BAGLIONI PIERO

BAGLIONI PIERO

Elezione: Chimico, eletto Accademico Ordinario 17.10.1997; eletto Vicepresidente della Classe di Scienze e Discipline Umanistiche 15.10.2004; eletto Vicepresidente della Classe di Scienze e Discipline Umanistiche 14.10.2008; attualmente è Accademico d’Onore

Ruolo accademico: Accademico d’Onore

Nato a Firenze nel 1952

Posizione attuale:  

1) Professore ordinario di Chimica-Fisica, Università di Firenze

2) MIT affiliate, Massachusetts Institute of Technology, Cambridge, US

Posizioni precedenti: 

2004 – oggi: MIT affiliate, Department of Nuclear Science and Engineering, MIT, Cambridge

2000-2003: Visiting Professor/Research Fellow, Department of Nuclear Engineering, MIT, Cambridge, Prof. Sow-Hsin Chen

1994 – oggi: Professore ordinario di Chimica-Fisica, Universita’ di Firenze

1994:  Visiting professor, College de France, Paris, Laboratoire de la Matiere Condensee, Profs. P.G. de Gennes and J. M. di Meglio

1992-1994: Professore associato di Chimica-Fisica presso il Dipartimento di Chimica,  Universita’ di Firenze

1990: Visiting Professor, The Weizmann Institute of Science, Department of Chemical-Physics, Rehovot, Israel, Prof. D. Goldfarb

1987-1992: Professore associato di Chimica-Fisica presso il Dipartimento di Chimica,  Università di Udine

1987-1989: Visiting scientist/professor presso il Department of Chemistry, University of Houston, USA, Prof. Larry Kevan

1986: Postdoc presso il Department of Chemistry, University of Houston, USA, Prof. Larry Kevan

1981-1986: Ricercatore universitario presso il Dipartimento di Chimica, Università di Firenze

Titoli di studio/perfezionamento

1978-1981: Borsa di perfezionamento da parte del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

1977: Laurea in Chimica: 110/110 con lode. Titolo: Sintesi e caratterizzazione di membrane semipermeabili per la separazione di gas.

Premi Internazionali piu’ importanti

2012 – Catedra de Fisica, Università di San Luis Potosi, Messico (Laurea Honoris-Causa in Fisica)

2011 – Lifetime achievements per il contributo alla Scienza dei Colloidi e delle Superfici (JCIS)

2010 – Caballero Aguila. Il più alto riconoscimento del Governo federale del Messico  per il contributo alla conservazione del patrimonio culturale del Messico (Premio CONACULTA-INAH)

2004 – Gran Prix for Innovation Award

2002 – Rhodia Prize – dell’ European Colloids and Interface Society (ECIS).

Servizi scientifici ed organizzazione della ricerca

1) Fondatore e Direttore  del Consorzio Interuniversitario per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase, CSGI (1993 – 2011).

2) Direttore  del Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze (2001 – 2003).

3) Presidente della Divisione Italiana di Colloidi e Interfasi  GICI (2001-2006).

4) Presidente della Divisione di Chimica-Fisica della Società Chimica Italiana (2010-2012).

5) Coordinatore del progetto Italiano Colloidi e Superfici CNR-FUSINT, CNR-Patrimonio Culturale, CNR-Materiali (MSTA-II), Progetti Nazionali PRIN (progetti biennali): PRIN 1995, 1998, 2001, 2003, 2006, 2008.

6) Coordinatore(C)/Partecipante(P) di progetti Europei: PECO(P), JOULE(P), BIO-OIL(P), LIFE(C), LEAPFROG(P), POLYTECT(P), AMNA(P), COMBIO(P), NANOFORART(C).

