi ordini e corrispondere la quota di iscrizione.

Sul portale dell’ordine degli Architetti il programma e le modalità di iscrizione sono all’indirizzo:
https://www.architettifirenze.it/evento/firenze-il-centro-storico-patrimonio-mondiale-unesco/

 

Firenze il Centro Storico Patrimonio Mondiale UNESCO
Conoscenza Tutela Progettazione

 

11 Aprile / I Giornata

MODULO A | CONOSCENZA

09.30 – Il Patrimonio Mondiale UNESCO
                dott. Carlo Francini

10.30 – La formazione del tessuto urbano
               prof. Francesco Gurrieri

11.30-11.45 –  Pausa caffè

11.45 – L’immagine della città nelle vedute e nelle stampe
              dott. Enrico Sartoni

12.30 – Pausa

14.00 – La sostituzione del tessuto antico: gli interventi di fine Ottocento, gli interventi del Ventennio
               prof. Gianluca Belli

15.00 – Gli eventi bellici e la ricostruzione post bellica
               arch. Renzo Manetti

16.00 – Tecniche premoderne di prevenzione antisismica
               prof. Giacomo Tempesta

 

12 Aprile / II Giornata

MODULO B | TUTELA

09.30 – Il rapporto tra patrimonio culturale e nuove architetture. Casi studio a Firenze
               arch. Valerio Tesi – arch. Paola Ricco

10.15 – Normativa comunale urbanistico edilizia
              arch. Duilio Senesi

11.00 – 11.15  Pausa caffè

MODULO C | TUTELA

11.15 – Evoluzione degli interventi di consolidamento e adeguamento sismico nei tessuti storici
              ing. Giancarlo Fianchisti

12.00 – Ingegneria per il restauro monumentale
               prof. Paolo Spinelli

12.45 – Pausa

14.30 – Architettura contemporanea e contesto storico: casi di recupero in Europa
             arch. Cristina Donati

15.15 – Grandi opere nel centro di Firenze, patrimonio mondiale
              prof. Adolfo Natalini

16.00 – Progetti e infrastrutture per Firenze
               ing. Gabriele Del Mese

17.00 – TAVOLA ROTONDA: “Il futuro della città è aperto alle idee”

 

Partecipano

Valerio Tesi (MiBAC), Silvia Viviani (INU), Carlo Francini (Comune di Firenze), Serena Biancalani (Presidente Ordine Architetti), Gabriele Del Mese, Paolo Spinelli, Stefania Fanfani (Comune di Firenze) Adolfo Natalini

Modera: Francesco Gurrieri

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

3° appuntamento Conferenze Cosimiane – “Cosimo amante della scultura in mezzo alla disputa tra Bandinelli, Cellini e Ammannati”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

Cosimo amante della scultura
in mezzo alla disputa tra Bandinelli, Cellini e Ammannati

 

Conferenza di 
FRANCESCO VOSSILLA
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

Introduce
CARLO FRANCINI
Curatore del ciclo di conferenze

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL CICLO DI CONFERENZE

  • 10 MAGGIO – Carlo Francini “Il palazzo di Cosimo I. Da Palagio dei Priori a Palazzo Ducale”
  • 24 MAGGIO – Lorenzo Tanzini “Cosimo I e le istituzioni dello stato fiorentino. Novità e continuità di un’epoca”
  • 7 GIUGNO – Gianluca Belli “La Firenze di Cosimo. Assetto urbano e impronta monumentale”

 

Il ciclo di incontri riprenderà a settembre 2019

 

Gli incontri si terranno tutti presso
la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

Mostra “ANDREY ESIONOV. Neo-nomadi e Autoctoni”

ANDREY ESIONOV
Neo-Nomadi e Autoctoni

acquerelli

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 marzo al 28 aprile 2019

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

dal 2 al 28 aprile, l’orario sarà il seguente:
martedì-sabato 10.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO

Disegno in fieri. Accorgimenti e correttive nell’iter architettonico di Santa Maria del Fiore

“Le età del Disegno” – Ciclo di Conferenze

 

Timothy Verdon

Disegno in fieri
Accorgimenti e correttive nell’iter architettonico di Santa Maria del Fiore

 

SALUTI
Cristina Acidini

Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTRODUCE
Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

ARTOUR-O il Must a Firenze 2019

L’Accademia delle Arti del Disegno
seguendo la propria missione statutaria
è lieta di invitare la S.V.
 

ARTOUR-O in Città

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze
 

giovedì 21 marzo

Il Percorso

ore 10.00
Il Benvenuto della Presidente Cristina Acidini
alla presenza di Maria Federica Giuliani.

Segue il Focus Arte e Committenza ieri e oggi, i Brillanti
con la Madrina e ARTOUR-O d’Argento di questa edizione
Simonetta Brandolini d’Adda, Presidente di Friends of Florence,
la Fondazione americana è un perfetto esempio di rapporto Arte e Committenza.
Partecipa Valentino Mercati ARTOUR-O d’Argento 2012.
Segue L’Architetto ieri e oggi, Andrea Ponsi
a cura del Presidente della Classe di Architettura
Prof. Arch. Renzo Manetti
 

ore 15.30
Si torna a Montedomini per il Lab e Saper Vedere
Vice Presidente Francesca Napoli
consegna con Francesco Sarti
il premio Saper Vedere agli ospiti di Montedomini
Laboratorio Punto Critico incontro tra
Artisti, Curiosi e Studenti e merenda con i bambini.

ore 17.00
ARTOUR-O dà appuntamento a SS. Annunziata alla Cappella dei Pittori
per il benvenuto di Padre Gabriele, Padre Lamberto, Cristina Acidini, Elisa Bonini
e continua la conversazione Arte e Committenza ieri e oggi,
Chiostro dei Voti.

ore 20.30
OOO Out Of Ordinary ARTOUR-O a Tavola … con Leonardo
mostra e cenacolo … e su Marte porterei
inaugurazione con Sergio Orefice.
Performance Allegro Vivace I.

