BONSANTI GIORGIO

BONSANTI GIORGIO

 

Elezione: Storico dell’arte, eletto Accademico Onorario 5.10.1990 (Atti 1990-1991 c. 28); eletto Accademico Corrispondente 15.10.1999 (Atti 1998-00 c. 57); eletto Accademico Ordinario 22.09.2010 (Atti 2010)

Classe di appartenenza: Storia dell’Arte

Ruolo Accademico: Accademico Ordinario della Classe di Storia dell’Arte

Si è laureato in Storia dell’Arte all’Università di Firenze nel 1970, con una tesi su Michael Pacher (relatore Roberto Salvini). Nel 1967/8 ha usufruito di una borsa di studio del Governo Austriaco presso l’Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Vienna. Dal 1968 al 1974 è stato assistente del direttore Charles de Tolnay nella Casa  Buonarroti a Firenze, collaborando sia alla sistemazione del Museo, che alla grande pubblicazione del Corpus dei Disegni di Michelangelo. Dopo l’ingresso nell’Amministrazione dello Stato come vincitore di concorso nazionale, dal 1974 al 1979 è stato a Modena, come Soprintendente Reggente e Direttore della Galleria Estense(riaperta in un nuovo ordinamento nel giugno 1975). Dal 1979 al 1988 è stato nella Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici a Firenze, come Direttore delle Cappelle Medicee (fino al 1982), del Museo di San Marco (di cui ha curato un nuovo ordinamento con sostanziali ampliamenti e nuove sale; inaugurato nel 1983), della  Galleria dell’Accademia (nuovo ordinamento con sostanziali ampliamenti e nuove sale: inaugurato nel 1983-1985) e dell’Ufficio Restauri. Ha diretto il restauro, fra gli altri, del Tondo Doni di Michelangelo agli Uffizi e degliaffreschi del Beato Angelico nel Convento di San Marco.

Dal 1985 è divenuto Dirigente nei ruoli del Ministero per i Beni Culturali come vincitore di concorso nazionale. Dal marzo 1988 è stato nominato Soprintendente dell’Opificio delle Pietre e Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, raggiungendo il grado di Dirigente Superiore nei ruoli del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ rimasto Soprintendente dell’Opificio fino al marzo 2000, promuovendo l’Istituto ad importante realtà internazionale. E’ stato all’origine dell’approvazione della Legge di Istituzione della Scuola di restauro presso l’Opificio (gennaio 1992), del suo Regolamento di Esecuzione (luglio 1997), e del riconoscimento dell’Opificio comeIstituto di alta formazione e studio, parificato all’Istituto Centrale per il Restauro e all’Istituto di Patologia del Libro (Legge di Istituzione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, 1998, art.9).

E’ uno dei redattori e firmatari del Documento Europeo di Pavia sulla nuova figura professionale del restauratore (novembre 1997), e delDocumento ICOMOS sulla conservazione dei dipinti murali redatto in forma finale a Thessaloniki (2003).

In questo periodo ha avuto responsabilità nel restauro, fra i tanti, degli affreschi di Piero della Francesca ad Arezzo, di quelli della Cupola del Duomo di Firenze di Vasari e Zuccari, del Parmigianino a Fontanellato (Parma), di Pietro da Cortona a Palazzo Pitti, delle statue di Orsanmichele e dell’Opera del Duomo (Donatello, Ghiberti, Verrocchio, Nanni di Banco ecc.), dell’Annunciazione Cavalcanti di Donatello e dei Monumenti funebri di Leonardo Bruni (Bernardo Rossellino) e Carlo Marsuppini (Desiderio da Settignano) in Santa Croce a Firenze, della Porta del Paradiso di Ghiberti, della Croce di Santa Maria Novella e della Madonna di San Giorgio alla Costa di Giotto, di altri dipinti di Raffaello (Madonna del Baldacchino), Caravaggio (Decollazione del Battista di Malta), Rubens (Storie di Enrico IV degli Uffizi), Botticelli (Incoronazione della Vergine degli Uffizi), e molti altri.