Si riportano ad esempio alcuni progetti degli utlimi anni:

  • Multifunctional microsystems for diagnostic (MiUR-FIRB-RBNE01ZB7A) – 2003-2007
  • A New Competitive Liquid Biofuel for Heating (ENK5-CT-2002-00690) – 2003-2006
  • Addressable Molecular Node Assembly – a Generic Platform of Nanoscale Functionalised Surfaces Based on a “Digitally Addressable” Molecular Grid (NMP4-CT-2004-013575) – 2005-2008
  • Leadership for European Apparel Production from Research along Original Guidelines (NMP2-CT-2005-515810) – 2005-2009 Polyfunctional Technical Textiles against Natural Hazards (NMP2-CT-2006-026789) – 2006-2010
  • National Initiative on Nanobiosciences (RBPR05JH2P_007) – 2007-2010
  • Advanced encapsulation technology for sustainable detergency (FP7-PEOPLE-2009) – 2010-2014
  • Advanced Methodologies for the Knowledge and the Conservation of Cultural Heritage (REGIONE TOSCANA) – 2010-2012
  • Nano-materials for the conservation and preservation of movable and immovable artworks (FP7-ENV-NMP-2011-282816) – 2011-2013

Attività di Valutazione della Ricerca

Revisore per le più importanti riviste del campo di attività scientifica

Journal of Physical Chemistry A, B, C, Letters; Langmuir; Journal of American Chemical Society; Macromolecules; Journal of Colloid and Interface Chemistry; Soft Matter; Advanced Materials; Nanoscale; Physical Review E; Physical Review Letters; Journal Chemical Physics, Journal of Physics Condensed Matter; European Physics Journal E; Journal of Colloids Materials Science and Engineering; Fuels; Physical Chemistry Chemical Physics; Journal of Inclusion Phenomena; Journal of Photochemistry and Photobiology; Acta Crystallographica; etc..

Appartenenza a comitati internazionali di valutazione

Componente dei panel di valutazione Europei: Unione Europea: Human Capital and Mobility (1998-2001), European Science Foundation (EURY 2004-2006);

Valutatore di progetti di ricerca per: National Science Foundation (2002-2003); Swedish Research Council (Vetenskapsradet, 2005); CD-Forschungsgesellschaft, Austria (2008); Humbodlt Foundation, Germany (2009); MIUR (dal 1998-);

Componente dei comitati di valutazione per l’accesso a large scale infrastructures europee: Laboratoire Leon Brillouin (LLB, 1999); Hahn Meitner Institute (2002-2006); Helmholtz Zentrum (2009-2014);

Valutazione per l’accesso a large scale infrastructures degli USA: National Institute for Standard and Technology, Gaithersburg (NIST) (2008-2011); Oak Ridge National Laboratory (2009-2010);

Componente di panel di valutazione e di indirizzo della ricerca di Enti ed Industrie:

Componente del Consiglio Scientifico di CTG-Italcementi (2000-2011);

Componente del Consiglio Scientifico di Axim (societa’ del gruppo Italcementi) (2007-2010);

Componente del Consiglio Scientifico e del panel di valutazione dell’ Institut de Chimie Separative  de Marcoule, Centre Energie Atomique, ICSM-CEA, France (2008-2010);

Componente del consiglio scientifico del Dipartimento di Progettazione Molecolare del CNR (2009-2011);

Valutazione del Sistema Universitario:

Componente del Comitato di valutazione internazionale della Commissione Federale Svizzera delle alte scuole specialistiche e delle università professionali, HES (2003);

Componente del Nucleo interno di valutazione dell’Università di Firenze (2009-2012).

Afferenza a Società o Accademie nazionali/internazionali

1) European Academy of Science; 2) Royal Academy of Art and Science of Sweden; 3) Molecular Frontiers (under the auspices of the Nobel Foundation); 4) International Institute for Conservation of Historic & Artistic Works; 5) American Chemical Society (ACS); 6) European Colloids and Interface Society (ECIS); 7) European Society for Neutron Spectroscopy; 8) Società Italiana di Luce di Sincrotone (SILS); 9) Società Italiana Neutroni; 10) Società Chimica Italiana; 11) Accademia delle Arti del Disegno fondata da Giorgio Vasari (una delle più antiche Accademie italiane).