 

venerdì 22 marzo

ore 10.30
Il benvenuto di Marinella Fani
Fani Gioielli, Officina Profumo e Paolo Penko

ore 11.30
Focus su Cosimo I Committente e Fondatore dell’Accademia delle Arti del Disegno,
con Cristina Acidini, Duccio Mannucci, Luigi Ulivieri, Luigi Zangheri
e la partecipazione di Andrea Margaritelli.
Presentazione della nuova edizione di
Trenteccetera, i 40 anni di Ellequadro tra Arte, Cinofilia e Bellezza

ore 13.00
Caffè Lietta, Allegro Vivace II

ore 14.30
Continua il Percorso in città, si torna a Montedomini

ore 17.00
Studio Andrea e Luca Ponsi

ore 20.30
Aperitivo da OOO con Cosimo I Committenza di ieri e Committenza di oggi e Il Bello fa  bene alla Salute,
Maria Federica Giuliani, Flavio Lirussi, Sergio Orefice, Maurizio DiMaggio, Massimo Gava,
Red Carpet di Eleonora Lastrucci e Carla Sassaroli.

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

 

 

Presentazione del volume “SIGISMONDO COCCAPANI. Ricomposizione del catalogo”

La Presidente
Cristina Acidini

la Presidente della Classe di Storia dell’Arte
Enrica Neri Lusanna

invitano la S.V. alla presentazione del volume

 

SIGISMONDO COCCAPANI
Ricomposizione del catalogo

di Elisa Acanfora

 

22 marzo 2019 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

Parlerà del libro
Claudio Pizzorusso

Interverranno alla Tavola Rotonda
Maria Giulia Aurigemma, Stefano Casciu, Gianni Papi

Sarà presente l’autrice
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

2° appuntamento Conferenze Cosimiane – La fondazione dell’Accademia del Disegno

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al ciclo di conferenze

COSIMO I mezzo_millennio

 

Arte e Potere
Cosimo e la nascita dell’Accademia del Disegno

 

Conferenza di 
ENRICO SARTONI
Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

Introduce
CARLO FRANCINI
Curatore del ciclo di conferenze

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL CICLO DI CONFERENZE

  • 5 APRILE – Francesco Vossilla “Cosimo amante della scultura in mezzo alla disputa tra Bandinelli, Cellini e Ammannati”
  • 10 MAGGIO – Carlo Francini “Il palazzo di Cosimo I. Da Palagio dei Priori a Palazzo Ducale”
  • 24 MAGGIO – Lorenzo Tanzini “Cosimo I e le istituzioni dello stato fiorentino. Novità e continuità di un’epoca”
  • 7 GIUGNO – Gianluca Belli “La Firenze di Cosimo. Assetto urbano e impronta monumentale”

 

Il ciclo di incontri riprenderà a settembre 2019

Gli incontri si terranno tutti presso
la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze
PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCARE QUI

Presentazione volume “UMBERTO BUSCIONI al tempo della “Scuola di Pistoia” (1964-1968)”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume

 

UMBERTO BUSCIONI
al tempo della “Scuola di Pistoia”

(1964-1968)

a cura di Laura Monaldi

(Edizioni dell’Archivio Carlo Palli)

 

28 febbraio 2019 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

INTERVENTI DI
Cristina Acidini, Presidente Accademia delle Arti del Disegno
Roberto Macrì, Presidente Fondazione Opera Santa Rita
Andrea Granchi, Presidente Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno
Francesco Gurrieri, Accademico Ordinario dell’Accademia delle Arti del Disegno
Siliano Simoncini, critico d’arte
Laura Monaldi, critico d’arte, curatrice della mostra e del catalogo

 

A seguire
Stefano Cecchi con la proiezione del trailer del film d’artista in fase di realizzazione
Glossario. Mistero e rivelazione del quotidiano nella pittura di Umberto Buscioni
con le musiche del Maestro Giancarlo Cardini

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra “ANDREY ESIONOV. Neo-nomadi e Autoctoni”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

 

ANDREY ESIONOV
Neo-Nomadi e Autoctoni

acquerelli

 

5 marzo 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Alexander Borowsky
Curatore della mostra

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 marzo al 28 aprile 2019

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volume di A. Frintino “JORIO VIVARELLI. Scultore a Pistoia”

La presidente, Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume
di

ANTONIO FRINTINO

con foto di
ANDREA DAMI

 

JORIO VIVARELLI
scultore a Pistoia

lunedì 25 febbraio 2019 – ore 17.30

Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

INTERVENGONO
Ugo Poli
Presidente della Fondazione Jorio Vivarelli

 

Francesco Gurrieri
Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

Antonio Frintino
Autore del volume

 

Andrea Dami
Autore delle foto

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione mostra “SERGIO NARDONI. In corso d’opera”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra

SERGIO NARDONI
In corso d’opera

Disegni preparatori e bozzetti in scala per la volta
del Santuario di Santa Maria a Mare di Castellabate (SA)

 

21 febbraio 2019 – ore 17.30

Saletta degli Accademici – Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

PRESENTANO LE OPERE

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

La mostra sarà visitabile
dal 21 febbraio al 1 marzo 2019

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volumi a cura di Giovanna Cassese

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione dei volumi a cura di

GIOVANNA CASSESE

 

Accademie / Patrimoni di Belle Arti

Roma Gangemi Editore, 2013

Patrimoni da svelare per le arti del futuro

Roma, Gangemi Editore, dicembre 2015

 

22 febbraio 2019 – ore 16.30

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
Carlo Sisi, Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze

Maria Letizia Melina, MIUR, Direttore Generale della Direzione Generale
per lo studente, lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore
 

INTERVENTI
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno
Claudio Rocca, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Firenze

 

CONCLUSIONI
Giovanna Cassese, Accademia di Belle arti di Napoli, Coordinatrice del gruppo di lavoro MIUR-AFAM sui Patrimoni delle Accademie

 
PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Ciclo di conferenze “COSIMO I mezzo_millennio” presentazione volume I RICORDI DI VINCENZIO BORGHINI