Ha curato personalmente le seguenti Mostre: Restauri fra Modena e  Reggio, Modena 1978; Per una Politica del Restauro a Firenze, Firenze 1982;Donatello e i Suoi (con Alan Darr di Detroit, Firenze 1986); Raffaello e Altri (Firenze 1990); Arte  del Rinascimento e Restauro (Kyoto-Tokyo-Nagoya 1991), Emozioni in terracotta – Guido Mazzoni e Antonio Begarelli nell’Emilia del Rinascimento (con Francesca Piccinini, Modena 2009), oltre a partecipare a vario titolo a molte altre.

Ha organizzato (insieme con il Centro CNR diretto da Renzo Salimbeni) il III Congresso Internazionale sul Laser nel restauro (Firenze 1999).

Dal marzo 2000 è divenuto Professore di 1° Fascia di Storia e Tecniche del Restauro all’Università di Torino, Facoltà di Scienze della Formazione (prima cattedra creata in Italia per questa disciplina). Dal novembre 2002 è stato Professore di Storia e Tecnica del Restauro all’Università di Firenze, Facoltà di Lettere (ha tenuto anche corsi di Istituzioni di Storia dell’Arte, Storia dell’Arte Moderna, Museologia e Museografia). Dal marzo 2003, è stato confermato Professore Ordinario. In pensione dal gennaio 2010. Ha mantenuto insegnamenti di Storia e Tecnica del Restauro nell’Università di Macerata, sede di Fermo, presso la Scuola di Specializzazione (2010/2011, 2011/2012) e il Triennio (2011/2012).Svolge tuttora attività di consulenza per numerosi progetti di restauro e museologia in Italia e all’estero. E’ uno dei due Curatori Scientifici del progetto Restituzioni di Intesa Sanpaolo.

E’ stato dal 1988 al 2000 direttore responsabile della Rivista OPD Restauro ed ha avuto la responsabilità delle numerose pubblicazioni di restauro dell’Opificio. E’ adesso garante scientifico della rivista di restauro Kermes. E’ membro del consiglio Scientifico della rivista Arkos – Scienza e Restauro. E’ consulente del Salone di Restauro annuale di Ferrara e fa parte del Comitato Scientifico e del Comitato Esecutivo delSalone del Restauro biennale di Firenze. E’ uno dei soci fondatori dell’IGIIC (Italian Group of the International Institute for Conservation), ed appartiene al suo Comitato Direttivo. Fa parte del Consiglio Scientifico Internazionale Permanente dei Convegni intitolati “LACONA” (Laser Conservation in Art), e del comitato Direttivo di Aplar (Applicazioni Laser nel Restauro). E’ membro del Collegio dei Consultori della rivista Arte Lombarda. E’ stato membro del Comitato di Redazione del Bollettino d’Arte, e del Consultative Committee della rivista del Victoria & Albert Museum di Londra The Sculpture Journal.

E’ autore di numerosi studi scientifici (articoli e libri) su Giotto, Beato Angelico, Michael Pacher, Donatello, Michelangelo e altri artisti fra Trecento e Cinquecento. La sua monografia sullo scultore cinquecentesco Antonio Begarelli (Modena, 1992) ha vinto la prima edizione del premio internazionale “Giulio Romano- Palazzo Te” a Mantova.

E’ stato borsista allo Harvard University Center di Villa I Tatti (1982-3).

Dal 1980 al 1985 ha insegnato Legislazione Artistica nella Scuola di Restauro dell’Opificio delle Pietre Dure. E’ stato Professore a contratto delle Università di Siena con sede Arezzo (corso di Conservazione in Beni Culturali, Anni Accademici 1995/6, 1996/7, 1997/8, per n.60 ore annue) e di Genova (Scuola di Specializzazione in Restauro Architettonico, 1995/6, 1996/7, 1997/8, 1998/9, per n.20 ore annue). Ha tenuto cicli di lezioni presso la Scuola Archeologica Italiana di Atene (1998), presso l’Istituto Superiore di Studi Filosofici di Napoli (1999), e presso l’Università di Siviglia (Master, a.a. 2003/2004, 2005/2006).