Membro dell’Editorial Board di riviste internazionali

Soft Matter, Royal Society of Chemistry

Journal Physical Chemistry Chemical Physics, PCCP, Royal Society of Chemistry

Journal of Colloid and Interface Science, Elsevier

The European Physical Journal E  (EDP Science, Società Italiana Fisica, Springer)

Langmuir, American Chemical Society

Colloids and Surface A, Elsevier.

Attività scientifica

Pubblicazioni, H=40, total citations=6981.

364 pubblicazioni: 12 articoli feature/review, 285 articoli in riviste di alto prestigio internazionale, 12 articoli di proceedings in libri (sottoposti a referaggio),  19 capitoli su libri, 8 articoli in riviste/libri popolari, 21 brevetti.

Curatore di libri:

 – Dynamics of water and glass-forming liquids, IOP (2012)

 – Photocatalysis, Environment and Construction Materials, Rilem (2007)

 – Current Trends in Nanoscience. From Materials to Applications, Elsevier  (2006)

 – Topics in the Application of Scattering Methods to Investigate the Structure and Dynamics of Soft Condensed Matter, IOP (2006)

 – Physical Chemistry Chemical Physics, Special Issue Colloid and Interface Science (2004).

Conferenze ad invito

6 conferenze prestigiose, 18 conferenze plenarie, 102 conferenze ad invito in congressi internazionali, 12 conferenze pubbliche.

Disseminazione della ricerca scientifica – articoli della stampa internazionale/nazionale dedicati all’attività di ricerca di PB

1) Piu’ di sessanta articoli su giornali (New York Times; El Pais, Le Monde, Jurnalul National (Romania), La Stampa, Le Nouvel Observateur, Reforma, Gente, Panorama, Espress, Neue Zürcher Zeitung, Die Welt, Frankfurter Algemeine; Corriere della Sera; Sole24ore; Repubblica; La Nazione; ecc.).

2) Servizi alla TV: Dwelle TV (Germany), Tomorrow Today (USA), New England Cable (UK), Discovery Channel (USA), Fox news (USA), Canal 5 plus (France), CanalC2 (France), Rai 3 (Italy), Televisione Vaticana, CNN, ecc..

Servizi cinematografici: “Welcome to the nanoworld”, prodotto da France 5 EBU-UER, Centre National de Cinematographie, Eurovision Science, e da European Commission; NIST Colloquium 2010; “Chemistry for the Conservation of Cultural Heritage: Preserving our Past for a Better Future”, France 2.

3) “Highlights” scientifici: Chemical Engineering News January 24, 1994 p.35; Nature Science Update 11 July 2001 “Nanotechnology restores flaking frescoes”; Nature Science Update 22 October 2002 “Nanoparticles save paper”; Nature Materials Update 21 August 2003 “Restoring the conserved, micellar systems remove damaging polymer layers from works of art”; Nature Nanotechnology 11 May 2007 Art Restoration: Keeping it clean; Nature 3 September 2007 Magnets harnessed to clean artwork: Sponges filled with iron nanoparticles make lifting dirt easy; Nature Nanotechnology 30 October 2009, Nanocontainers: Clean and spotless art; Nature Materials, vol. 8, page 446, JUNE 2009; Chemical Engineering News October 15, 2007, vol. 85 #42, P. 38 ; Chemical Engineering News October 1, 2007, vol. 85, #35, P.12; Le Science, Scientific American; NIST Colloquium Series 2010; etc..

Promozione e formazione di giovani ricercatori

Negli ultimi due decenni dedicati all’insegnamento, PB ha formato numerosi studenti a vari livelli di specializzazione (91 master, 22 PhD).  Molti di questi giovani ricercatori sono oggi professori in università italiane o straniere ed in centri di ricerca stranieri. Alcuni hanno posizioni importanti in industrie nazionali ed internazionali.