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
al primo appuntamento con il

CICLO DI CONFERENZE

COSIMO I
mezzo_millennio

 

31 gennaio 2019 – ore 17.30

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Francesco Salvestrini
Accademico Ordinario della Classe DUS dell’Accademia
Dialogano sul volume
I RICORDI
DI VINCENZIO BORGHINI
Eliana Carrara – Maria Fubini Leuzzi – Veronica Vestri

 

In occasione dell’evento, verrà esposto il ritratto di Vincenzio Borghini
eseguito da Valerio Marucelli nel 1596 per l’Accademia

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Mostra “CONTINUUM. The art of Daniel Graves”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

 

CONTINUUM
The Art of Daniel Graves

 

2 febbraio 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

David H. Spencer
Presidente del Consiglio di Amministrazione di The Florence Academy of Art

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 3 al 28 febbraio 2019

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

INGRESSO LIBERO

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del volume “LAURA. La dodecafonia di Luigi Dallapiccola dietro le quinte”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del volume

a cura di MARIO RUFFINI

LAURA
La dodecafonia di Luigi Dallapiccola dietro le quinte

In appendice la tesi di laurea di Laura Luzzatto,
La critica letteraria di Niccolò Tommaseo, 1932

A cura e con un saggio introduttivo di Mario Ruffini
Prefazione di Luigi Dei

Firenze University Press, collana “Libere carte” 9, 2018

 

martedì 5 febbraio 2019 – ore 17.00

Salone delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini, Saluto del PresidenteLuigi Dei, Saluto del Magnifico Rettore
Paolo Zampini, Saluto del DirettoreMario Ruffini, Saluto del curatore
Giorgio Bonsanti, Relatore

 

INTERVENTO MUSICALE
Luigi Dallapiccola, Goethe-Lieder
per mezzosoprano e tre clarinetti

Lorelay Solis, mezzosoprano
Ensemble Luigi Dallapiccola
Francesco Darmanin, clarinetto piccolo Mib; Fabio Battistelli, clarinetto in Sib
Iacopo Carosella, clarinetto basso in Sib; Alessio Casinovi, direttore

 

In collaborazione con
Centro Studi Luigi Dallapiccola – Conservatorio Statale di Musica “Luigi Cherubini”
Università degli Studi di Firenze – Firenze University Press

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra EPISODI DI ARCHITETTURA

La Presidente
dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

EPISODI DI ARCHITETTURA

TRA VISIONI E PROGETTO

Mostra della Classe di Architettura dell’Accademia

 

11 gennaio 2019 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Francesco Gurrieri
Già Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia

Renzo Manetti
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia

David Palterer
Vicepresidente della Classe di Architettura dell’Accademia

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 11 al 30 gennaio 2019

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volume “Baccio da Montelupo. Architetto nella Repubblica di Lucca”

La Presidente, Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

 

Baccio da Montelupo.
Architetto nella Repubblica di Lucca

Maria Pacini Fazzi Editore, 2018

di Costantino Ceccanti

 

17 gennaio 2019 – ore 17.00
Salone delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno

Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI
Luigi Zangheri
Presidente Emerito dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVERRANNO
Alessandro Cecchi
Direttore Fondazione Casa Buonarroti

Luigi Ulivieri
Presidente Fondazione Museo Montelupo

Costantino Ceccanti
Autore del volume

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Convegno Nazionale di Studi “San Miniato al Monte. Mille anni di storia e di bellezza”

San Miniato al Monte
Mille anni di Storia e Bellezza

Convegno Nazionale di Studi

 

11 – 12 febbraio 2019
Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4, Firenze

 

1° giornata
11 febbraio 2019 – Accademia delle Arti del Disegno

 

ore 9.30
Saluti

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Dom Bernardo Maria Gianni
Abate di San Miniato al Monte

Apertura dei lavori

Francesco Gurrieri
Accademia delle Arti del Disegno
Introduzione a San Miniato al Monte

ore 10.30
Architettura e Restauri

Gianluca Belli
Università degli Studi di Firenze
La chiesa romanica

Guido Tigler
Università degli Studi di Firenze
Il finanziamento del cantiere di San Miniato nell’XI secolo

Pietro Ruschi
Università degli Studi di Pisa
Michelangelo e le fortificazioni per l’assedio

ore 12.30
Pausa dei lavori

ore 15.30
Architettura e Restauri

Enrico Sartoni
Accademia delle Arti del Disegno
I restauri sette-ottocenteschi, la trasformazione in monumento

Valerio Tesi
Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio Firenze, Prato e Pistoia
I restauri novecenteschi

ore 16.30
Marmi e mosaici

Nicoletta Matteuzzi
Sistema Museale Chianti e Valdarno
Le tarsie marmoree e gli arredi liturgici

Renzo Manetti
Accademia delle Arti del Disegno
Simboliche geometrie nei marmi di San Miniato al Monte

Giovanni Serafini
Museo dell’Opera del Duomo di Firenze
L’ambone di San Miniato e il Trimorfo

ore 17.30
Discussione

 

 

2° giornata
12 febbraio 2019 – Accademia delle Arti del Disegno

ore 9.30
Luoghi d’Arte

Antonio Natali
già Direttore della Galleria degli Uffizi
L’età dell’Umanesimo in San Miniato al Monte

Daniele Rapino
Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio Firenze, Prato e Pistoia
La Cappella del Crocifisso: alcune considerazioni dopo il restauro

Francesca Petrucci
Accademia delle Arti del Disegno
La Cappella del Cardinale del Portogallo

ore 10.30
Pitture murali

Angelo Tartuferi
Galleria dell’Accademia – Firenze
Il Maestro della Sant’Agata in San Miniato al Monte a Firenze e un punto di vista su Francesco da Pisa

Mauro Minardi
Storico dell’Arte
“In perfecta abstinentia”. I dipinti murali di Paolo Uccello

Maria Rosa Lanfranchi
Opificio delle Pietre Dure
Prime indagini su Paolo Uccello a San Miniato