Ha tenuto conferenze e interventi, nelle lingue inglese, francese e tedesca, in Congressi e Convegni presso sedi come la National Gallery, il Victoria & Albert Museum, il British Museum e il Courtauld Institute di Londra, il Metropolitan Museum di New York, le Università di Harvard e di Yale, il Detroit Museum of Art, il J.P.Getty Museum di Los Angeles, il Louvre, il Liebighaus di Francoforte, il Neues Museum di Berlino; oltre che al Cairo, Cracovia, Torun, Kiev, Sibiu, Siviglia, Valencia, l’Avana, Berna, Amsterdam, Vienna, Salisburgo, Graz, Los Angeles, Santa Barbara (Cal.), Athens (Georgia, U.S.A.), Isola di Creta (Iraklion), Liverpool, Baden Baden, Aquisgrana, Colonia, Bonn, Hildesheim, Dresda, Costanza, Lisbona, Sendai (Giappone), Seoul, Gyeongju (Corea), Pechino, Xi’an, Kizil (Cina).

Ha fatto parte dei Gruppi europei di valutazione dei progetti Raphael presso la Comunità Europea di Bruxelles negli anni 1997, 1998 e 1999. Dal 2003 fa parte del gruppo di valutazione dei progetti per la sezione italiana del World Monument Fund (ARPAI). E’ stato nominato Commissario valutatore esterno (Advisor) del progetto europeo di ricerca scientifica nel restauro “Charisma” (2010 – 2012)

Dal 1992 al 2000 ha fatto parte del Consiglio Scientifico dell’Istituto Courtauld dell’Università di Londra per la Conservazione Dipinti Murali. E’ stato membro del comitato Scientifico per il restauro del grande lampadario romanico detto “Hezilo – Leuchter” nel Duomo di Hildesheim(Germania), del Comitato Scientifico per la conservazione del Duomo di Hildesheim (2008), e della Deposizione del Bronzino al Museo di Besançon. E’ membro di ICOMOS. Fa parte del Consiglio Scientifico dell’Opificio delle Pietre Dure, per nomina ministeriale.

Dal 1994 tiene come opinionista la rubrica mensile “Aperto per Restauri” ne Il Giornale dell’Arte.

Dal 1997 al 1999 è stato Presidente del Centro Culturale “Il Bisonte” per lo studio delle arti grafiche. E’ Accademico Ordinario nella Classe di Storia dell’Arte dell’ Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.

Ha collaborato negli anni e tuttora collabora a quotidiani e periodici, fra cui L’Unità, Paese Sera, Il Corriere di Firenze, il Corriere Fiorentino (edizione di Firenze del Corriere della Sera), La Repubblica (edizione di Firenze).

E’ stato Consigliere Comunale e Vice Presidente della Commissione Cultura a Firenze fra il 1985 e il 1990, e nuovamente Consigliere Comunale dal 1999 al 2004, per un totale di dieci anni. E’ stato membro del Consiglio di Amministrazione del Teatro Comunale e Maggio Musicale Fiorentino fra il 1990 e il 1998, e membro della Commissione per gli Esercizi Storici del Comune di Firenze (1994 – 96).

Dal 1998 al novembre 2006 è stato membro della Commissione Scientifica per la tutela del Patrimonio Artistico della Presidenza della Repubblica.

Dall’ottobre 2004 al marzo 2006 è stato Presidente di Firenze Mostre S.p.A.

Dal maggio 2003 è Coordinatore Scientifico del CERR (Centro Europeo di Ricerche nella Conservazione e il Restauro), Istituto del Comune di Siena.

Dal 31 luglio 2004 al maggio 2011 è stato Presidente del Festival dei Popoli (Festival di Cinema documentario) di Firenze. Appartiene tuttora al Comitato Direttivo.

Dal marzo 2005 è membro della Commissione per la Conservazione del Museo del Louvre.