Attività di ricerca riferita al 2002-2012

Negli ultimi dieci anni PB ha pubblicato in riviste internazionali di alto prestigio 10 articoli feature/review, 222 articoli, ha curato la pubblicazione di 5 libri, 5 capitoli in libri , 8 articoli in riviste per il pubblico, 10 brevetti. Inoltre è stato invitato a presentare 106 contributi in convegni e workshop (4 conferenze in consessi di alto prestigio, 13 conferenze plenarie, 81 comunicazioni ad invito in conferenze internazionali, 8 conferenze per il pubblico.

A titolo di esempio, e solo per mostrare la reputazione a livello internazionale di PB, si riportano alcune conferenze  efettuate di recente:

International Year of Chemistry 2011, Italian Embassy and WOAM, Washington DC, 04/04/2011. “Chemistry for the Conservation of Cultural Heritage: Preserving our Past for a Better Future”. Public lecture.

World Bank, Washington DC, Sustainability of Historic City Management and Cultural Heritage Conservation, 03/11/2011. “Nanotools for Conservation of Cultural Heritage. Public Lecture.

Smithsonian, Museum Conservation Institute (MCI) 02/11/2011. Nanoparticles and Nanocontainer for Restoration and  Conservation of Cultural Heritage. Prestigious lecture.

Institut de Science et d’Ingénierie Supramoléculaires, Université de Strasbourg, 02/05/2011 – International Year of Chemistry 2011. “Chemistry for the Conservation of Cultural Heritage: Preserving our Past for a Better Future”. Public lecture.

Lafayette College, Pennsylvania (USA), 29/03/2011 – International Year of Chemistry 2011. “Chemistry for the Conservation of Cultural Heritage: Preserving our Past for a Better Future”. Public Lecture.

Lund University, 03/02/2011 – International Year of Chemistry 2011. “Chemistry for the Conservation of Cultural Heritage: Preserving our Past for a Better Future”. Public Lecture.

3rd EuCheMS Chemistry Congress 2010, Chemistry – The Creative Force, Nürnberg (Germany). “Soft and hard nanoparticles for restoration and conservation of Cultural Heritage”. Invited lecture.

7th Lipidomics Congress: Lipids in all states, Anglet – Biarritz (France), 03-06/10/2010. “Hybrid Lipid-DNA Self-Assemblies”. Invited lecture.

ACS 239th National Meeting, San Francisco (USA), 21-25/03/2010. “Conservation of cultural heritage: there is plenty of room for colloids science”. Invited lecture.

International School of Molecular and Structural Archaelogy, 3rd Course: Non-invasive analysis of painting materials, Erice (TP), 14-21/06/2010. “New frontiers in material science for art conservation. Responsive gels and beyond”. Plenary.

International Workshop 14th Annual Meeting Swedish Neutron Scattering Society and Bio-Interfaces: from molecular understanding to application, Lund (Svezia), 24-27/08/2010. “Hybrid Lipid/DNA Self-Assemblies”. Plenary.

Recent Advances on Supramolecular Systems Involving Biological Molecules and/or Bioinspired Compounds, Centre de Recherches Paul Pascal, Pessac (France), 14-15/10/2010. “Lipid membranes functionalized with nucleobases”. Invited lecture.

Seminar on Nanotechnology for art Conservation, Northwestern University (MRSEC), 28/10/2010. “New Methodologies for the Conservation of Cultural Heritage: Micellar Solutions, Microemulsions and Hydroxide Nanoparticles”. Plenary.

Seminar series in Conservation Science: Nanotechnology for research and art conservation, Northwestern University, Chicago (USA), 27/10/2010. “Nanogels for cleaning and consolidation”. Plenary

Baglioni, P. Workshop “Manipulation of DNA with cosolutes” Kumarakom, Kerala (India), 13-16/01/2010. “Lipid membranes functionalized with DNA”.  Invited Lecture.