Serena Padovani
già Direttrice della Galleria Palatina
Buontalenti a San Miniato

ore 12.00
Discussione

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

“Noi siamo viaggio” Pomeriggio in ricordo di Maurizio Bossi

Cristina Acidini
Presidente
dell’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
al pomeriggio in ricordo di
Maurizio Bossi

 

mercoledì 12 dicembre 2018
ore 16.30-19.00

 

Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

“Noi siamo viaggio”
presentazione dei due volumi

 

Le guide touristique
lieu de rencontre entre lexique
et images du patrimoine culturel

vol. I a cura di Carolina Flinz, Elena Carpi, Annick Farina
vol. II a cura di Rachele Raus, Gloria Cappelli, Carolina Flinz
Firenze University Press, “Strumenti per la didattica e la ricerca”, 2017-2018

 

I due volumi raccolgono saggi di specialisti in campi diversi  (letteratura, architettura, geografia, storia, storia dell’arte, linguistica… ) e in lingue diverse (francese, inglese, italiano, tedesco),  dove si procede all’analisi delle guide turistiche italiane e straniere di ogni epoca e, più in generale, della letteratura di viaggio, quali fonti di studio in relazione all’intreccio dei meccanismi narrativi, lessicali e figurativi dei beni culturali, tangibili e intangibili. La guida turistica rappresenta uno degli ambiti di studio di cui si occupa l’Unità di Ricerca Lessico dei Beni Culturali (Università di Firenze) che  porta avanti anche l’indagine sul vocabolario vasariano e sulla sua diffusione in traduzione a varie altezze cronologiche.

 

16.30- 17.00
Saluti
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Giorgio Bonsanti
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

Giorgio Fiorenza
Presidente Classe Discipline Umanistiche e Scientifiche dell’Accademia delle Arti del Disegno

Luigi Dei
Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Firenze

Maria Luisa Premuda
Presidente Associazione Amici Istituto Francese Firenze

 

17.00-17.30
Marco Lombardi
Università di Firenze, Accademico Ordinario dell’Accademia delle Arti del Disegno, Vicepresidente Associazione Amici Istituto Francese Firenze
Il Viaggio all’Accademia

 

17.30-19.00
Gaspare Polizzi
Vicepresidente della Classe Discipline Umanistiche e Scientifiche dell’Accademia delle Arti del Disegno, presenta i due volumi e dialoga con le curatrici:

Elena Carpi, Annick Farina, Carolina Flinz

 

I due volumi sono consultabili gratuitamente ai seguenti indirizzi

http://www.fupress.com/catalogo/le-guide-touristique-lieu-de-rencontre-entre-lexique-et-images-du-patrimoine-culturel–vol–i/3359

http://www.fupress.com/catalogo/le-guide-touristique-lieu-de-rencontre-entre-lexique-et-images-du-patrimoine-culturel–vol–ii/3360

 

In collaborazione con
Università degli Studi di Firenze, Dipartimento Lingue, Letterature e Studi Interculturali
Associazione Amici Istituto Francese Firenze

 

Asta a sostegno dell’Accademia delle Arti del Disegno – 1 dicembre 2018

La Presidente Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V. alla

ASTA DI OPERE DEL NOVECENTO

appartenenti alla sig.ra Vicky Indelli

Il ricavato dell’Asta andrà a beneficio
di questa Accademia delle Arti del Disegno

 

1 dicembre 2018 – ore 10.30

Saletta degli Accademici – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

Sarà possibile visionare le opere
da lunedì 26 novembre  a venerdì 30 novembre p.v. negli orari 10.00-18.00
suonando al campanello della sede del Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele 4 Firenze
dove sarà possibile registrarsi e lasciare comunicazione di offerte

Per ricordare Leonardo Ricci, architetto e artista

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di Invitare la S.V.
alla conferenza

Per ricordare Leonardo Ricci, architetto e artista

30 novembre – ore 15.00 

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4 – Palazzo dei Beccai

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Francesco Gurrieri
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTRODUCE E COORDINA
Cristina Donati

TESTIMONIANZE DI
Adolfo Natalini
Mauro Cozzi
Claudia Massi
Corinna Vasi? Vatovec

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

STRINGS CITY – Variazioni Goldberg BWV 988

STRINGS CITY

Due giorni di musica diffusa in città
solo strumenti a corda nei luoghi della cultura

“VARIAZIONI GOLDBERG TRA MUSICA E PAROLE”

 

sabato 1 dicembre 2018 – ore 15.00

Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

Esecuzione integrale delle Variazioni Goldberg BWV 988 di Johann Sebastain Bach
nella trascrizione per trio d’archi e nell’esecuzione dei professori del Maggio Musicale Fiorentino,
contrappuntata da un racconto di Mario Ruffini “Le Goldberg. La montagna d’oro”.

 

Giacomo Rafanelli, violino | Antonio Pavani, viola | Beatrice Guarducci, violoncello

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

 

 

Inaugurazione mostra MATERIA E CREATIVITÀ

La Presidente
dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

MATERIA E CREATIVITÀ

La Classe di Scultura dell’Accademia


a cura di Antonio Di Tommaso

5 dicembre 2018 – ore 17.30

Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Di Tommaso
Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Antonio Frintino,
Accademico d’Onore dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 29 dicembre 2018

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

DIALOGO TRA I SAPERI – Auditorium del Gran Sasso

Dialogo tra i saperi

Un dialogo tra scienza, arte e società all’Aquila, per costruire una cultura che affronti le sfide di un futuro sostenibile.

11 dicembre 2018

Auditorium del Gran Sasso Science Institute
Via Michele Jacobucci, 2 L’Aquila

 

10.00-10.30 Saluti Istituzionali

10.30-12.00 Scienza, Arte e Società
Fernando Ferroni, Presidente INFN
Cristina Acidini, Presidente Accademia delle Arti del Disegno
Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI
modera Pietro Greco, giornalista scientifico

12.00 -13.30 Arte, Scienza e Filosofia
Eugenio Coccia, Rettore GSSI
Silvano Tagliagambe, Università di Cagliari
Simone Gozzano, Università dell’Aquila
Marco Brandizzi, Accademia di Belle Arti, L’Aquila
modera Gaspare Polizzi, Accademia delle Arti del Disegno

14.30 -16.30 Arte, creatività, innovazione
Pierluigi Sacco, IULM di Milano
Antonio Camurri, Università di Genova
Camilla Rossi-Linnemann, Museo della Scienza e della Tecnica “Leonardo da Vinci”
Bartolomeo Pietromarchi, direttore MAXXI ARTE
Oriana Persico, Salvatore Iaconesi, Human Ecosystems Relazioni
modera Alessandro Crociata, GSSI

16.30 -17.30 Le avventure di Numero Primo
Conversazione di Marco Paolini con Rossella Panarese, Rai Radio3 in collaborazione con il Teatro Stabile dell’Abruzzo

17.30 – 18.30 Idee per un “Dialogo tra i Saperi” all’Aquila
Discussione pubblica e chiusura lavori
modera Vincenzo Napolano, Comunicazione INFN

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Fiorentini nel Mondo

L’Accademia delle Arti del Disegno
e l’Associazione Fiorentini nel Mondo
sono liete di invitare la S.V. all’evento di premiazione

Fiorentini nel Mondo

 

24 novembre 2018 – ore 11.30

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

Cerimonia di consegna dei premi 2018

premiati per le arti visive Francesco Gurrieri
per le arti sonore Elio Boncompagni
per le arti letterarie Giovanni Cipriani

Mostra di Enzo Innocenti 1913-1996

L’Accademia delle Arti del Disegno è lieta di invitare la S.V. alla inaugurazione della mostra

Enzo Innocenti 1913-1996

Sculture 

 

9 novembre 2018 – ore 17.00

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele 4 – Firenze

 

INTERVERRANNO

Antonio Di Tommaso, Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Enrico Sartoni, Responsabile Archivio dell’Accademia delle Arti del Disegno

Grazia Badino, Curatrice della mostra

 

mostra visitabile dal 10 novembre al 10 dicembre 2018

 

 

INCONTRI FRANCO-ITALIANI Dalla Grande Guerra al Grande Dopoguerra

Giornate-evento in occasione del centenario
della fine della Prima Guerra Mondiale

Un’iniziativa a cura della Classe di Discipline Umanistiche e Scientifiche

 

INCONTRI FRANCO-ITALIANI
Dalla Grande Guerra al Grande Dopoguerra
Immagini, esperienze, trasformazioni

 

Firenze 16-17 novembre 2018

___________________________________________

 

Venerdì 16 novembre 2018

MATTINA h 10.00-13.00
Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4, Sala delle Adunanze

h 10.00-10.30 Saluti
Cristina Acidini, Presidente Accademia Arti del Disegno/AADFI
Giorgio Bonsanti, Segretario Generale Accademia Arti del Disegno/AADFI
Christophe Musitelli, Consigliere culturale Ambasciata di Francia
Manon Hansemann, Direttrice Institut Français Firenze, Console Onorario
Andrea Zorzi, Università di Firenze, Direttore Dipartimento SAGAS
Maria Luisa Premuda, Presidente Associazione Amici Istituto Francese Firenze/AAIFF
Gabriele Gori, Direttore Generale Fondazione Cassa Risparmio Firenze
Giorgio Fiorenza, Presidente Classe Discipline Umanistiche e Scienze/DUS/AADFI

h 10.30-11.00
Marco Lombardi, Università di Firenze, Vicepresidente AAIFF, Accademico Ordinario AADFI
L’Istituto Francese di Firenze dalla Grande Guerra al Grande Dopoguerra: immagini, esperienze, trasformazioni.

h 11.00-11.30
Monica Maffioli, Vicepresidente Società Italiana per lo Studio della Fotografia, Accademico Onorario AADFI
“L’enseignement par les yeux”: il fondo di diapositive su vetro dell’Istituto Francese di Firenze.

h 11.30-12.00
Elvira Tonelli, (La Fototeca)
L’intervento di restauro, conservazione e digitalizzazione della serie di diapositive dell’Istituto Francese di Firenze sulla guerra.

h 12.00
Enrico Sartoni, Responsabile Archivio AADFI, Accademico d’Onore AADFI
L’Accademia delle Arti del Disegno e la grande guerra: tra assistenza e promozione artistica.

h 12.30
Conferenza stampa

h 13.00
Buffet

 

POMERIGGIO h 14.30-18.00
Istituto Francese di Firenze – Piazza Ognissanti, 2, Palazzo Lenzi, Bibliothèque Luchaire, II piano

h 14.30
Saluti
Manon Hansemann, Direttrice dell’IFF e Console Onorario

France et Italie 1918. Sortir de la Grande Guerre.
Italia e Francia 1918. Uscire dalla Grande Guerra.
Incontro coordinato da Roberto Bianchi, Università di Firenze, Dipartimento SAGAS

 

h 15.00-18.00
Sylvie Brodziak, Université de Cergy-Pontoise
Georges Clemenceau, chef de guerre: Au plus vite la Paix!

Daniele Ceschin, Università di Venezia
L’Italia di Vittorio Veneto. 

Laura Lee Downs, Istituto Universitario Europeo
Les femmes au sortir de la guerre.

 Catia Papa, Università della Tuscia
Smobilitare il fronte interno: reti e retoriche giovanili nell’immediato dopoguerra.