Organizzazione di conferenze internazionali 

Negli ultimi 10 anni PB ha organizzato 6 conferenze internazionali:

International workshop, Dynamics of water and glass-forming liquids, Fiesole, Italy (2010)

International conference, Photocatalysis, Environment and Construction Materials, Florence, Italy (2007).

International workshop, Topics in the Application of the Scattering Methods to Investigate the Structure and the Dynamics of Soft Condensed Matter, Fiesole, Italy (2006)

International conference, European Material Research Society, Symposium A: Current Trends in Nanoscience – From Material to Applications, Strasbourg, France (2005)

International conference, European Colloid & Interface Science Society (ECIS), Florence, Italy (2003)

International workshop, Self-Assembly – the Future, Massa Marittima, Italy (2002).

Ha inoltre fatto parte del comitato scientifico internazionale di 12 conferenze internazionali.

Attività di ricerca ed esperienze nella gestione di Enti ed Organismi di Ricerca

Piero Baglioni è il ricercatore italiano più importante (come contributo in pubblicazioni) nel campo della “Soft Matter”. E’ autore di piu’ di 350 pubblicazioni che riflettono la diversità dei suoi interessi scientifici, che tuttavia sono incentrati nel campo della moderna scienza dei colloidi e nella “Soft Matter”. L’attivita’ di PB e’ sia orientata alla ricerca pura che allo sviluppo di applicazioni in aree apparentemente distanti tra loro. I suoi 20 lavori (ISI) pubblicati nel 2010 includono 3 pubblicazioni nel Journal of Physical Chemistry B, due lavori nell’ Accounts of Chemical Research sull’applicazione delle nanoscienze al restauro ed alla conservazione del Patrimonio artistico e culturale, una sul Journal of the American Chemical Society sull’effetto ione-specifico sul diagramma di fase di soluzioni di una proteina, ed infine due lavori sulla sintesi di liposomi contenenti nanoparticelle magnetiche e sul loro impiego come sistemi responsivi e carrier per il rilascio controllato di principi attivi di interesse farmacologico (Soft Matter e J. Phys. Chem. Letters). Questi studi possono, ad una prima visione superficiale, sembrare completamente disconnessi tra loro, ma gli approcci metodologici e concettuali che ne sottendono la progettazione e realizzazione appartengono senza alcun dubbio alla chimica-fisica ed alla “soft condensed matter”, discipline nelle quali PB è apprezzato internazionalmente.

L’attività scientifica recente puo’ essere organizzata secondo quattro linee principali: autoaggregazione e diagramma di fase di fosfoliponucleosidi, idratazione del cemento, nanoparticelle e nuove metodologie per la conservazione del patrimonio artistico e culturale.

Nucleolipidi. L’idea originale era quella di associare alla catena alchilica di un fosfolipide (che manifesta proprietà autoaggregative ed un ricco diagramma di fase) una testa intelligente che manifestasse proprietà di riconoscimento molecolare.

In questa ottica furono sintetizzati numerosi nuovi derivati fosfolipidici inserendo nucleosidi sulla testa polare dei fosfolipidi. Queste nuove molecole integrano, come detto, due diverse proprietà (auto associazione e riconoscimento molecolare) arricchendo il diagramma di fase originale dei fosfolipidi e aprendo un largo spettro di possibili applicazioni. PB è riuscito a dimostrare che il riconoscimento avviene anche in acqua (cosa non ovvia visto che l’acqua è un competitor formidabile per la formazione del legame ad idrogeno che insieme ad interazioni di tipo pi-greco – pi-greco sono responsabili del processo di riconoscimento) e che vengono riprodotte patterns di tipo Watson-Crick. Il riconoscimento molecolare può quindi essere utilizzato per modulare le proprietà di aggregazione, aprendo una nuova strada ad applicazioni come ad esempio la realizzazione di vettori non-virali per “gene-delivery”. La fedeltà del processo di riconoscimento può inoltre essere utilizzata per il controllo di suprastrutture con geometria e dimensioni predefinite da usare in applicazioni delle nanoscienze.