_________________________

h 19.00
Teatro Niccolini – Via Ricasoli, 3
Cocktail di benvenuto

h 20.00
Giorgio Fiorenza, Presidente Classe DUS/AADFI, saluta:
Manon Hansemann, Direttrice Istituto Francese Firenze, Console Onorario
Isabelle Mallez, ex Direttrice Istituto Francese Firenze ed ex Console Onorario
Maria Luisa Premuda, Presidente AAIFF

h 20.15
Introduce Luigi Nepi, Università di Firenze, Dipartimento SAGAS

h 20.30
Proiezione del film Joyeux Noël di Christian Carion (Francia, 2005, Colore, 112’ ca., versione italiana)

 

 

Sabato 17 novembre 2018

 

MATTINA h 10.00-13.00
Cenacolo e Famedio Santa Croce – Piazza S. Croce, 16

h 10.00-10.30
Saluti
Irene Sanesi, Presidente dell’Opera di S. Croce/OSC
Giuseppe De Micheli, Segretario Generale OSC
Giorgio Fiorenza, Presidente Classe DUS/AADFI

h 10.30-11.30
Introduce Roberto Bianchi, Università Firenze, Dipartimento SAGAS

Nicola Labanca, Università di Siena
I monumenti ai caduti di Firenze. Celebrazioni, commemorazioni, usi pubblici del passato.

_________________________

 

h 12.00
Famedio Santa Croce

Dans l’herbe offerta musicale per tutte le vittime della Grande Guerra
Trio Pleiades (Silvia Lombardi François, soprano; Alessio Tosi, tenore; Chiara Sidoli, pianoforte)

PROGRAMMA CONCERTO

 

h 13.00
Saluto conviviale

 

_________________________

 

POMERIGGIO h 16.00-17.30
Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele 4, Sala Adunanze

h 16.00-17.30
Guerra e Cultura
Presentazione della Collana “Guerra e Cultura” diretta da Antonello La Vergata

Interventi di:
Antonello La Vergata, Università di Modena e Reggio
Gaspare Polizzi, Vicepresidente Classe DUS/AADFI
Giovanna Procacci, Università di Modena e Reggio

 

Comitato scientifico e organizzativo
Manon Hansemann, Direttrice Institut Français Firenze/IFF, Console Onorario
Marco Lombardi, Università di Firenze, Vicepresidente AAIFF, Accademico Ordinario AADFI
Roberto Bianchi, Università di Firenze, Dipartimento SAGAS
Barbara Innocenti, Università di Firenze, Segretaria AAIFF
Giorgio Fiorenza, Presidente Classe DUS/AADFI
Gaspare Polizzi, Vicepresidente Classe DUS/AADFI
Monica Maffioli, Vicepresidente Società Italiana per lo Studio della Fotografia, Accademico Onorario AADFI
Silvia Lombardi François, Soprano e Musicologa
Laura Turchi, Segreteria AADFI
Justine-Grou-Radenez, Biblioteca IFF
Francesca Ristori, Assistente direzione e comunicazione IFF
Jean-Pascal Frega, Accoglienza e servizio tecnico IFF

 

Con il contributo di
Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
Associazione degli Amici dell’Istituto Francese di Firenze
Opera di Santa Croce
Educandato Statale SS. Annunziata di Firenze

 

Patrocini
Dipartimento SAGAS, Università di Firenze   

 

 

 

LA VIA DELLA SCULTURA

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione della mostra

LA VIA DELLA SCULTURA

15 novembre 2018 – ore 17.00

Sala delle Adunanze – Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

INTERVENGONO
Cristina Acidini, Presidente della’Accademia delle Arti del Disegno
Antonio Di Tommaso, Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno
Vittorio Santoianni, Curatore
Qiu Yi, Presidente dell’Associazione di Arte e Cultura Contemporanea CINA e ITALIA

 

ARTISTI
Marcello Guasti
Giuseppe Calonaci
Gabriele Perugini
Guido Pinzani
Antonio Di Tommaso
Piero Gensini

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra “Artisti del Vento”

La Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di Invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra

 

Artisti del Vento

Arte giapponese del XXI secolo

 

7 novembre 2018 – ore 18.00

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) –  Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristiana Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Sasage
Presidente del Setsuryosha Museum of Art Foundation

Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 8 al 28 novembre 2018

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra Sauro Cavallini

La Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di Invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra di

 

SAURO CAVALLINI

LUCE e OMBRA

 

4 ottobre 2018 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) –  Firenze

 

INTERVERRANNO
Cristiana Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Domenico Viggiano
Direttore della Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno

Teo Cavallini
Centro Studi Cavallini

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 4 al 30 ottobre 2018

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

L’Accademia celebra San Luca

Un articolo pubblicato sul quotidiano “Il Corriere fiorentino”
ricorda la nostra storia e illustra i profili
dei nuovi Accademici eletti in questo 2018.

CLICCARE QUI PER SCARICARE L’ARTICOLO: PDF

Mostra Stefania Valentini

La Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di Invitare la S.V.
alla inaugurazione della mostra di

 

STEFANIA VALENTINI

ARCA DELLA MEMORIA

 a cura  di Nicola Micieli

 

8 settembre 2018 – ore 17.00

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. piazza San Marco) –  Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVERRANNO
Cristiano Benucci
Sindaco di Reggello

Nicola Micieli
Curatore della Mostra

Roberto Giovannelli
Accademico Ordinario della Classe di Pittura

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 8 al 28 settembre 2018

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Mostra di Giuseppe Calonaci “Parete Occupata”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra di

 

GIUSEPPE CALONACI

ASTRATTO-CONCRETO

 

PARETE OCCUPATA
LA PARETE ENTRA NELL’OPERA E DIVENTA FORMA

Storici dell’arte ACIDINI – CRISPOLTI – MENEGUZZO – MEUCCI CARLEVARO – MICIELI

 

6 luglio 2018 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) – Firenze

 

INTERVERRANNO

CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

ANTONIO DI TOMMASO
Presidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno

NICOLA MICIELI
Curatore della mostra

 

SARÀ PRESENTE L’ARTISTA

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 6 al 31 luglio 2018

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE

 

Inaugurazione mostra “Forma dell’Anima” di Wang Tan

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra 

FORMA DELL’ANIMA

Opere di Wang Tan

 

2 luglio 2018 – ore 18.00

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTO
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENGONO
Andrea Granchi
Presidente della Classe di Pittura dell’Accademia delle Arti del Disegno

Enzo Zhang
Curatore della mostra

seguirà aperitivo

 

INGRESSO LIBERO

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
DAL 2 AL 10 LUGLIO 2018

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Lectio Magistralis di Richard Rogers “A place for all people”

La S.V. è invitata alla Lectio Magistralis di

Richard Rogers
A place for all people

 

giovedì 21 giugno 2018

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PROGRAMMA

15.30 – CHECK-IN

16.00 – SALUTI ISTITUZIONALI

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Dario Nardella
Sindaco della Città Metropolitana di Firenze

Eugenio Giani
Presidente del Consiglio Regionale della Toscana

 

16.30 – INTRODUZIONI

Francesco Gurrieri
Presidente della Classe di Architettura, Accademia delle Arti del Disegno

Cristina Donati
Critica di architettura

 

17.00 – LECTIO MAGISTRALIS
Richard Rogers, “A place for all people”

 

DIBATTITO
La conferenza sarà tenuta in italiano e resa pubblica sul sito dell’Accademia.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
R.S.V.P.

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Inaugurazione della mostra “Pace, Luce e Speranza”

L’Accademia delle Arti del Disegno
in occasione della 7° Festa della Cultura San Giovanni Battista
è lieta di invitare la S.V. alla inaugurazione della mostra

“Pace, Luce e Speranza”

opere sui temi di San Giovanni, Firenze e la luce

 

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

giovedì 14 giugno 2018

18.30 – Sala delle Adunanze
INTERVENGONO

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

John Hoenig
Direttore artistico Festa della Cultura e curatore della mostra

 

19.00 – Salone del primo piano

 

VERNISSAGE CON GLI ARTISTI

Antonio Ciccone, Alessandro Vannini, Jason Arkles,
Martina Guasti, Kate Marin, Maximiliano Vatovac,
Fernando Cidoncha, Jacob Zumo e Wagner Stancampiano

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 14 al 23 GIUGNO 2018

 

 

Inaugurazione mostra “L’Abbraccio Silenzioso di Ventaglio e Pennello”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra

L’ABBRACCIO SILENZIOSO
DI VENTAGLIO E PENNELLO

MOSTRA EVENTO DI CALLIGRAFIA CINESE
SU VENTAGLI DA COLLEZIONE

 

5 giugno 2018 – ore 18.00

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

PROLUSIONE
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENGONO
Valentina Pedone & Huanh Chengzi
Direttrici dell’Istituto Confucio – Università di Firenze

Carlo Francini
Ufficio UNESCO del Comune di Firenze

a seguire

PERFORMANCE DI CALLIGRAFIA

A cura degli artisti cinesi

TAI JIN & CAI JUN

e membri dell’Associazione culturale

FeIMO Contemporaney Calligraphy

Cocktail Party

PER SCARICARE LA LOCANDINA CLICCARE QUI

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
DAL  5 – 9 GIUGNO 2018

Inaugurazione mostra Renato Severino

La Presidente
dell’Accademia delle Arti del Disegno
prof.ssa Cristina Acidini
è lieta di invitare la S.V.
all’inaugurazione della mostra di

RENATO SEVERINO
ARCHITETTO IN QUATTRO CONTINENTI

5 giugno 2018 – ore 17.30

Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) –  Firenze

 

INTERVERRANNO

CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

FRANCESCO GURRIERI
Presidente della Classe di Architettura dell’Accademia delle Arti del Disegno

CRISTINA DONATI
Curatrice della mostra

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE

 

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 5 al 30 giugno 2018

 

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

Convegno “Roberto Salvini (Firenze 1912-1985)”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al Convegno

 

Roberto Salvini (Firenze, 1912-1985)
la Storia dell’arte, Firenze, l’Europa

a cura di Enrica neri Lusanna

 

Accademia delle Arti del Disegno – Via Orsanmichele, 4 – Firenze
31 maggio – 1 giugno 2018

 

GIOVEDÌ 31 MAGGIO
ore 14.30

Saluto e presentazione di Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Saluto di Giorgio Bonsanti
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

Saluto di Stefano Casciu
Direttore del Polo museale della Toscana

 

I SESSIONE presiede CRISTINA DE BENEDICTIS

1 – IL MEDIOEVO DI ROBERTO SALVINI

Enrica Neri Lusanna
La “Medieval Sculpture” di Roberto Salvini e l’arte come linguaggio figurativo

Adriano Peroni
La facciata del Duomo di Modena. Lanfranco e Wiligelmo

Clario di Fabio
Salvini, Wiligelmo e l’Occidente

Cecilia Frosinini
Salvini, Agnolo Gaddi e la pittura medievale

 

2 – SALVINI, IL RINASCIMENTO, L’EUROPA

Bert Mejier
La pittura delle Fiandre

Giorgio Bonsanti
Su Pacher e l’arte tedesca

Alessandro Cecchi
Gli studi su Botticelli di Roberto Salvini

 

VENERDÌ 1 GIUGNO
ore 9.00

II SESSIONE presiede CRISTINA ACIDINI 

3 – SALVINI, LA FORMAZIONE, IL METODO, LA DIVULGAZIONE

Giovanna De Lorenzi
Problemi di metodo: Roberto Salvini, Hans Sedlmayr, e la Germania

Patrizia Castelli
Iconologia e critica d’arte: «il problema del rapporto tra l’artista e il programma» negli scritti di Roberto Salvini

Emanuele Greco
Roberto Salvini e l’arte contemporanea: riflessioni su un rapporto poco noto

4 – SALVINI, LA TUTELA, L’INSEGNAMENTO, L’IMPEGNO CIVILE

Stefano Bulgarelli
Roberto Salvini, l’impegno nella storia dell’arte 

Cristina De Benedictis
Roberto Salvini e la Galleria degli Uffizi 

Maria Enrica Vadalà
Le biblioteche di Roberto Salvini

 

ore 15.30

III SESSIONE presiede ENRICA NERI LUSANNA

5 – RICORDANDO SALVINI 

Mina Gregori
Una testimonianza 

Francesco Gurrieri
Salvini sul ponte a Santa Trinita 

Luigi Zangheri
Salvini e l’Accademia delle Arti del Disegno 

Giovanni Leoncini
Salvini didatta 

Bruno Santi
Da San Marco a piazza Brunelleschi. Un ricordo di Roberto Salvini

Federico Tiezzi, letture

 

6 – CONCLUSIONI

 

 

con il sostegno del:
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

 

con il patrocinio della:
Università degli Studi di Firenze – Sagas Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo

 

 

QUI PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Convegno “I fiorentini e il centro storico”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V. al Convegno

I fiorentini e il centro storico:
una città senza residenti?