Un secondo ed importante argomento è legato al cemento. In una serie di lavori pubblicati a partire dal 2000 PB ha dimostrato che proprietà di paste cementizie invecchiate dipendono strettamente dai coefficienti di trasporto dell’acqua di idratazione del cemento (studi effettuati essenzialmente facendo ricorso a sofisticate metodologie di scattering come small angle neutron scattering, back scattering, quasi elastic neutron scattering, e differential scanning calorimetry). Per la prima volta è stato proposto un metodo, basato sull’analisi cinetica del cosidetto Free Water Index, che consente la comprensione dell’effetto di additivi nel processo di presa del cemento, ed in ultima analisi delle proprietà finali del cemento (ad esempio proprietà meccaniche). Gli studi sul cemento rappresentano una dimostrazione tipica di quanto la ricerca fondamentale possa essere importante per l’industria, e rappresenta una testimonianza di trasferimento tecnologico al mondo produttivo. Infatti, da queste ricerche è nata una collaborazione decennale con Italcementi che ha prodotto notevoli avanzamenti nelle prestazioni di materiali cementizi.

Un terzo importante contributo è legato alla  messa a punto di nuove strategie sintetiche per l’ottenimento di nanoparticelle (idrossidi, ossidi, carbonati, solfati di metalli alcalino terrosi e di alcuni transizionali – principalmente Zr e Zn) e la loro funzionalizzazione per diversi scopi che vanno dal bio-medicale alla conservazione del patrimonio culturale. Alcuni tipi di particelle (ferrite e cobaltoferrite) sono stati sviluppati per ottenere nuovi sistemi per la somministrazione controllata di principi attivi. Questi nuovi sistemi consentono sia una manipolazione spaziale sia il controllo del processo di rilascio mediante campi magnetici oscillanti a bassa frequenza.

Il quarto contributo, che è nato per divertimento quasi come hobby, è legato al trasferimento delle conoscenze acquisite nella Soft Matter alla conservazione dei beni culturali. L’attività in questo campo ha, negli anni, assunto un ruolo sempre più centrale sia per la ricerca di PB che per la Scienza della Conservazione. Le innovazioni metodologiche e concettuali apportate da PB alla Scienza per la Conservazione  hanno riscosso un eccezionale successo sia scientifico che mediatico. È ormai internazionalmente riconosciuto che le ricerche ed i metodi di restauro messi a punto da PB siano alla base di un nuovo modo di concepire la conservazione; una conservazione basata sulla scienza dei materiali e, più in particolare dei nanosistemi, dove l’intervento di restauro agisce direttamente invertendo i processi di degrado. L’avanzamento metodologico si riflette nel rispetto della composizione materica dell’opera d’arte consentendone il trasferimento alle generazioni future. Oggi i restauratori hanno a disposizione un’intera tavolozza di metodologie che possono usare in tutta sicurezza per l’opera d’arte e per il restauratore medesimo.

In conclusione i maggiori avanzamenti scientifici prodotti da Piero Baglioni sono riassumibili come segue:

  1. comprensione fondamentale delle relazioni tra il riconoscimento tra basi nucleosidiche e l’autoaggregazione di fosfolipidi modificati che ha condotto al controllo della formazione di strutture gerarchicamente complesse in solventi a base acquosa, con ripercussioni importanti per applicazioni nel campo biomedicale e di “patterning”.
  2. comprensione del processo di presa del cemento (a livello di nanoscala) in presenza di additivi aprendo la possibilità di ottenere nuovi prodotti a base cementizia con proprietà meccaniche esaltate.
  3. sintesi e funzionalizzazione di nuove nanoparticelle per svariate applicazioni nei campi biomedico, nuovi rivestimenti antimacchia, antiusura, rivestimenti riflettenti od assorbenti la radiazione, ecc..
  4. Nuove metodologie per la conservazione del patrimonio culturale che sono applicati in tutto il mondo. In particolare:

Dipinti murali

  1. metodo Ferroni-Dini
  2. nanoparticelle di idrossido di calcio, bario e stronzio

Deacidificazione della carta e delle tele

Rimozione di materiali organici (polimeri) da opere d’arte trattate impropriamente in precedenti restauri (microemulsioni, micelle, gel, gel chimici e fisici responsivi, ecc.)

Deacidificazione di reperti lignei (il veliero VASA, canne di organo, ecc.)

Conservazione e pulitura di tele ad olio.

Inoltre è autore di brevetti per l’ottenimento di sospensioni acquose ad alta concentrazione di particolato, per la terapia e diagnosi fotodinamica di tumori, per la conservazione di beni culturali, per la realizzazione di un nuovo processo innovativo per il trattamento di scarti derivanti dalla produzione tessile e per l’ottenimento di nanoparticelle per applicazioni industriali e per l’incapsulamento di principi attivi.

Esperienze nella gestione di enti ed organismi di ricerca e di università, conoscenza delle problematiche della programmazione e della valutazione della ricerca, nonché delle relazioni industriali che riguardano il sistema di ricerca nazionale ed internazionale

 Nonostante l’intensa attività di ricerca PB ha dedicato parte del proprio tempo in attività connesse alla ricerca ed al suo miglioramento.

Ha fondato nel 1993, insieme ad Enzo Ferroni, il Consorzio interuniversitario per lo Sviluppo dei sistemi a Grande Interfase (CSGI), che oggi e’ una realta’ solida (molto nota all’estero) che ottiene la maggior parte delle proprie risorse da committenze di tipo industriale (principalmente industrie straniere) e dall’Unione Europea. Il Consorzio ha rappresentato, e rappresenta, un centro di riferimento per la formazione di giovani nel campo dei colloidi.

PB è stato Direttore del Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze (uno dei più grandi dipartimenti italiani), e nel corso degli anni ha acquisito una notevole esperienza gestionale e – cosa a volte difficile in Italia – relazionale.

È stato componente di comitati scientifici di industrie e di associazioni collegate alla problematica industriale (ad esempio FAST), valutando progetti di ricerca di tipo industriale e sviluppando politiche di indirizzo. In alcuni casi è stato direttamente coinvolto nelle ricerche con risultati che hanno dato esito brevettuale (Snamprogetti, P&G, Novartis), o al trasferimento della ricerca di base alla realtà produttiva, come nel caso della lunga collaborazione con Italcementi.

Ha fatto parte di commissioni per la valutazione del sistema universitario Svizzero (alte scuole di formazione elvetiche) e del sistema educativo e di ricerca italiano (nucleo di valutazione dell’Università di Firenze).

Esperienze di ricerca e nella valutazione dei progetti e dei risultati della ricerca nazionale ed internazionale

PB ha acquisito negli anni una notevole esperienza nella valutazione di progetti di ricerca nazionali ed internazionali e nella valutazione di singoli ricercatori.

È stato componente di commissioni dell’Unione Europea (HCM) e dell’European Science Foundation – progetti EURY che sono da considerare i precursori degli attuali ERC.

Ha fatto parte di commissioni di centri internazionali e di large scale facilities come ad esempio Laboratoire Leon Brillouin, Hahn Meitner Institute, Helmholtz Zentrum, National Institute for Standard and Technology, Gaithersburg (NIST), Oak Ridge National Laboratory per i quali ha valutato progetti di ricerca, progetti per l’accesso alla large scale facility, in alcuni casi anche la logistica, i laboratori, ed il piano di sviluppo della ricerca (Institut de Chimie Separative de Marcoule, Centre Energie Atomique, ICSM-CEA, France).