Due giornate di studi sui problemi
del Centro Storico di Firenze

PALAZZO DEI BECCAI
Sala delle Adunanze – Via Orsanmichele, 4 – Firenze

Prima sessione
23 maggio ore 16.00-19.00

Coordina
Gaspare Polizzi

Apertura lavori
Francesco Gurrieri

Interventi di
Mariella Zoppi
Carlo Francini
James Bradburne
Giuseppina Carla Romby
Alessandro Petretto
Francesco Carrassi
Paola Concia
Cristina Giachi

Seconda sessione
29 maggio ore 16.00-19.00

Coordina
Gaspare Polizzi

Apertura lavori
Cristina Acidini

Interventi di
Massimo Livi Bacci
Giuseppe De Luca
Marco Dezzi Bardeschi
Silvia Viviani
Mauro Lombardi
Gian Franco Cartei
Paolo Ermini
Lorenzo Perra

Due giornate di studi per discutere sulle condizioni attuali del centro storico
di Firenze, città d’arte tra le più note al mondo, mettendo a confronto differenti
competenze in una prospettiva pluridisciplinare.
Ci si propone di focalizzare l’attenzione sui seguenti temi:

A) Gli strumenti urbanistici che hanno regolato le condizioni generali della città;
B) Le dinamiche demografiche che hanno trasformato il centro storico di Firenze;
C) Le dinamiche economiche e finanziarie sviluppatesi in città, e specificamente nel
centro storico, con particolare riferimento al turismo, alla gestione del patrimonio
artistico e alla produzione artigianale;
D) Le linee della progettazione intrapresa dagli amministratori pubblici e privati.

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione del volume “Dante e i fedeli d’Amore”

L’Accademia delle Arti del Disegno
è lieta di invitare la S.V.
alla presentazione del volume

 

Dante e i Fedeli d’Amore
incontro di lettere, filosofia ed arte

 

11 maggio 2018 – ore 17.30
Sala delle Adunanze – Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

 

SALUTI
Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

 

INTERVENGONO
Marco Dezzi Bardeschi
Fenomenologia del Dolcestilnovista

Andrea Granchi
Presenta il ciclo artistico
“Due amici fanno un terzo: Stazio, Dante, Virgilio, una sola anima”

Carlo Bertocci
Presenta il percorso artistico
“Omaggio ai Fedeli d’Amore”

 

Presentazione del libro
“Dante e i Fedeli d’Amore” di Renzo Manetti

Pagliai Editore 2018

 

SARÀ PRESENTA L’AUTORE

 

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Presentazione volume “Paolo Uccello” di M. Minardi

ANGELINI E TARTUFERI PRESENTANO IL VOLUME “PAOLO UCCELLO” DI M. MINARDI

Ciclo di conferenze “Le età del Disegno”

a cura di Enrica Neri Lusanna

L’ACCADEMIA DELLE ARTI DEL DISEGNO
È LIETA DI INVITARE LA S.V.
ALLA PRESENTAZIONE DEL VOLUME

Paolo Uccello
di Mauro Minardi

 

Edizioni 24Ore CulturaLocandina Minardi

3 maggio 2018 – ore 17.30

Sala delle Adunanze – Palazzo dell’Arte dei Beccai
Via Orsanmichele, 4 – Firenze

SALUTI

Cristina Acidini
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

Enrica Neri Lusanna
Presidente della Classe di Storia dell’Arte
dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTERVERRANNO

Alessandro Angelini
Università di Siena

Angelo Tartuferi
Galleria dell’Accademia di Firenze

SARÀ PRESENTE L’AUTORE

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

Wilma Ciantelli

INAUGURAZIONE MOSTRA WILMA CIANTELLI – 5 MAGGIO 2018 – ORE 17.30

LA PRESIDENTE
DELL’ACCADEMIA DELLE ARTI DEL DISEGNO

PROF.SSA CRISTINA ACIDINI

È LIETA DI INVITARE LA S.V.
ALL’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DI

 

WILMA CIANTELLI

IMG_3860

5 maggio 2018 – ore 17.30
Sala delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno
Via Ricasoli, 68 (ang. Piazza San Marco) –  Firenze

CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

DOMENICO VIGGIANO
Direttore della Sala Espositiva dell’Accademia delle Arti del Disegno

PAOLA CASSINELLI
Critica d’arte

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

LA MOSTRA SARÀ VISITABILE
dal 6 al 31 maggio 2018

ORARIO
martedì-sabato 10.00-13.00 / 17.00-19.00
domenica 10.00-13.00 – lunedì chiuso

Luigi Dallapiccola. L’idea del volto

LA PRESIDENTE DELL’ACCADEMIA DELLE ARTI DEL DISEGNO PROF.SSA CRISTINA ACIDINI È LIETA DI INVITARE LA S.V. ALL’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DI

Luigi Dallapiccola. L’idea del volto

lunedì  7 maggio 2018 – ore 18.00

Palazzo dei Beccai – Via Orsanmichele, 4 –  Firenze

PROLUSIONE

CRISTINA ACIDINI
Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno

INTERVENGONO

GIORGIO BONSANTI
Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno

MARIO RUFFINI
Curatore della mostra

PER SCARICARE L’INVITO CLICCARE QUI

EVENTO IN COLLABORAZIONE CON:

IN OCCASIONE DEL LXXXI FESTIVAL
DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

WWW.CENTROSTUDIDALLAPICCOLA.IT